Select Page

Classifiche edizione 2019:

Ciclisti e podisti si sono ritrovati in Alta Valtellina per la classica sfida Re Stelvio Mapei. Nella medesima giornata, a piedi o in sella ad un bicicletta, sono salitifino ai 2757 metri del Passo dello Stelvio. Domenica 14 luglio 2019 è andata in scena la 35.a edizione.

La manifestazione è unica e richiama ogni anno oltre 3000 concorrenti, impegnati lungo i 42 tornanti della famigeratasalita alpina verso il passo dello Stelvio. Al via si sono ritrovati corridori e ciclisti (professionisti e amatori), tutti intenti ad affrontare 1.533 m. di dislivello, per raggiungere la mitica Cima Coppi del Giro d’Italia, a quota 2.757 m, lungo un percoso di 21.097 km, da Bormio al Passo.

Per tutta la giornata, stop alle auto!

La cronaca della re Stelvio Mapei 2019

L’edizione n. 35 della Re Stelvio Mapei, la grande classica sui 40 tornanti da Bormio allo Stelvio, ha raggiunto quasi i 3000 iscritti con ben 2224 arrivi al traguardo dei 2758 mt del Giogo. Una giornata di sole, quella di domenica 14 luglio 2019, ma la temperatura fresca ha reso la salita meno estenuante per i concorrenti, che dalle ore 8.50 sono partiti da via Al Forte scaglionati a seconda del gruppo di appartenenza. 6 le categorie di partecipanti: la gara podistica per tesserati FIDAL e quella per non tesserati, la gara ciclistica per tesserati – suddivisi tra maschi e femmine – e quella per non tesserati ed infine la gara per le e-bike.

Riccardo Romani, atleta di casa in forza all’Alta Valtellina Bike, mette per la quarta volta consecutiva il suo sigillo alla competizione riservata ai ciclisti tesserati con una salita condotta in modo esemplare, tenendo il ritmo forsennato del gruppetto di atleti che hanno marciato compatti dall’inizio alla fine e con un attacco sull’ultimo chilometro con cui ha messo a tacere le velleità dei suoi avversari (1:07,06 il suo tempo). Nella podistica Fidal, invece, la vittoria va al lombardo Francesco Mascherpa, che chiude in 1:35,48 la sua fatica odierna. Fra le donne, in netta inferiorità numerica (53 femmine contro 545 maschi) si impone Giorgia Bandini con 1:23,58.

Ancora una volta la quasi bicentenaria strada dello Stelvio è stata invasa da un serpentone colorato e folcloristico di persone e – al di là della competizione – qualcuno ha dimostrato di avere una bella fantasia! Il nostro simpatico Renato De Lorenzi è arrivato regolarmente in bicicletta travestito da orso, per omaggiare la mascotte 2019 che campeggiava su tutte le divise dei concorrenti (e chissà se avrà spaventato qualche marmotta lungo la salita!); un signore tedesco della gara podistica è partito correndo con una divisa simile a quella dei pompieri, con tanto di bombola sulla schiena (ma a metà strada era già in canottiera…); qualche corridore è giunto sul finish a piedi nudi e scarpe in mano.

Moreno Gurini se l’è fatta tutta con un’apposita hand bike della E-Stelvio (unico esemplare in Italia oltre a un’altra presente sugli Appennini). Anche tutta la nazionale italiana di short track non è voluta mancare a questo particolare training in quota, con l’allenatore Nicola Rodigari in prima fila. Abbiamo adocchiato altre bici davvero particolari: alcune realizzate dall’artigiano Rinaldi di Tirano (cargo-bike), altre di tipo basculante. Anche alcuni bambini sono arrivati fino in cima, pedalando o “corricchiando” insieme ai genitori. Insomma, è stata una gara davvero per tutti, 21 km di fatica, ma anche di pace e tranquillità, lontani dal frastuono che normalmente s‘ode su queste strade… quasi un lusso, al giorno d’oggi!