Select Page

Le abbondanti nevicate che hanno continuato a susseguirsi in tutta la Valle d’Aosta, in questo fine inverno, garantiscono, per le prossime settimane e per le vacanze di Pasqua, non solo piste innevate  per sciatori e snowboarder, ma anche itinerari magici riservati a chi ama camminare, passeggiare con racchette da neve, praticare lo sci di fondo, cercando il contatto con la natura.

In Valle d’Aosta operano diverse cooperative di guide naturalistiche abilitate, che organizzano escursioni con racchette da neve, anche notturne, al chiaro di luna e talvolta arricchite di piacevoli momenti didattici. Gli itinerari proposti sono di lunghezza e difficoltà adatte ad ogni esigenza, e si svolgono spesso in angoli ancora selvaggi, poco toccati dal grande flusso turistico, come ad esempio a Plan Coumarial, nella riserva naturale del Monte Mars, comune di Fontainemore (valle del Lys, uscita A5 Pont-Saint-Martin), o nel Parco Regionale del Monte Avic, con partenza da Champdepraz (uscita A5 Verrès). Itinerari per le racchette sono stati tracciati anche in Valpelline e nella Valle del Gran San Bernardo (uscita A5 Aosta),  a Torgnon e  Valtournenche (uscita A5 Chatillon), a Cogne, Introd e nelle Valli del Gran Paradiso (uscita A5 Aosta ovest), Arpy e Courmayeur. (Elenco c/o Ufficio Informazioni Turistiche Tel. 0165-236627 o su 'www.ambientenatura.com')

In Valle d’Aosta si trovano inoltre percorsi pedonali per passeggiare su strade innevate, una delle ultime tendenze dell’escursionismo su neve. In Val d’Ayas sono cinque i percorsi battuti fra Champoluc e Frachey, Periasc, Mascognaz, o fra Periasc, Trochey, Meytere e Barmasc, o fra Extrapieraz e Brusson.A Gressoney-Saint-Jean viene suggerito il percorso  Tschemenoal-Binò lungo un tracciato pianeggiante. Mentre a Gressoney-La-Trinité da Staffal a Anderbätt è praticabile un sentiero battuto che si sviluppa in parte lungo il torrente Lys e che presenta diverse salite e discese. A Cogne dal 2006 i sentieri invernali sono segnalati nella mappa che indica le piste da fondo e le cascate di ghiaccio. Nel comprensorio Breuil-Cervinia è possibile seguire un itinerario (2 Km) che da Cervinia porta al Lago Blu: un tracciato pianeggiante, di mezz'ora circa. Anche a Courmayeur in Val Ferret si può passeggiare agevolmente costeggiando la pista di sci di fondo per 8 Km fino a Lavachey. La Thuile propone tre diversi tracciati pedonali su neve battuta: il “Maison Blanche”, un secondo detto “Area Pic-nic” e un terzo, più impegnativo “La Crétaz”. A Morgex infine si può passeggiare lungo un itinerario di 2 Km circa in località Arpy.

Altra alternativa allo sci sono le passeggiate e i trekking a cavallo con accompagnamento garantito da varie associazioni attive in Valle d’Aosta. Per un weekend in famiglia davvero originale, è possibile organizzare un trekking in carrozza, come il Tour vigneti e cantine, un percorso tra i filari, dove nasce il vino più alto d’Europa. Oppure passeggiate anche solo di un’ora come il Tour di Aosta storica o itinerari per assaporare un contatto con la natura, fra boschi e castelli. A Cogne sono possibili uscite in slitta alla scoperta del Parco Nazionale del Gran Paradiso (www.letraineau.too.it). Altre proposte e indirizzi:www.turismoequestrevda.it, www.arteattacchi.it www.gruppoattacchivda.it.

In bassa Valle, in quello che è ormai diventato un comprensorio di arrampicata sportiva tra Arnad e Bard, si ricomincia a scalare su falesie e massi, ripuliti in occasione del recente bard Boulder contest svoltosi tra il 12 e il 14 marzo. Per tutti, ma in particolare in questi ambiti, è consigliabile l'assistenza di guide alpine professioniste:  www.guidealtamontagna.com Tel. 0165-44448 oppure Cooperativa Interguide www.interguide.it; Tel. 0165-40939.
L’accompagnamento di una guida è indicato anche per le classiche discese fuori pista come la Vallée Blanche o il Toula, o per i numerosi itinerari di fuori pista o free ride o eliski.