Select Page

All'ombra delle Tre Cime di Misurina, domenica 23 dicembre, si è corsa l'undicesima edizione della Misurina Ski Raid, gara di scialpinismo a tecnica classica che ha aperto ufficialmente la stagione della Coppa Italia – Trofeo Scarpa. Matteo Eydallin ha costruito la sua vittoria durante la terza salita, mentre la Pellissier ha sempre mantenuto la testa della gara.
I Cadini di Misurina, baciati dal sole e ricoperti da oltre un metro e mezzo di neve hanno fatto da cornice alla competizione organizzata dallo sci club Dolomiti ski-alp e dalla Cadini Promotion.

I primi a partire sono stati i cadetti, per loro un percorso di 903 metri con uno sviluppo di circa otto chilometri. Subito dopo è stata la volta delle donne Master e Senior insieme agli Junior maschili. Alle ore 9.45 i Senior hanno potuto dare sfogo alla potenza dei cavalli nelle proprie gambe. Il percorso dei Senior attraversando in lungo e in largo i Cadini di Misurina aveva uno sviluppo di oltre tredici chilometri con 1702 metri di dislivello positivo con quattro salite da affrontare.

Nella prima salita il gruppo composto da Eydallin, Reichegger, Antonioli, Lenzi, Lanfranchi e dallo sloveno Nejc Kuhar hanno scollinato tutti in pochi secondi, la successiva discesa non ha fatto una grossa selezione. Eydallin ha fatto delle linee ideali guadagnando qualche secondo di vantaggio, il gruppetto inseguitore è arrivato al cambio quando Eydallin era appena partito. Nella seconda salita gli inseguitori riescono a ricucire il gap, ma è nella terza salita quella che arrivava a forcella del Nevaio, che Matteo Eydallin riprende il comando della gara. «Nella parte con i ramponi – ha detto Eydallin – mi sono avvantaggiato con una trentina di secondi su Manfred Reichegger, poi in discesa ho fatto correre gli sci e sono riuscito a stare davanti».

Matteo Eydallin taglia il traguardo con il tempo di 1:38'24'', il compagno di squadra Reichegger arriva al Lago Antorno con 1'19'' di ritardo. Robert Antonioli per festeggiare nel migliore dei modi il compleanno si regala il terzo posto. A dimostrazione dell'alto livello dei partecipanti Damiano Lenzi ha conquistato la quarta piazza. Pietro Lanfranchi e Nejc Kuhar sono rispettivamente quinto e sesto.

In campo femminile Gloriana Pellissier, dopo un'estate di intenso allenamento ha trovato la giusta condizione che le ha permesso di stare al comando della gara per tutta la sua durata, alle sue spalle Francesca Martinelli ed Elisa Compagnoni. «Sono un po' in ritardo con la preparazione – ha detto la Martinelli – in estate non mi alleno molto, ma come inizio di stagione posso essere più che soddisfatta».

La valdostana chiude la propria gara con il tempo di 1:29'04'', la Martinelli ferma il cronometro in 1:33'21'', mentre la Compagnoni sale sul terzo gradino del podio in 1:40'04. Elena Nicolini è quarta mentre Martina Valmassoi chiude quinta.
La Misurina Ski Raid è stata un ottimo banco di prova anche per le categorie giovanili. I Comitati Regionali della Valle d'Aosta, delle Alpi Centrali, del Trentino e Veneto hanno schierato in totale 92 giovani atleti. Per quanto riguarda la categoria Junior maschile ha dominare è stato Luca Faifer (sc Alta Valtellina), con alle sue spalle Federico Nicolini (Brenta Team) e Nadir Maquet (Corrado Gex).

Nelle ragazze Junior la portacolori dello sc Dolomiti ski-alp Alba De Silvestro ha vinto su Natalia Mastrota (sc Alta Valtellina). In terza posizione si è classificata Erica Rodigari.
Nella categoria cadetti Giulia Compagnoni è salita sul gradino più alto del podio dietro di lei Laura Corazza e Giulia Murada.
Tra i cadetti domino assoluto di Davide Magnini (as Cauriol) davanti a Pietro Canclini (sc Alta Valtellina) e ad Andrea Greco (sc Sondalo).

Vittorio Romor, presidente del Dolomiti Ski-Alp è soddisfatto della giornata sui Cadini «Abbiamo allestito un percorso alpinistico e molto tecnico». Ha detto Romor. «Inoltre avere tra i primi classificati la nazionale di scialpinismo quasi al completo ci gratifica e ci rende molto orgogliosi».

L'undicesima edizione della Misurina Ski Raid è stata resa possibile grazie all'aiuto e alla collaborazione della Cadini Promotion, del Corpo Forestale dello Stato, del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino, di Misurina Neve e del Cai sezione Cadorina di Auronzo.