Select Page

Sulle rive del Lago Maggiore e nelle vallate circostanti, del Cusio e dell'Ossola, le parole cominciano a viaggiare lungo i sentieri della letteratura di montagna, spaziando tra viaggi attraverso i continenti, traversate alpine e avventure alpinistiche. Si sta avvicinando l'edizione 2012 di Lago Maggiore LetterAltura, Festival di Letteratura di montagna, viaggio e avventura che quest'anno giunge alla 6.a edizione.

Il programma si apre a Verbania, dal 28 giugno al 1 luglio. A seguire altre tre tappe:

  • Valle Antiogorio, località di Baceno e Crodo: 7-8 luglio;
  • Lago d'Orta, località di Ameno e Miasino: 14-15 luglio;
  • Valle Anzasca, Macugnaga: 20-21-22 luglio.

Da Luis Sepulveda a Margherita Hack, da Paolo Rumiz a Pino Cacucci, da Marco Paolini a Krzysztof Zanussi grandi personaggi si incontrano sul Lago Maggiore e sui monti circostanti, per parlare di letteratura di montagna, viaggio e avventura.

Scopriamo i percorsi tematici del Festival.

Alpinismo. Mai come negli ultimi anni l’alpinismo è stato al centro di così tante polemiche a causa dei numerosi sacrifici in termini di vite umane. Ma nulla può paragonarsi al senso di infinito e di libertà che si prova in cima a una vetta, dopo ore o giorni di fatica, al limite della sopportazione. Nel corso del festival ne parleranno: l’alpinista delle Dolomiti Ermanno Salvaterra in dialogo con il giornalista Roberto Mantovani; l’alpinista Maurizio Giordani che ci illustrerà la Marmolada; il professore universitario e medico Luigi Festi che con Valerio Zani, Vice Presidente del Corpo Nazionale Soccorso Alpino.
A Macugnaga, Omaggio a Walter Bonatti: il grande alpinista sarà ricordato, attraverso filmati e ricordi di famiglia, da Roberto Mantovani e Luigi Zanzi.

(R)esistenza. (R)esistere, con la “R” tra parentesi, significa tante cose, non tutte facili da descrivere. (R)esistenza è la vita difficile di chi non si arrende mai, ma combatte ogni giorno con coraggio e orgoglio, per ricordare a sé e agli altri i propri cari scomparsi in nome della libertà. (R)esistenza è sempre e soprattutto un atto d’amore. A LetrAltura incontreremo, tra gli altroi, lo scrittore Cristiano Cavina, in dialogo con il giornalista radiofonico Marco Casa, che parlerà dei minatori dell’Appennino; lo scrittore senegale Pap Khouma, in dialogo con il giornalista Oreste Pivetta, che affronterà la sua condizione di nero e cittadino italiano. E ancora Marco Revelli, ricorderà il padre partigiano Nuto Revelli e il suo compagno di tante battaglie Giorgio Bocca………

Il formaggio di Capra. La storia del formaggio ha origini antichissime. La leggenda vuole che un pastore avesse messo del latte in uno stomaco di pecora e questo fosse stato trasformato in formaggio. A LetterAltura si parlerà di tome e tomini con i produttori dell’Associazione CRAVA del Verbano Cusio Ossola, di Robiola Dop di Roccaverano con Gian Domenico Negro, di robiole in foglia di verza e di castagno con Eros Buratti de La Casera di Verbania, di tronchetto di capra di Rancio in Valcuvia con Paolo Satta.

Montagne d'Europa. Per il terzo anno consecutivo LetterAltura propone un percorso tematico dedicato alle montagne d’Europa che hanno fatto la storia culturale, politica e sociale non solo europea: vette e passi importanti dal punto di vista storico e alpinistico e dal punto di vista interculturale, montagne che hanno collegato, e collegano, popolazioni di lingue e culture diverse. Quest’anno i protagonisti saranno i Tatra e la Marmolada, e ancora l’alpinista Maurizio Giordani e il regista polacco Krzysztof Zanussi in dialogo con il giornalista e critico cinematografico Ranieri Polese.

Viaggi. Tanti gli appuntamenti del 2012 dedicati al viaggio, nelle sue forme più svariate. Apertura del festival con i racconti dello scrittore-viaggiatore triestino Paolo Rumiz in dialogo con Daniela Fornaciarini. L’astrofisica Margherita Hack, con il giornalista sportivo Claudio Gregori, svelerà la sua vita in bicicletta, lo scrittore inglese Christian Wolmar, in dialogo con il giornalista Carlo Fèola, ci parlerà di come la ferrovia ha cambiato il mondo. Luis Sepulveda chiuderà il festival a Verbania parlando della Patagonia e dei popoli del Sud del mondo.

Nel ricco calendario di appuntamenti, LetterAltura proporrà anche spettacoli teatrali, laboratori didattici, attività ricreative per grandi e piccini, concerti e approfondimenti legati alla storia e alle culture alpine.

Share This