Select Page

Dal 26 aprile al 6 maggio 2012 Trento ospiterà nuovamente la rassegna cinematografica internazionale dedicata alla montagna. Dopo i grandi numeri della scorsa edizione, quella del sessantesimo già si prospetta maestosa, sia per gli appuntamenti sia per gli ospiti che parteciperanno. Protagonista indiscussa: la montagna, in tutte le sue forme.

E sono sessanta: il TrentoFilmfestival si prepara a celebrare nel 2012 lo speciale anniversario con un edizione scoppiettante, ricca di iniziative e personaggi d’eccezione, protagonisti del  programma che è in via di definizione proprio in questi giorni. Una grande festa dunque, che partirà ufficialmente il 26 aprile, per concludersi domenica 6 maggio 2012. Dai cortometraggi ai documentari, ai lungometraggi, passando per l'antico piacere di leggere un libro: l'anima dell'edizione 2012 del Trentofilmfestival mescolerà adrenalina e meraviglia, riproponendo quel mix di emozioni che da ormai sessant'anni sono di casa a Trento.

I film-maker di tutto il mondo, (quasi 360 quelli che hanno partecipato nel 2011), sono quindi chiamati nuovamente a impugnare la propria telecamera, per raccontare e documentare il meraviglioso mondo della natura d'alta quota, cercando di catturarne silenzi e segreti nei quali immergersi durante i giorni della rassegna. Tutte le pellicole che saranno prodotte, verranno giudicate da una giuria di livello internazionale, che avrà l'arduo compito di assegnare i prestigiosi premi che compongono il palmarés del festival.

Per iscrivere le proprie opere al 60° TrentoFilmfestival (docufilm, corti, lungo e mediometraggi, fiction), il termine ultimo è il 31 gennaio 2012 per le opere prodotte nel 2010 e nel 2011. Per quelle prodotte nel 2012 è invece il 29 febbraio 2012. Per conoscere il regolamento dell'edizione 2012, sarà sufficiente accedere al sito internet della manifestazione.

Non solo video al TrentoFilmfestival: il 26 aprile 2012 scatterà anche la 26a edizione di “MontagnaLibri”, la rassegna internazionale dell’editoria di montagna, da più di un quarto di secolo interamente dedicata a chi mette nero su bianco l’emozione unica scaturita dalle grandi “cattedrali della terra” e dai “giorni grandi” (l’espressione  è  dell’indimenticabile Walter Bonatti da poco scomparso) vissuti sulle più difficili pareti.

Anche il regolamento dell’edizione 2012 di MontagnaLibri è scaricabile online.