Select Page

Storia, natura, scenari mozzafiato, grande bellezza, questi gli ingredienti della 4ˆquarta edizione del Delicious Trail Dolomiti, l’evento di trail-running svoltosi sabato 21 settembre 2019 a Cortina e organizzato dalla L5T SPORT ASD, con il patrocinio del Comune di Cortina d’Ampezzo, Regole d’Ampezzo, Cai sezione di Cortina, e della Fondazione Cortina 2021.

A trionfare ci hanno pensato il giovanissimo Alessio Camilli (terzo nel 2017), classe ’94 di Pieve di Soligo (Treviso), e Barbara Giacomuzzi, l’atleta di casa, già vincitrice nel 2018.

44,20 i chilometri che hanno dovuto affrontare (per 3260 D+) quasi totalmente in solitaria, infatti i due runner hanno sin da subito forzato il ritmo, dando un importante distacco ai diretti avversari.

Lo short trail di 22,9 km (per 1260 D+) è andato a Silvia Rampazzo, l’ingegnere ambientale di Noale, campionessa di corsa in montagna long distance2017, e a Samuele Majoni (transitati insieme sotto il traguardo). 

Kristian Ghedina, per la quarta volta di seguito ha preso parte al trail corto insieme alla fidanzata Patrizia Auer, che ha patito un po’ vista la caduta in bici di qualche giorno prima. 

Le prime impressioni nel dopo gara

Il vincitore Alessio Camilli, che si è buttato nel trail-running solo nel 2015 e di lavoro fa il preparatore atletico, ha dichiarato: «Sono molto contento di questa vittoria che dedico al team Karpos, un gruppo fatto di persone genuine e competenti. Era la seconda volta che partecipavo al Delicious, nel 2017 sono arrivato terzo. Ma questa mattina mi sentivo in forma, così sono partito insieme a Filippo Beccari, (vincitore nel 2018, nda), poi sapendo che lui è forte in salita ma pecca nei tratti corribili, ho deciso di provare a cambiare ritmo in un punto più adatto alle mie possibilità ed è andata bene perché ho mantenuto il distacco fino alla fine. Per quanto riguarda il cibo mi sono concesso solo due pezzi di strudel al rifugio Croda da Lago; è un peccato, ne sono consapevole, viste le tante prelibatezze a disposizione».

La vincitrice Barbara Giacomuzzi, maestra di sci di fondo che d’estate ama correre: «Sono felicissima di questa vittoria; come ho condotto la competizione? Sono partita piano, perché il dislivello sapevo essere notevole, e sono sempre stata in testa. Il punto che ho patito di più è quello della galleria del Lagazuoi che presenta un importante dislivello; in più si corre al buio, illuminati solo dalla propria lampada frontale. In salita? Ho sempre camminato, perché anche chi arriva primo quando è troppo ripido non ce la fa a correre. Dedico la vittoria a tutte le amiche che fanno il tifo per me e a mio marito».

Le parole di Gediminas Grinius, il fortissimo atleta lituano che nel 2016 si è aggiudicato l’Ultra Trail World Tour e quest’anno il Grande Slam delle 100 miglia, ha corso insieme alla moglie e ai partecipanti del suo Trail Running Factory: «Un evento molto bello, mi sono divertito, e ho nel cuore le impareggiabili viste dai picchi più alti delle montagne, e che dire del cibo, i ristori sono ricchissimi, ma essendo vegetariano ho apprezzato particolarmente la polenta con i funghi, e il frico. Un’esperienza da ripetere».

Giovani Menardi, presidente L5T SPORT: «Lo spostamento di location nel centro di Cortina è stato apprezzato, nonostante l’allungamento di qualche chilometro. Ne sono felice e sono contento di quest’edizione ancor più bella delle precedenti e aumentata ulteriormente di numero: oltre 1200 i runners, più 150 partenti al Women Trail».