Select Page

L’impegno di Garmin nel mondo outdoor è sempre più evidente, perché sempre più gli amanti del trekking a piedi o in mountain bike apprezzano l’uso della tecnologia satellitare per le proprie escursioni, e questo vale a qualsiasi quota: dalle paludi della foce del Po fino alle vette del Karakorum.

E saranno proprio queste ultime le protagoniste dell’incontro aperto al pubblico durante il Trento Film Festival in programma dal 28 aprile all’8 maggio dove, grazie alla partnership con Garmin, Simone Moro terrà una conferenza sull’utilizzo del GPS durante la recente scalata e del Gasherbrum II.

IL TRENINO DEL BERNINA BANNER 600

La prima invernale al Gasherbrum II che Simone Moro ha realizzato è destinata, infatti, ad entrare tra le imprese dell’alpinismo moderno. L’alpinista bergamasco con il kazako Denis Urubko e l’americano Cory Richards, hanno raggiunto “in prima invernale” la vetta del G II, a 8.035 metri il 2 febbraio scorso. Durante la conferenza dal titolo “Simone Moro insieme a Garmin sul Gasherbrum II” l’alpinista racconterà, oltre agli aspetti avventurosi della salita al GII, anche quanto la tecnologia satellitare sia stata protagonista prima, durante e dopo l’ascesa. Infatti ad accompagnare Simone Moro c’era lo strumento GPSMap 62st, il navigatore satellitare Garmin punta di diamante della famiglia dei prodotti per l’outdoor e la montagna. Ma non solo, perché Simone ha posizionato sulla vetta del Gasherbrum II un Chirp Garmin, che, a questo punto, può fregiarsi del titolo di “geocatch più alto del mondo”. Ai prossimi che raggiungeranno la vetta del Gasherbrum II, il minuscolo apparecchio lancerà un messaggio sul GPS Garmin degli stessi alpinisti: "Welcome to the top. Firmato: Simone Moro", un saluto di benvenuto di nuova generazione. Generazione satellitare, appunto.

«Da oltre un anno la nostra collaborazione con Simone Moro diventa sempre coinvolgente – ha commentato Stefano Viganò, Sales & Marketing Manager di Garmin Italia – perché oltre ad essere uno straordinario atleta d’alta quota, Simone vanta una sensibilità verso le innovazioni tecnologiche non comune, ed è per questa ragione che siamo estremamente orgogliosi di essere al suo fianco durante il Trento Film Festival».

Ma non solo alpinismo estremo, perché i tecnici Garmin durante l’evento trentino saranno i relatori al workshop “Sicurezza a 360°” organizzato da Trento Film Festival, dove si potrà approfondire il tema legato alla sicurezza in montagna. La presenza di Garmin nel programma dell’evento si estende anche alla sezione Montagna Libri con la presentazione del volume “GPS – La guida satellitare per l’outdoor”  all’interno del salotto letterario che prevede l’incontro con gli autori dei testi.

IL TRENINO DEL BERNINA BANNER 600

E per gli appassionati di outdoor che vogliono toccare con mano le potenzialità di un GPS unite alla sua facilità d’uso,  sarà possibile  partecipare ai trekking a piedi o in mountain bike in luoghi del Trentino, dove Garmin mette a disposizione numerosi navigatori satellitari di ultima generazione, oltre alla competenza dei propri tecnici.

 

 

Share This