Select Page

L’aver annunciato la presenza delle medaglie olimpiche di Atene, ha certamente contribuito ad accrescere l’interesse verso la GimondiBike, la competizione di 38 chilometri in mountainbike, diventata la regina “off-road” dell’ultima domenica di settembre a Iseo e sulle colline della Franciacorta. Il 26 settembre, in testa alla gara ci sarà la sfida (meglio, la rivincita) tra l’olimpionico del monte Panitha, il francese Julienne Absalon e la medaglia d’argento, l’iberico Josè Hermida, che lo scorso anno dominò la gara di “patron” Felice. Le iscrizioni arrivano come neve in pieno inverno: hanno già raggiunto quota 1300 partecipanti; in percentuale: un incremento del 12% rispetto allo stesso periodo precedente la passata edizione. Questo può significare tra i 2100 e i 2400 biker al via. Del resto la GimondiBike è la terza manifestazione in Italia per numero di classificati.



Dal punto di vista organizzativo, la GM Sport, società che ha in carico le gestione dell’evento, prevedendo un numero massiccio di adesioni, si riserva di definire le griglie di partenza e i relativi orari di via solo nell’ultima settimana. Intanto, Beppe Manenti e i suoi uomini, stanno ultimando la preparazione dei segnali sul tracciato.

Era stata apprezzata e Gimondi l’ha voluta ancora: confermata anche questa volta la “prova speciale”, ovvero una gara nella gara. Un tracciato fettucciato disegnato dall’iridato enduro Mario Rinaldi, lungo un chilometro e mezzo da fare a tutta: al termine della gara verrà stilata una speciale – e non potrebbe essere altrimenti – classifica.

fonte:www.cometapress.it



Info:



Comitato Organizzatore GimondiBike

Via Giovanni da Campione, 24/B

24124

Bergamo

tel. 035.211.721

fax 035.4227.971

www.gimondibike.it