Select Page

Domenica 25 luglio, dalla cima del Mottarone (VB), è partita la prima edizione di Lepontika, il grande trekking che in 19 tappe collega i due più bei panorami delle Alpi: il Mottarone a sud e il Rigi a nord. Il tracciato, ideato dalla guida escursionistico-ambientale Renato Bavagnoli, ripercorre i sentieri più significativi della provincia del Verbano Cusio Ossola, del Ticino e del Canton Uri in Svizzera e si propone l'ambizioso progetto di diventare il trekking identificativo delle alpi Lepontine capace di attirare escursionisti da tutto il mondo al pari del GR20 della Corsica, del GR10 dei Pirenei o il trek dei Tatra.

Le premesse ci sono tutte: geografiche, storiche, culturali, folkloristiche , facile da raggiungere e ben servito da servizi pubblici (basti pensare agli aeroporti di Malpensa a sud e Zurigo a Nord o alle fermate ferroviarie di Stresa e Lucerna).
Le tappe toccano poi gli ambienti più significativi della provincia piemontese, con le prealpi, il Parco Nazionale della Val Grande, la Valle Vigezzo, Isorno, Antrona, Devero, Formazza per entrare in Svizzera in val Bedretto fino al Passo del San Gottardo e da li scendere la valle della Reuss fino al lago dei 4 Cantoni e finalmente risalire alla splendida balconata del Rigi dalla cima del quale si osservano 5 laghi e l'altipiano svizzero tedeswco.

Come si addice ad un trekking di grande fascino, le tappe sono lunghe e a volte molto impegnative con passi alpini che sfiorano i 3000 metri che comunque possono essere percorsi in tre trance settimanali:

  • dal Mottarone passando per la Valgrande fino alla val Vigezzo;
  • la parte ossolana dalla Vigezzo fino al passo del San Giacomo;
  • la parte svizzera dal san Giacomo e da san Gottardo fino al lago dei 4 Cantoni.

Ovviamente è possibile percorrerlo in senso contrario con l'obiettivo di intercettare gli escursionisti provenienti dal centro e nord Europa.

Le tappe viste dal satellite

Chi volesse percorrere una o più tappe di questo affascinante trekking può contattare direttamente la guida Renato Bavagnoli (telefonicamente, preferibilmente la sera – riprovare più volte, perchè la ricezione potrebbe essere difficoltosa).