Select Page

La gara Allianz VERTICAL RUN si è svolta domenica 14 aprile a Milano. Circa 500 gli atleti al via, provenienti da 22 Paesi, tutti impegnati ad affrontare le scale – 1.027 gradini per 49 piani e 200 metri – all’interno della Torre Allianz. Quei 1.027 gradini che sono stati divorati in pochissimi minuti, battendo i precedenti record stabiliti l’anno scorso di 16 secondi per gli uomini e 32 per le donne.

I nuovi record sono del polacco Piotr Lobodzinski in 5’16” e 6’12” dell’australiana Suzy Walsham. Solo una frazione di secondo ha separato il vincitore maschile dall’australiano Mark Bourne, appena 0.7” dietro Lobodzinski.

Lobodzinski, cinque volte campione del Vertical World Circuit e fresco vincitore della gara a Seoul una settimana prima, ha dichiarato, “Mi sentivo bene, ma stranamente non ho corso al 100%. Il mio ritmo cardiaco era più lento che in allenamento, quindi devo tornare assolutamente l’anno prossimo e spingere al massimo per abbassare il record,” ha detto.“Quando non do il massimo non sono contento, ma una vittoria è una vittoria, quindi non posso dirmi triste!

Allianz Vertical Run Milano 2019

Dopo la seconda piazza a Seoul, Bourne ha fatto un’altra ottima performance di nuovo dovendosi accontentare del secondo posto. “Mi è piaciuta la gara corta nella Torre Allianz. È stato uno sforzo intenso e di certo è un po’ deludente essere così vicini alla vittoria. Comunque sono contento della mia forma e non vedo l’ora di essere ad Ho Chi Minh City per la prossima tappa del VWC tra meno di due settimane.

A chiudere il podio è stato l’italiano Fabio Ruga, che dopo lunga assenza dal circuito è tornato in grande stile, chiudendo con il tempo di 5’21”, aggiudicandosi anche il titolo italiano Vertical Running. Ruga ha dichiarato, “…seconda volta qui all’Allianz e secondo podio. Alla terza spero di agguantare finalmente il gradino più alto! Sono veramente felice di questo risultato perché arriva in una gara pienissima di atleti forti. La distanza era pochissima dalla vetta, quindi sarebbe bastato poco per lottare per la vittoria. Certo preferisco essere arrivato terzo a 5” secondi che secondo a 0.7”! Quello brucerebbe molto di più!

L’australiana Suzy Walsham, sette volte campionessa VWC, è abituata al gradino più alto del podio ed è dove si è piazzata ancora una volta, vittoriosa, dopo la seconda piazza di Seoul nella gara inaugurale. “Sono felicissima di questa vittoria. Volevo i punti e ne ho guadagnati il più possibile. Vincere oggi è una grande iniezione di fiducia visto il poco allenamento negli ultimi mesi per un infortunio al polpaccio. La scorsa settimana la gara era abbastanza lunga perché il problema mi rallentasse, mentre oggi ho potuto correre senza dolore e con un ottimo ritmo sin dalla partenza,” ha commentato. “Voglio tornare per migliorare la prestazione e vedere il murale…correndo puoi a malapena dare un’occhiata, altrimenti ti perdi un gradino e inciampi!

Winners Lobodzinski and Walsham. ©Allianz

Forte atleta italiana, Elisa Sortini, ha festeggiato il suo debutto nel Vertical World Circuitcon una prestigiosa seconda piazza. “È la prima volta che faccio una gara del genere. Avevo già fatto gare sulle scale, ma sono quelle sulle condotte forzate e sono molto più lunghe. Stavolta non ho avuto modo di capire come funzionasse la gara che era già finita. Devo sicuramente tornare per migliorare la prestazione e perché è stato molto divertente” ha dichiarato Sortini.

Gli australiani sono forti e sempre presenti in questo sport unico, ma c’è sempre un maggiore numero di polacchi, come si vede dai risultati, insieme ad una nutrita rappresentanza italiana che hanno occupato i podi maschile e femminile. I top ten includono Yuko Tateishi dal Giappone, Rosalyn Russell dalle Filippine, Sarah Frost dal Regno Unito, la sempre presente Cristina Bonacina e Omar Bekkali dal Belgio.

Un parterre di 30 atleti d’élite da tutto il mondo ha partecipato a questa nuova gara del circuito per guadagnare punti per il ranking, che assegnava 25% punti bonus.

La Allianz VERTICAL RUN è organizzata da Allianz Italia nella Torre Allianz, il quartier generale milanese, l’edificio più alto d’Italia per numero di piani. Maurizio Devescovi, General Manager di Allianz Italia, ha dichiarato “Siamo molto soddisfatti per il successo dell’Allianz Vertical Run, che quest’anno è ricca di novità importanti. Abbiamo inserito la Torre Allianz nel Vertical World Circuit, richiamando così molti tra i migliori atleti al mondo.

La scalata alla vetta è accompagnato dal più grande murale sulle scale del mondo, un’opera d’arte sociale, dove ogni piano rappresenta una città e ogni dieci piani c’è un nuovo continente.

Le performance incredibili di questi atleti sono state misurate in un nuovo studio scientifico. Infatti, la Allianz VERTICAL RUN segna un ritorno alle origini per il Vertical World Circuit, fu concepito nella Torre Pirelli (Pirellone) nel 2007, dove fu effettuata la prima ricerca scientifica.

I nuovi studi sono stati condotti dagli stessi autori, il Dott Giulio Sergio Roi, direttore della Commissione Medica ISF in collaborazione con il Prof Alberto Minetti della cattedra di Fisiologia Umana dell’Università degli Studi di Milano e con il Centro Studi del Gruppo Medico Isokinetic.

I più forti specialisti di questa disciplina che hanno dato la loro adesione per essere studiati dall’equipe medico-scientifica. I risultati dello studio permetteranno di precisare ulteriormente il dispendio energetico durante lo skyscraper running, fornendo anche indicazioni per l’allenamento di questa nuovissima disciplina sportiva.” ha dichiarato Dott Roi.

L’Allianz VERTICAL RUN ha rappresentato anche il primo evento in cui sono stati condotti test antidoping (secondo i protocolli WADA) eseguiti dalla International Skyrunning Federation, che patrocina e governa questo sport.

Undici gare, mai un numero così grande di competizioni nel Vertical World Circuit, si snodano intorno al globo da New York a Londra, Parigi e Milano in Europa, via Dubai nel medio oriente per proseguire in Asia, dove si concentra il maggior numero di torri nel mondo, a Seoul, Ho Chi Minh City, Pechino, Shanghai, Osaka, per concludere con il Gran Finale a Hong Kong.

La prossima tappa del circuito è tra meno di due settimane il 28 aprile a Ho Chi Minh Citycon la Vinpearl Luxury Landmark 81: Race to the Summit, una nuovissima gara in un nuovissimo edificio. L’inizio di una nuova avventura.

2019 VERTICAL WORLD CIRCUIT:

  • 6 aprile – SEOUL: LOTTE WORLD TOWER INTERNATIONAL SKY RUN
  • 14 aprile – MILANO*:  Allianz Vertical Run
  • 28 aprile – HO CHI MINH CITY: Vinpearl Luxury Landmark 81: Race to the Summit
  • 16 maggio – PARIGI: VertiGO
  • 2 giugno – NEW YORK*: T2T Tower Climb
  • 20 luglio – LONDRA: The Broadgate Tower Run Up
  • 31 agosto – PECHINO: China World Summit Wing, Beijing Vertical Run
  • 20 ottobre – SHANGHAI*: SHKP Vertical Run for Charity – Race to Shanghai IFC
  • 25 ottobre – DUBAI: Dubai Holding Skyrun
  • 10 novembre – OSAKA: Harukas Skyrun
  • 1 dicembre – HONG KONG**: SHKP Vertical Run for Charity – Race to HK ICC