Select Page

La nazionale italiana di deltaplano è tornata a casa. Finiti i Campionati del Mondo classe “Ali Flessibili”, disputati ad Hay, in Australia e molta amarezza. Un risultato – il quarto posto – che va stretto ai piloti azzurri, già tre volte medaglia d’oro nella classe “Ali Rigide”, ma che stentano a guadagnare i vertici mondiali di questa categoria. Non è stato un mondiale esaltante e per tante ragioni. Filippo Oppici di Parma, Elio Cataldi di Treviso, Angelo Crapanzano e Federico Bausone di Cuneo, Alex Ploner di Bolzano ed il trentino Christian Ciech (i componenti della squadra) si sono trovati a volare in un ambiente molto diverso (per non dire agli antipodi…) da quello a cui sono abituati: praticamente dalle Alpi al deserto, con decolli al traino, invece che dai pendii. Temperature oltre i 40°; sciami d’insetti e un’organizzazione non priva di pecche. Non il posto migliore per disputare un campionato del mondo, ma quel che è fatto è fatto.



La partecipazione ha conteggiato assenze illustri, come quella dell’intera nazionale brasiliana e del campione del mondo in carica per questa classe, l’austriaco Manfred Ruhmer, ma anche un attivo di 23 nazioni, rappresentate da 101 piloti più i rispettivi accompagnatori. L’Italia era seguita dai tecnici Flavio Tebaldi ed Andrea Bozzato. Tra le brutte pagine di questo mondiale, da segnalare l’incidente mortale ad un pilota norvegese e quello, fortunatamente senza conseguenze, al nostro Castaldi, che se l’è cavata con qualche graffio ed un deltaplano fuori uso.



Alla fine, delle 13 prove previste, solo 7 sono state convalidate per la classifica finale; annullate cinque per le avverse condizioni meteo ed una su protesta dei team statunitense ed austriaco: proprio quella che aveva reso parecchi punti per la classifica degli Italiani.

Il titolo a squadre è stato vinto dall’Australia, evidentemente avvantaggiata dalla conoscenza dell’insolito sito di volo. Alle sue spalle Austria, Francia ed Italia. Quello individuale è andato all’ucraino Oleg Bondarchuk, seguito dagli austriaci Robert Reisinger e Gerolf Heinrichs. Migliore degli Italiani Alex Ploner (7° posto) primo nella penultima prova.



Fonte:

Gustavo Vitali

Ufficio Stampa FIVL – Federazione Italiana Volo Libero

www.fivl.it

tel/fax 035 577536 – 335 5852431

Segreteria FIVL:

tel. 011 744991 – fax 011 752846



Foto:

Galleria foto Worlds 2005 class 1 – Hay (Australia)

Flavio Tebaidi

dclaveno@tin.it