Select Page

La Thuile si trova in Valdigne, nel nord ovest della Valle d’Aosta, a 1.441 m di altitudine, a pochi chilometri dall’uscita dell’autostrada, collegata alle grandi città del nord Italia e a Francia e Svizzera tramite il traforo del Monte Bianco. Andiamo a scoprire alcuni degli itinerari trekking per camminare in quota, sentirsi liberi e rigenerarsi nella natura montana.

La Thuile Valle d'Aosta
La Thuile Valle d’Aosta – foto credits Luca Fontana

Vi presentiamo alcune proposte di escursioni giornaliere, da vivere in compagnia delle guide di La Thuile. Una modalità sicura, grazie alla quale conoscere a pieno le meraviglie delle Alpi ai piedi del Monte Bianco.

TREKKING LUNGO IL SENTIERO 3 DELLE CASCATE DEL RUTOR

Una passeggiata di circa 4 ore lungo un semplice itinerario di suggestiva bellezza, accompagnati dalla guida alpina, che partendo dal villaggio di La Joux a 3 km da La Thuile, permette di ammirare le 3 cascate che hanno origine dal ghiacciaio del Rutor. Uno straordinario percorso che per
La Guida Alpina, durante il cammino, illustra le peculiarità della flora locale e racconta alcune curiosità legate alla storia e alle leggende del ghiacciaio.
Arrivati a quota 1.996 mt uno spettacolo si apre ai nostri occhi: i potenti getti d’acqua della terza cascata attraversati dai raggi solari creano numerosi arcobaleni che rendono l’ambiente quasi fiabesco.
Dopo aver attraversato il ponte in acciaio inaugurato nel 2014 per i 150 anni, si prosegue il percorso ad anello scendendo sulla sinistra orografica del fiume Dora lungo il sentiero del Centocinquantenario. Breve pausa con pranzo al sacco per rifocillare le forze prima di continuare lungo la via del rientro.

Periodo: da giugno a settembre
Costo: Offerta speciale di Euro 45,00/persona invece di Euro 60,00 per gruppi composti da minimo 4 partecipanti
Contatti: La Thuile www.lathuile.it 0165 883049 – Guide www.zerovertigo.com

La Thuile Valle d'Aosta
Camminare a La Thuile – ph.credits Halo Comunicazione

TREKKING SUL GHIACCIAIO DEL MONTE BIANCO

Partendo da La Thuile, in pochi minuti di auto o con il minivan della Guida si raggiunge la vicina località di Entreves a Courmayeur, punto di partenza della nota funivia Skyway. La Guida Alpina accompagnerà gli ospiti in muniti di ramponi e legati in cordata in tutta sicurezza. Si camminerà lentamente su un percorso ad anello circondati da un panorama himalayano, ammirando da vicino le numerose cime del massiccio ed in particolare la maestosa vetta del Monte Bianco, le torri dei satelliti, la Tour Ronde e il famoso Dente del Gigante
Programma: Tramite la moderna funivia Skyway di Courmayeur si arriva a Punta Helbronner 3.462 mt.
La Guida Alpina conduce i partecipanti in visita negli ambienti interni del nuovissimo impianto e sulle terrazze panoramiche da cui, condizioni meteo permettendo, sarà possibile ammirare le cime di tutti i 4.000 metri della Valle d’Aosta.
Dopo una breve pausa caffè si raggiunge il ghiacciaio del Colle del Gigante. Calzati i ramponi e legati in cordata con la Guida Alpina inizia il percorso sul ghiacciaio. In base alle capacità fisiche dei partecipanti la Guida può modificare l’itinerario rendendolo adatto a tutti.
Lungo il tragitto si effettuano brevi pause durante le quali si raccontano le storie dei primi salitori sulla cima del Monte Bianco e si osserveranno da vicino le caratteristiche del ghiacciaio. Se le condizioni climatiche lo permettono, la Guida inviterà i più temerari a farsi calare con la corda per pochi metri ed in totale sicurezza nella bocca di un crepaccio. L’escursione prevede una pausa snack sul ghiacciaio.
L’attività si svolge a 3.400 mt. e le temperature in quota possono variare velocemente, pertanto è fondamentale vestirsi in modo appropriato.
Periodo: da maggio a novembre
Costo per attività collettiva: Euro 90,00/persona per gruppi composti da minimo 6 e massimo 8 partecipanti
Costi per attività “privata”:

  • 1 – 2 persone  350 euro
  • 3 – 4 persone  390 euro
  • 5 persone  430 euro
  • 6 persone  470 euro

Nel costo dell’escursione sul ghiacciaio sono inclusi: assistenza della guida di alta montagna, biglietto funivia Skyway per la guida alpina, materiale tecnico necessario (ramponi, piccozza e imbrago), pausa snack.
Nel costo dell’escursione non sono inclusi: biglietto a/r funivia Skyway (circa 52 euro), eventuale pranzo nei locali in quota, tutto quello che non è specificato.
Contatti: La Thuile www.lathuile.it 0165 883049 – Guide www.zerovertigo.com

PUNTO DI INTERESSE DA VISITARE: COLLE DEL PICCOLO SAN BERNARDO – ZONA ARCHEOLOGICA – CROMLECH

Il Colle del Piccolo San Bernardo è a circa 12 chilometri da La Thuile. Facilmente raggiungibile dal paese con l’auto oppure con la bicicletta percorrendo la SS26. Per chi ha le gambe buone la zona è raggiungibile anche a piedi per i sentieri che partono dal paese o salendo in quota con la seggiovia, a Les Suches, per poi scendere verso il Colle del Piccolo San Bernardo.
Quando si arriva a La Thuile ciò che cattura immediatamente l’attenzione è la natura nella sua immensa purezza, con i suoi grandi spazi, i suoi vivaci contrasti di colore, i fitti boschi di conifere, le cime della catena del Monte Bianco che svettano da qualsiasi prospettiva e l’iconico massiccio del Rutor che, con il suo esteso ghiacciaio, sorveglia la vallata.

Nel contesto di questa montagna selvaggia, di questa natura potente, a 2.188 metri, proprio sopra il Lago di Verney – magnifico lago alpino d’origine glaciale -, in corrispondenza della linea di confine tra l’Italia e Francia, c’è un punto di particolare magia. Si tratta della zona archeologica dove è stato rinvenuto un “Cromlech”, un cerchio di 46 pietre e settantadue metri di diametro che probabilmente racchiudeva un dolmen al centro e nell’antichità era considerato un luogo di culto molto importante. Tante le leggende intorno al Cromlech, che spesso viene erroneamente chiamato “Cerchio di Annibale”, attribuendolo al condottiero punico che si dice sia passato dal valico. Quel che è più certo è che avesse la funzione di tempio all’aperto e di osservatorio astronomico, ipotesi sarebbe confermata dalla presenza di una pietra molto più grande delle altre all’interno del cerchio, utilizzata per segnare la direzione del sole al solstizio d’estate.
Il 21 giugno, infatti, il Cromlech offre un emozionante spettacolo astronomico poiché il sole che tramonta dietro la sella del Lancebranlette (monte al di sopra del Cromlech), crea per circa mezzo minuto un’ombra a semicerchio che avvolge la struttura megalitica, lasciando solo l’area sacra in luce.

La Thuile Valle d'Aosta - MARMOTTA
Marmotta sui monti di La Thuile – foto credits La Thuile


SCARPE PER CAMMINARE SULLE ALPI

La Sportiva TX Guide Leather, scarpe per avvicinamenti tecnici e arrampicata


Questo luogo, oggetto ancor oggi di studio, risale quasi sicuramente all’epoca preceltica (3000 a. C.). Ma l’importanza come via di transito del Colle del Piccolo San Bernardo è testimoniata anche dai resti di un tempietto gallico e di due “Mansiones” dell’epoca romana, che garantivano ristoro e pernottamento ai viaggiatori e agli animali che già nel I° secolo a. C. percorrevano questo valico come via verso le Gallie. A rendere magica la zona anche la Colona di Giove, alta quattro metri, sulla quale oggi è visibile la statua di San Bernardo di Mentone, arcivescovo di Aosta. Si narra che un tempo al posto della statua ci fosse una pietra rossa, l’Escarboucle o occhio di Giove, testimone dell’antico culto del dio Penn, diffuso in queste montagne. La leggenda vuole che quella pietra visibile anche a grande distanza, spaventasse i valligiani ormai cristianizzati che la identificavano con l’occhio rosso del demonio, tant’è che chiesero a San Bernardo di sconfiggere le forze infernali, distruggendo anche la pietra rossa.

Presso il Consorzio Operatori Turistici La Thuile è possibile prenotare una visita nell’area archeologica con l’accompagnamento di una guida della natura. – www.lathuile.it – Tel (+39) 0165 883049.

colle piccolo san bernardo__apertura_ la thuile_ph Halocomunicazione__Fotor
Il colle del Piccolo San Bernardo – ph.credits Halo Comunicazione

PUNTO DI INTERESSE DA VISITARE: COLLE DEL PICCOLO SAN BERNARDO OSPIZIO

Il Colle del Piccolo San Bernardo, fin dall’antichità, era luogo di passaggio ed è per questo che tutti coloro che soggiornano in queste zone sentono forte il valore dell’accoglienza. L’Ospizio, fondato nell’XI secolo da San Bernardo di Montjou, è rimasto attivo come casa ospitaliera fino alla Seconda Guerra Mondiale, fu più volte distrutto durante i conflitti nelle varie epoche storiche e altrettante volte ricostruito. Oggi la struttura ospita l’Ufficio Internazionale di Informazioni Turistiche e il Museo della Storia del Colle, della Valdigne e della Savoia.

Appena superato il colle del Piccolo San Bernardo, in territorio francese, ci troviamo di fronte al Giardino Botanico Alpino Chanousia il più alto d’Europa. Questo giardino nacque nel 1897 grazie all’opera dell’abate Pierre Chanoux, rettore dell’ospizio dell’Ordine Mauriziano e appassionato studioso di storia, archeologia e botanica, per creare uno spazio dove coltivare specie di piante alpine a rischio di estinzione affinché la gente potesse conoscerne le proprietà e rispettarne la bellezza. Grazie ad alcune sovvenzioni di enti pubblici e privati, il giardino si ingrandì fino a raggiungere la superficie attuale di circa 10.000 mq e oggi ospita più di 1.000 specie di piante alpine provenienti da tutto il mondo. Chanousia è un ente accreditato presso l’Università degli Studi di Torino per lo svolgimento di tirocini curriculari. Il giardino botanico è aperto da luglio a settembre.
Per informazioni: info@chanousia.org

La Thuile il paese_La Thuile valle d'aosta
La Thuile, veduta del paese – ph.credits Halo Comunicazione

UN PO’ DI PIÚ SU LA THUILE

La Thuile è un piccolo borgo montano, in Valle d’Aosta, una destinazione dalla vocazione sportiva di fama internazionale, sia per il turismo invernale sia per quello estivo, che ha mantenuto la dimensione più vera e pura della montagna. Un luogo nel quale la comunità si impegna da sempre a preservarne l’ambiente, mettendo in atto strategie volte alla sostenibilità.  Vicina alle metropoli del nord, facilmente raggiungibile con l’autostrada e gli aeroporti, ma lontana dal caos, La Thuile è il lato wild del Monte Bianco. Con i suoi 791 abitanti distribuiti in 11 frazioni, e la sua densità di poco più di 6 abitanti per kmq, il paese concede a tutti ampi spazi e la riconnessione con una natura potente che diventa elemento energizzante per un upgrade personale sia in termini di benessere psico-fisico, sia di performance.

CONTATTI

  • Consorzio Operatori Turistici La Thuile
  • Tel (+39) 0165 883049
  • Web www.lathuile.it
Share This