Select Page

TIRANO – Quel ramo di Valtellina che piega a nord nel punto meno ampio dell’alta valle dell’Adda, corrispondente all’incirca al “Terziere di sopra” di storica memoria, è terra ricca di confluenze come nessun’altra in provincia di Sondrio.

Qui s’incontrano, infatti, con la Tellina Vallis (valle di Teglio, l’antico capoluogo) la retica Valposchiavo, appartenente alla Confederazione elvetica, e la orobica Valcamonica bresciana, con le loro strade e i loro valichi aperti tutto l’anno, segnati da un costante traffico turistico e commerciale. Se consideriamo anche le vie di comunicazione secondarie e i sentieri alpini, alcuni un tempo assai importanti (ad esempio per il contrabbando), ci rendiamo conto che, per la ridotta dimensione dell’area, ve n’è una fitta ragnatela.

Ebbene qui, da qualche mese, nato per iniziativa della Comunità Montana di Tirano, sta muovendo i primi passi un consorzio turistico che ha come obiettivo l’aggregazione di enti pubblici e di privati presenti nel cosiddetto “mandamento”, ma anche nei territori limitrofi geograficamente omogenei. Lo scopo, da Teglio a Grosio, passando per Aprica, Tirano, Mazzo e Grosotto, ma non escludendo Poschiavo, Córteno Golgi ed eventualmente altre realtà attigue, è quello di fare “sistema turistico”, rispondendo anche agli imperativi della nuova legge regionale n. 8/04 che rivoluziona la materia del Turismo in Lombardia.

Il presidente del neonato consorzio, l’ing. Clotildo Parigi, sta impostando con grande apertura e con pari determinazione il delicato compito, prima di tutto, di coinvolgere il numero più ampio possibile di soggetti, poi quello di cominciare a dare un indirizzo all’azione dell’organismo. Cosa, la prima, che con l’opportuna pazienza sta riuscendo abbastanza bene (circa un centinaio gli iscritti attuali), mentre per quanto concerne le iniziative, non essendo ancora stata convocata l’assemblea elettiva e mancando di conseguenza il c.d.a., la presidenza – che spetta di diritto alla C.M., al momento unica finanziatrice del consorzio – ha già deciso la partecipazione ad alcune manifestazioni eno-gastronomiche, a qualche fiera turistica e a tutta una serie di eventi che dall’estate prossima celebreranno il 5° centenario dell’apparizione della Madonna a Tirano, avvenuta il 29 settembre 1504. Grande ed atteso evento questo in Valle, per il quale tempo fa si sussurrò persino di una possibile venuta del papa. Il Comitato per l’Apparizione, da tempo costituito, dovendo approntare dei pacchetti turistico-religiosi per il soggiorno dei pellegrini, ha individuato quale referente sul territorio proprio il Consorzio Turistico Media Valtellina, che si sta ora muovendo in tal senso.

Molte aspettative sono riposte nell’azione del consorzio specialmente dagli operatori turistici di questo territorio multiforme, che pur essendo in parte turisticamente ancora da sviluppare e in parte più che altro da potenziare, racchiude in sé pregiate risorse in grado di sedurre interessanti flussi turistici. Ottimi sono gli impianti per lo sci e altri sport invernali, varie le tipologie ricettive e della ristorazione, localmente ben sviluppati l’accoglienza e l’intrattenimento degli ospiti, estese le aree a natura protetta e favorito l’escursionismo, pionieristici i percorsi di skyrunning e salutistici, da valorizzare meglio il golf in quota e l’arrampicata sportiva, ragguardevoli l’architettura storica, l’arte e i musei, ottimi i percorsi didattici e tematici, significative le incisioni rupestri e addirittura unico nel suo genere quel capolavoro che si chiama Ferrovia Retica, il mitico trenino rosso del Bernina.

Non meno importante è l’eno-gastronomia locale, esplicitamente chiamata dalla nuova legge regionale a fare sinergia con il turismo: la bresaola e le mele, il vino e i pizzoccheri, i formaggi e i salumi, le confetture e il miele. Quello che mancava fino a oggi era il coordinamento delle iniziative a livello comprensoriale e, forse, il personale capace di vendere al meglio, complessivamente, la Apple Ski Tellina, come arditamente qualcuno propone si chiami in futuro la nuova realtà unitaria che si propone sul mercato turistico. Si spera di averli trovati o di trovarli al più presto.



Fotogallery