Select Page

Domenica 28 giugno, a Verbania Lago Maggiore, si è conclusa la prima parte di LetterAltura, Festival di letteratura di montagna, viaggio e avventura. E ora, come di consueto, è tempi di stilare un primo bilancio.

Le presenze complessive sono state 7169. A queste vanno aggiunte 1808 presenze agli eventi-ponte di preparazione, che dalla fine di settembre 2014 hanno visto LetterAltura coinvolta con altre associazioni del territorio e ospite di altre manifestazioni e all’interno delle scuole locali. Gli eventi del festival sono stati 52, più 3 mostre dedicate all’architettura alpina, alla Prima Guerra Mondiale e all’Africa e 1 rassegna cinematografica dedicata ai cortometraggi di montagna, paesaggio e cultura alpina.

Buona anche la copertura sul fronte mediatico, con una rassegna stampa che ad oggi comprende 35 articoli su stampa nazionale, 61 articoli su stampa locale, 19 servizi radiofonici, di cui 12 su radio internazionali e 5 su radio nazionali, 9 servizi televisivi, di cui 2 su reti nazionali, e 234 uscite online.

Commenta Roberta Costi, presidente dell’Associazione: “LetterAltura è davvero il festival con l’anima. Il pubblico è stato sempre attento, partecipe e preparatissimo e i volontari, numerosi ed entusiasti, il cuore del Festival: è stato entusiasmante vedere lavorare in armonia i “senior”, gli studenti delle superiori e in nuovi amici, ospiti dei centri di prima accoglienza. Siamo orgogliosi di poter portare questo esempio: è questo il ruolo di un’associazione culturale. Grazie ai volontari, gli ospiti si sono spesso complimentati per l’ottima organizzazione, che ha come sempre funzionato benissimo, e per la qualità dell’accoglienza. Altro grande punto di forza è la rassegna stampa imponente, che ci permette di promuovere in tutta Italia e nella vicina Svizzera l’immagine di Verbania, dei laghi e delle valli”.

Gli appuntamenti di LetterAltura continuano nel corso del mese di luglio:

  • il 4 ad Ameno
  • il 5 a Verbania (Parco Besozzi Benioli)
  • l’11 a Premeno
  • il 12 all’Alpe Colle e a Vogogna”