Select Page

Campionati Europei di skyrunning, il “mostro” ha incoronato Cristian Minoggio & Ester Casajuana Reyes come i migliori interpreti europei nella specialità Ultra SkyMarathon.  Giovedì e sabato, sui sentieri piemontesi della Veia, verranno invece assegnati i titoli vertical e skyrace.

Non solo prova continentale, all’evento griffato Scott & Ortovox si è corsa anche la prova sky da 24km  (1400m D+). Qui a mettere tutti in fila ci hanno pensato Cristian Terzi & Martina Brambilla.

Scommessa vinta sul campo per il comitato organizzatore bergamasco che è riuscito a portare sulle vette orobiche dell’Alta Val Brembana 355 atleti da 14 differenti nazioni.

Doveva essere gara vera sui 50km (5000 m D+) della Ultra Skymarathon scelta dalla ISF come prova unica per l’assegnazione del titolo europeo di specialità e così è stato. Tra i 149 corridori di comprovata esperienza atletico/alpinistica, è stata battaglia dall’inizio alla fine. A decretare i più forti in ambito continentale per il prossimo biennio un itinerario che, per tecnicità e durezza, è stato definito niente meno che “il mostro”.

I bookmaker lo davano grande favorito, ma mantenere i favori della vigilia non è sempre cosa facile. L’estroso atleta piemontese Cristian Minoggio c’è però riuscito andando a vincere una gara che vale la carriera. Per lui primo posto mai in discussione e standing ovation meritata al traguardo di Serina in 6h37’26”. Seconda piazza e argento continentale per lo spagnolo Manuel Merillas 6h52’03”, mentre terzo si è piazzato l’altro azzurro Daniel Jung in 7h02’52”. Completano la top five di giornata l’iberico Manuel Anguita Bayo e l’italiano Luca Arrigoni 7h08’04”.

Al femminile tutte dietro la spagnola Ester Casajuana Reyes che vince gara e titolo continentale in 8h19’11”. Podio in rosa tutto spagnolo con secondo e terzo posto di Sandra Sevillano Guerra 8h33’35” e Silvia Puigarnau Coma 8h41’11”. In lacrime sotto la finish line la vincitrice 2018 Cecilia Pedroni che nel rush finale si è vista sorpassare e ha quindi perso un podio europeo.

NELLA SKYRACE CRISTIAN TERZI & MARTINA BRAMBILLA GRANDI PROTAGONISTI

Vietato chiamarla gara di contorno, la rodata sky delle Maga resta comunque prova per veri gourmet delle corse a fil di cielo. Qui ad imposi ci hanno pensato Cristian Terzi e Martina Brambilla.  Da affrontare 24km  (1400m D+).

Il portacolori del Valli Bergamasche Leffe si è imposto in 2h34’04” mettendo dietro Paolo Poli 2h35’14” e il lecchese Adriano Ticozzelli 2h45’58”.

Al femminile Brambilla ha invece concluso la sua gara in 3h09’09” mettendo in fila Lorena Casse 3h18’11” e Simona Bonomi che ha accusato un ritardo di 58’16” dalla vincitrice.