Select Page

L’attività fisica continuativa e un’alimentazione il più possibile naturale, ricca di verdura e frutta e povera di grassi e zuccheri raffinati, aiutano a mantenere la salute psico-fisica delle persone e sono anche un alleato nella prevenzione dei tumori. Il Cai, promuovendo attività fisiche all’aria aperta, potrebbe quindi avere un ruolo anche nella prevenzione dei tumori. Se ne parlerà il 1° giugno a Lanzo in Piazza Rolle, sala Lanzoincontra, nel convegno organizzato dalla commissione medica del convegno Ligure-Piemontese – Valdostano del Club Alpino Italiano, dalla Rete oncologica Piemonte – Valle d’Aosta e dalla sezione di Lanzo del Cai e patrocinato dal Comune di Lanzo, dalla Provincia di Torino e dalla Società Italiana di medicina di Montagna.

I relatori Oscar Bertetto, direttore della rete oncologica Piemonte – Valle d’Aosta, Sergio Bretti, direttore S.C.Oncologia AslTo4, Lucia Grassi responsabile del DH onologico dell’ospedale di Lanzo, Franco Berrino epidemiologo dell’Istituto Tumori di Milano, Etta Finocchiaro, nutrizionista dell’Azienda ospedaliera Città della salute e della scienza, Maria Piera Mano, ginecologa e chirurgo senologo e oncologo, Aldo Rizzi, esperto di attività fisica adattata e Giuseppe Massazza, direttore del servizio di Fisiatria dell’Azienda ospedaliera Città della salute e della scienza, discuteranno di stili di vita che possono concorrere a migliorare la durata e la qualità della vita e che si pensa giochino un ruolo nella prevenzione primaria e secondaria dei tumori.

Al pranzo, a base di prodotti naturali con menù didattico, seguirà una tavola rotonda dal titolo “Dal dire al fare” introdotta da Franco Finelli, chirurgo, presidente della commissione medica Cai LPV. Francesca Avalle, pedagogista, parlerà di reattanza e resilienza, ovvero: mi piacerebbe, ma…facilitazioni e ostacoli a livello inconscio dei cambiamenti. Seguiranno proposte di itinerari nelle Valli di Lanzo  con il sindaco di Viù daniela Majrano e esperti di escursionismo estivo e invernale (Gino Geninatti, Bruno Visca e Wilma Borgna), nordic walking (Fabrizio Lorenzoni) e sci di fondo (Antonio Perino).