Select Page

Per l'appuntamento tradizionale con l'ouverture della stagione bianca, Livigno si presenta con un'atmosfera natalizia, calda e ovattata, dove il bianco della neve è reso brillante dallo scintillio delle illuminazioni a proiezione che disegnano sulla facciata delle chiese e delle case, scene di vita di montagna e soggetti religiosi legati al Natale.

Chi sceglie di trascorre qualche giorno sugli sci (impianti aperti già dal 30 novembre, o forse prima…) potrà approfittare dell'offerta Skipass Free, in cui lo skipass non si paga a fronte di un soggiorno minimo di 4 notti in hotel o 7 in appartamento. Mentre gli amanti degli sci stretti, grazie alla nevicata di ieri notte, possono già godere di un primo anello di 2 km; aperto proprio oggi sulla piana centrale di Livigno dove in questi giorni è stato ultimato, e attivato, anche l'impianto d'innevamento programmato.
 
I Mercatini di Natale di Livigno sono aperti dal 29 novembre e proseguono per tutto l'Avvento. Si tratta di una villaggio di casette di legno nel piazzale della chiesa di Santa Maria, all'imbocco della zona pedonale, in cui artigiani e artisti espongono i loro manufatti. Si va dai monili, agli oggetti portafortuna per il nuovo anno, alle essenze ed erbe magiche fino agli oggetti in legno come addobbi natalizi ma anche utensili e suppellettili. Non mancano i pezzotti della tradizione valtellinese e le statue del presepe, naturalmente in legno. Per quanto riguarda la parte gastronomica, caldarroste, vin brûlé, frittele di mele e i tipici dolci valtellinesi come la Bisciola.

Partiranno a breve i lavori per l'allestimento della nuova "Kids Play Area", dove un enorme mucchio di neve comporrà la scritta Livigno all'interno della quale verranno realizzati dei divertentissimi scivoli di ghiaccio. Qualche curiosità direttamente sulla nostra pagina Facebook – Livigno Feel The Alps.
 
Se siete appassionati di arte e cultura, non perdete l'appuntamento con Art In Ice Ri-evolution, l'installazione di un'opera site specific di Michelangelo Pistoletto, che riflette sui temi della sostenibilità, del riciclo e dell'impegno sociale, da sempre cari all'artista.  L'opera, che dal 7 dicembre sorgerà in centro a ridosso di via Fontana, sarà una versione tridimensionale del simbolo del Terzo Paradiso, che rappresenta la possibilità di un nuovo e più equilibrato rapporto tra umanità e Pianeta Terra (Art In Ice online).