Select Page

Aggiornamento del 16 febbraio 2020 – Domenica mattina in Alpago alle pendici della Val Salatis, è andata in scena la tappa conclusiva della Transcavallo, gara di scialpinismo a squadre che si è corsa in tre prove tra le nevi a confine tra Piancavallo e Tambre.

Tutte le classifiche 3° giorno:

La completa mancanza di neve alle quote più basse ha costretto gli organizzatori ad alzare la partenza a 1400 metri sul livello del mare. In programma sei salite per un totale di 2100 metri di dislivello positivo con dei tratti da affrontare a piedi, con i ramponi calzati e sci nelle spalle. Nonostante la situazione critica a valle in alto le condizioni del tracciato erano perfette, tanto perfette che è stato possibile percorrere il “canalino delle Placche”, una lingua di neve che si insinua tra le rocce del monte Guslon con pendenze che superano i 50°.
Subito dopo il via sono stati Michele Boscacci e Matteo Eydallin a prendere il comando della gara, dopo le due prime giornate, dove gli atleti del Centro Sportivo Esercito hanno un po’ faticato a carburare, i due azzurri hanno subito tenuto un ritmo altissimo guadagnando secondi preziosi sugli inseguitori William Boffelli e Alex Oberbacher, appena dietro salivano Armin Holf e Jakob Herrmann.

Boscacci Eydallin non rallentano il passo alla fine del “canalino delle Placche” hanno 2 minuti di vantaggio sulle altre squadre. Sul traguardo della Val Salatis i vincitori fermano il cronometro in 2:10’50’’, Boffelli-Oberbacher chiudono in 2:11’38’’, mentre il podio è completato dagli austriaci 
Armin Holf e Jakob Herrmann con 2:12’58’’.
In quarta e quinta posizione si classificano rispettivamente Nicolò Canclini con Federico Nicolini e la squadra francese di Xavier Gachet e William Bon Mardion.

Per quanto riguarda la classifica finale della 37^ Transcavallo la vittoria va al Centro Sportivo Esercito di Michele Boscacci e Matteo Eydallin con un tempo totale di 3:58’39, in seconda posizione gli austriaci Armin Holf e Jakob Herrmann (4:00’45’’) mentre terzi si classificano William Boffelli e Alex Oberbacher (4:02’58’’).

In campo femminile Alba De Silvestro e Ilaria Veronese non hanno problemi a tenere la prima posizione anche in questa terza e ultima tappa. Vincendo con il tempo di 2:52’03’’. Alle loro spalle Johanna Hiemmer (AUT) e Blikken Haukoy Malene (NOR) che hanno fermato il cronometro in 3:01’32’’. Sul terzo gradino del podio salgono Valentine Fabre (FRA) e Sierra Anderson (USA) in 3:07’06’’. La classifica finale della Transcavallo ricalca l’ordine d’arrivo dell’ultima tappa in programma.

Per quanto riguarda la Coppa Italia giovani tra i Cadetti vince Luca Vanotti, in seconda posizione Filippo Bernardi mentre in terza c’è Gabriele Bardea. Noemi Junod vince tra le cadette davanti a Noemi Gianola ed Erika Sanelli.

Nella categoria Junior vittoria per Samantha Bertolina, sul secondo gradino del podio sale Lisa Moreschini mentre in terza c’è Katia Mascherona. In campo maschile dominio del vicentino Matteo Sostizzo davanti ad Alessandro Gadola e Rocco Baldini.

Nel Under 23 vincono Giorgia Felicetti e Christian Lucchini.

Aggiornamento del 15 febbraio 2020 – Michele Boscacci e Matteo Eydallin vincono la seconda tappa della 37^ Transcavallo. In seconda posizione Armin Holf e Jakob Hermann. Tra le donne conferma di Alba De Silvestro e Ilaria Veronese.

Tutte le classifiche 1° giorno:

Tutte le classifiche 2° giorno:

 
La seconda tappa della Transcavallo è andata a Michele Boscacci e Matteo Eydallin, queste prime due tappe della Transcavallo hanno evidenziato la natura del vero scialpinista: l’adattamento.
Purtroppo le precipitazioni nevose del 2020 non hanno permesso agli organizzatori, coordinati da Vittorio Romor e Diego Svalduz, di mantenere i percorsi originali. In ogni caso il percorso della seconda tappa con 1440 metri di dislivello positivo diluito in quattro salite è piaciuto a tutte le squadre anche se in alcuni tratti la neve non era presente.
In campo maschile Boscacci-Eydallin hanno chiuso con il tempo di  1:03’11’’ mentre Hermann-Hofl hanno accusato un ritardo di soli 6 secondi. Il podio è completato dal Team Crazy di Canclini-Nicolini.
 
 
In campo femminile c’è la conferma della azzurra Alba De Silvestro in coppia con Ilaria Veronese che tagliano il traguardo con il tempo di 1:20’28’’, in seconda posizione la squadra internazionale formata da Valentine Fabre (FRA) e Sierra Anderson (USA). Sul terzo gradino del podio salgono Johanna Hiemmer (AUT) e Blikken Haukoy Malene (NOR).
Domani si ritornerà in Alpago gareggiando sulle nevi iridate della Val Salatis.
 
Da segnalare che anche quest’anno è in programma la “Transcavallo Classic”, lo scialpinismo senza agonismo che seguirà le tappe della gara sotto la sapiente ala delle guide alpine messe a disposizione dall’organizzazione – info ed iscrizioni in segreteria Transcavallo al 3405986452 o info@transcavallo.it  – www.transcavallo.it
 
Aggiornamento del 14 febbraio 2020 –  Sulle nevi di Piancavallo la prima tappa della 37^ Transcavallo si tinge dei colori austriaci di Armin Holf e Jakob Hermann, in seconda posizione i due atleti del Centro Sportivo Esercito, Michele Boscacci e Matteo Eydallin. Il podio è completato dal Team Crazy di Nicolò Canclini e Federico Nicolini. La coppia vincitrice ha fermato il cronometro in 44’28’’ mentre gli azzurri accusano solo 10’’ di ritardo. Canclini-Nicolini sono terzi con il tempo 45’50’’.
Nella gara femminile vittoria per la coppia formata da Alba De Silvestro e Ilaria Veronese, la squadra della nazionale azzurra ha chiuso la prima prova con il tempo di 1.01’07’’ in seconda posizione la squadra internazionale formata da Valentine Fabre (FRA) e Sierra Anderson (USA). Sul terzo gradino del podio salgono Johanna Hiemmer (AUT) e Blikken Haukoy Malene (NOR).
Domani mattina il via sarà dato alle ore 7, le squadre dovranno affrontare 1520 metri di dislivello positivo. Un tracciato tecnico e aereo che passerà per forcella Alta di Palantina, Mentre Tremol, Monte Colombera. L’arrivo sarà al Rifugio Arneri.
Domenica tutto sarà come previsto, gli atleti gareggeranno tra le tracce della Val Salatis, valle iridata nel 2017. L’ultima tappa sarà valida come prova di Coppa Italia Giovani.

Share This