Select Page

“Tour du Rutor”, in Val d’Aosta sabato 9 aprile. La Finale di Coppa del Mondo aumenta l’interesse per una gara che è già altamente qualificata e amata dagli specialisti dello sci alpinismo. Le condizioni meteo di questi giorni non sono certo state favorevoli e non si tratta di un caso isolato… Alte temperature e assenza di neve. E così – a meno di cambiamenti climatici di una certa consistenza – la partenza avverrà sci in spalla anziché con gli sci ai piedi.



L’affascinante scenario del ghiacciaio Chateau Blanc sarà ancora teatro di sfide epiche perché quest’anno, oltre all’importanza che ha acquisito negli anni, l’evento organizzato dallo Sci Club Corrado Gex di Arvier ha l’onorevole compito di assegnare la Coppa del Mondo a squadre in un anno in cui i francesi Gachet e Perrier l’hanno davvero fatta da padroni vincendo alla grande le prime due tappe. Gli atleti d’oltralpe hanno vinto anche il campionato europeo davanti agli azzurri Boscacci e Murada, la coppia che insegue i leader in Coppa del Mondo staccata di una manciata di punti.



Entrambi i team hanno perfezionato l’iscrizione al Tour du Rutor, ma non è detto che la cronaca per la vittoria sia solo un confronto a due. A fare da terzo incomodo c’è una coppia che sulla carta ha grande potenzialità, quella dei francesi Brosse e Blanc che hanno vinto la mitica Pierra Menta con oltre 4’ sui connazionali Gachet – Perrier (secondi) e addirittura 22’ su Boscacci-Murada (quarti).



Alla competizione che partirà sabato 9 aprile da Planaval ci saranno altre due coppie che hanno tutte le carte in regola per ambire ad un posto sul podio, quella di Giacomelli-Pellissier, terza proprio alla Pierra Menta, e quella composta da Reichegger e Brunod, i vincitori della decima edizione del Tour du Rutor.



Dunque un pronostico davvero difficile, che aumenta lo spettacolo e la tensione di una gara che di anno in anno sta crescendo grazie al lavoro “professionale” di un manipolo di volontari, che si sono sempre distinti per scelte azzeccate e che hanno sempre avuto il consenso degli sci alpinisti e non solo.



Info:

www.tourdurutor.com