Select Page

Alle ore 16,40 locali – le ore 13,30 italiane – il bresciano Silvio Mondinelli ed il gardenese Karl Unterkircher hanno raggiunto la vetta del K2. In diretta telefonica con il capo spedizione Agostino Da Polenza i due alpinisti hanno comunicato di essere in vetta e di voler dedicare questa conquista proprio alla moglie del capo spedizione, gravemente malata.

A 50 anni dalla storica conquista di Compagnoni e Lacedelli, gli italiani tornano quindi sulla seconda cima del pianeta con una cordata condotta in perfetto stile alpino; la spedizione “K2 2004-50 anni dopo” è stato organizzata per commemorare la spedizione del 1954 guidata da Ardito Desio e costituisce una missione di carattere scientifico e alpinistico insieme.

Sempre ieri, intorno alle 17.15, Mondinelli e Unterkircher sono stati raggiunti in vetta da Compagnoni, Giacomelli e Nones. A seguire i membri della spedizione spagnola “Al filo de lo imposible”. Gli 8611 m di questa immensa piramide rocciosa sono stati “attaccati” dal versante sud (quello dello Sperone Abruzzi), posto in terra pakistana. Da circa 3 anni nessuna spedizione riusciva a scalare con successo questo 8.000 che presenta vie d’ascensione non prive di difficoltà.

Intorno alle ore 17.30 locali tutti gli azzurri – comunicano dal campo “Casa Italia” – sono rientrati al Campo IV, compreso Silvio Mondinelli, attardatosi per aiutare gli spagnoli particolarmente provati dall’impresa.