Select Page

Con i suoi affascinanti itinerari immersi tra boschi e alpeggi ad alta quota, il Parco Nazionale dello Stelvio e il Gruppo dell’Adamello si preparano a riaprire le porte agli specialisti della mountain bike il prossimo 19 settembre, per la sesta edizione di “Adamello Bike Marathon”.

La gara scatterà da Ponte di Legno (BS) a settembre – anche quest’anno sarà prova conclusiva del circuito Marathon Tour FCI – ma gli uomini del comitato organizzatore hanno già iniziato a rimboccarsi le maniche affinché si arrivi a fine estate con l’evento pronto in ogni minimo dettaglio; c’è da scommettere che il team capitanato da Alessandro Mottinelli (responsabile di gara) e Ambrogio Nolli (direttore tecnico) non deluderà le aspettative.

Dal punto di vista tecnico, sono confermate le due varianti di percorso che si snodano lungo l’Alta Val Camonica nei territori dei comuni di Temù, Vione e Vezza d’Oglio, all’interno del più esteso parco protetto del nostro paese. Strade militari un tempo teatro di epiche battaglie, ampie e verdi radure e perfino un “assaggio” dei tornanti che portano al Passo Gavia sono il palcoscenico su cui andrà in scena la sesta Adamello Bike Marathon, che anche quest’anno troverà il suo quartier generale a Ponte di Legno (BS), sede di partenza e arrivo della gara.

Per i granfondisti e per gli amanti delle salite in mtb sarà particolarmente allettante il tracciato “Marathon” di 65 km con un dislivello di 2.250 metri, attraverso i lussureggianti boschi di conifere e ai margini delle baite alpine, ma da non sottovalutare sarà la variante “Classic” di 40 km con 1.380 metri di dislivello, sempre gradita anche a chi intende vivere la manifestazione come una piacevole pedalata in quota. Perché la bicicletta non sia solamente agonismo, ma anche turismo, e che quindi si rivolga agli appassionati delle due ruote che intendono trascorrere un week end in compagnia praticando sano sport all’aria aperta.

I percorsi dell’Adamello Bike Marathon sono parte dell’Adamello Bike Arena, che conta 18 entusiasmanti itinerari in off-road per un totale di 500 km per tutti i gusti, che si estendono tra il Parco Nazionale dello Stelvio e il Parco Adamello-Brenta. Dal sito web www.adamellobike.com è possibile scaricare tutti i percorsi in formato KMZ (visualizzabile in 3d con Google Earth), GPX  e TCX (per Garmin modelli Edge e Forerunner).

Nel 2009 hanno animato la gara di Ponte di Legno quasi 800 bikers e a salire sul gradino più alto del podio sono stati il colombiano Leonardo Paez davanti al russo Alexey Medvedev e a Mirko Celestino, che è riuscito a mettersi in tasca il Marathon Tour 2009. Tra le donne la trentina Elena Giacomuzzi è stata la più veloce e si è messa alle spalle Elena Gaddoni e Sandra Klomp.