Select Page

Primo caldo di stagione e gli specchi d’acqua diventano subito meta preferita da coloro che vanno alla ricerca di un po’ di frescura. I laghi di Levico e Caldonazzo, per esempio, già da alcuni giorni ospitano numerosi bagnanti spesso impegnati nel nuoto e in giochi con l’acqua. Ma quest’anno pare che ci sia una nuova attività destinata a prendere piede: è infatti aumentato il numero di persone che – in una maniera o nell’altra – attraversano i laghi a suon di remi. Tantissime canoe, kayak, barche , canotti, surf, dragonboat, canoe polinesiane galleggiano in questi giorni sull’acqua. Lo sport acquatico di massa sta diventando proprio in questi ultimi tempi un fenomeno in progressiva diffusione che vede coinvolte sempre più persone. Ma perché? Indubbiamente questi sport a base di remi e pagaie offrono dei vantaggi non indifferenti a livello fisico. Fa notare a tal proposito un preparatore atletico di fitness che, per il mantenimento dell’attività indoor invernale, spesso lui stesso consiglia di remare al lago piuttosto che al mare: qui i rischi di ribaltamento sono quasi inesistenti, non ci sono praticamente onde, ma soprattutto il lago – essendo piatto – rende possibile mantenere ritmi di remata precisi e costanti. Consiglia poi “il remare” anche perché spesso le persone sono più allenate agli arti inferiori che a quelli superiori e con i remi si migliora l’efficienza della parte superiore del corpo. E oltretutto è divertente. Quindi il benessere unitamente al divertimento diventa la ricetta che sta spronando questi sport a raggiungere l’Olimpo dei preferiti dai “comuni bagnanti”. Questo fine settimana ho provato sia il dragonboat (dove ti diverti moltissimo perché si è in sedici persone in una barca a pagaiare a ritmo del tamburino) e la canoa, quantomeno affascinante perché offre la possibilità di vedere il lago “da dentro” e di scoprire angoli molto suggestivi. Non ho provato il canotto, forse il più “rischioso”… Qualche giorno fa – per esempio – un signore appisolatosi sul suo battellino gonfiabile si è trovato all’improvviso in mezzo al lago: si è alzata la brezza ed il canotto ha fatto da vela!