Select Page

Cambiato il progetto della funivia della Cresta Rossa; per ora si punta a costruire solo il primo tronco, fino a Punta Indren: la Società Monterosa Spa ha infatti richiesto la valutazione di impatto ambientale solo per il tratto della funivia Passo dei Salati – Punta Indren, rinunciando per il momento alla valutazione per il tronco fino al Dente di Bors, stazione di arrivo scelta al posto di Cresta Rossa.



Circa un anno fa era stato presentato un progetto per una funivia che in due tronconi doveva collegare il Passo dei Salati alla Cresta Rossa (passando per Punta Indren), in territorio piemontese. La conferenza dei servizi della regione Piemonte bocciò allora il progetto, con grande soddisfazione delle associazioni ambientaliste e del Cai che si erano mosse in difesa della zona, dichiarata Sito di Interesse Comunitario.



A gennaio 2006 la Monterosa Spa aveva richiesto alla Regione Valle d’Aosta la VIA (Valutazione dell’Impatto Ambientale) per un nuovo progetto che spostava l’arrivo del secondo troncone in territorio valdostano (“una rivalsa quasi beffarda” secondo Mountain Wilderness), al Dente di Bors, compreso nel comune di Gressoney-La-Trinité.



A fine aprile il comitato tecnico per l’ambiente della regione Valle d’Aosta, preso atto delle osservazioni giunte da varie organizzazioni ambientaliste, dalla Direzione Foreste e dal Servizio Aree Protette dell’Assessorato Agricoltura e Risorse Naturali e dalla Direzione Tutela Beni Paesaggistici e Architettonici, sostanzialmente relative al secondo tronco della funivia, aveva ritenuto opportuno proporre alla Giunta Regionale di estendere l’istruttoria del progetto in esame per altri 180 giorni.



”Un ritardo di 6 mesi – ha dichiarato Ferruccio Fournier, amministratore delegato della Monterosa Spa – ci avrebbe impedito di iniziare i lavori entro l’estate”. Se è vero il detto che chi troppo vuole nulla stringe, la Monterosa spa deve aver pensato che è meglio accontentarsi, almeno per il momento, della metà e ha concentrato l’attenzione sul primo troncone, quello in sostituzione della funivia Bocchetta delle Pisse – Punta Indren, che cesserà l’attività al termine della stagione 2006-2007.



“Abbiamo un impegno di spesa di 16,5 milioni di euro condizionata all’inizio dei lavori entro quest’anno – ha concluso Fournierper di più da quando abbiamo elaborato il progetto dei due tronconi, tre anni fa, i costi di energia e materie prime sono aumentati e quindi per ora puntiamo alla costruzione della funivia fino a Punta Indren. La valutazione di impatto ambientale dovrebbe arrivare in tempo utile per iniziare i lavori verso fine giugno. Il secondo troncone è in stand-by.





Share This