Select Page

CRONACA GARE DEL 3 FEBBRAIO 2024

Italia, Finlandia, Germania e Polonia: quattro gare e quattro diverse bandiere sul gradino più alto del podio nella giornata conclusiva della 53ª ALPECIMBRA Fis Children Cup, che ha visto la selezione azzurra brindare al successo dell’under 16 Gioele Cioccarelli, ma anche all’argento di Andrea Villaraggia e al bronzo di Tommaso Dagri nello slalom speciale categoria Ragazzi, oltre che al terzo posto del gardenese Christian Kostner nel gigante allievi.
Dopo i due successi conquistati venerdì dagli under 14 Giovanni Ceccarelli e Ludovica Vottero, nell’atto conclusivo del “mondialino” giovanile andato in scena sulle piste di Folgaria, nella località di Fondo Grande, l’Italia ha esultato per il successo dell’allievo lombardo Gioele Cioccarelli, a segno nell’appassionate slalom gigante under 16, con i primi tre classificati raccolti in un fazzoletto di 20 centesimi di secondo.

banner_600x600_passo_resia_winter_2023

germany_team_wins_alpe_cimbra_fis_childern_cup_2024Germany team wins Alpe Cimbra Fis Childern Cup 2024

A spuntarla è stato appunto Cioccarelli. Il promettente sciatore tesserato per il Gb Ski Club, quinto a metà gara, non ha badato ai tatticismi e nella seconda manche è andato all’attacco, pressoché perfetto nell’interpretazione del tracciato ricavato sul pendio della pista Agonistica.
Il classe 2008 in forza al Comitato Alpi Centrali ha fatto segnare il miglior tempo parziale, che gli ha garantito il successo. Seconda piazza per il norvegese Herman Mellemstrand Istad, secondo al termine della prima discesa e anche nella graduatoria finale, staccato di appena 11 centesimi, mentre la medaglia di bronzo è finita al collo di Christian Kostner. Il gardenese, vittorioso nel gigante delle selezioni nazionali a inizio settimana, ha chiuso al comando la prima manche, con appena 16 centesimi di margine su Istad. Un vantaggio che non gli ha permesso di fare calcoli: ottima comunque anche la sua prova, che gli è valsa il terzo posto a 0”20 dal vincitore, a completare l’ottimo risultato di squadra della rappresentativa italiana, forte anche del sesto posto di Giulio Cazzaniga (Sci Club Valchisone).

Successi stranieri, invece, nelle altre tre gare in programma. Nel gigante under 16 femminile ha trionfato Luisa Illig, già argento nello slalom di venerdì. La tedesca ha costruito la propria vittoria nella prima run, chiusa con 85 centesimi di vantaggio sull’austriaca Hannah Embacher. Illig non si è voluta accontentare e ha fatto registrare il miglior riscontro cronometrico anche nella seconda manche: da applausi la sua prestazione, che gli è valsa una medaglia d’oro zecchino.
L’austriaca Emabacher ha pagato un distacco di 1”81, seguita in terza piazza dall’altra tedesca Lara Marie Wies, capace di guadagnare tre posizioni nella discesa decisiva e di scalzare dal podio l’altoatesina Arianna Putzer (terza a metà gara). La portacolori dello Sci Club Gardena, terza in slalom venerdì, ha commesso qualche imperfezione di troppo nella seconda discesa e ha chiuso sesta a 2”51, a 39 centesimi dalla zona medaglie. Nella stessa gara, buoni piazzamenti anche per l’alessandrina Eleonora Samà Sacchi (ottava) e per le due trentine dello Sporting Club Campiglio Lavinia Paci e Azzurra Leonardi, decima e quattordicesima, preceduta in undicesima piazza dall’altoatesina Victoria Klotz.

banner_600x600_passo_resia_winter_2023

Arianna Putzer Alpe Cimbra Fis Childern Cup 2024Arianna Putzer Alpe Cimbra Fis Childern Cup 2024

Rimpianti azzurri nello slalom speciale under 14 maschile, disputato sul pendio della pista Martinella Nord. Il nipote d’arte Giovanni Ceccarelli (la zia è l’olimpionica del superG Daniela Ceccarelli) era al comando dopo la prima manche, ma nella seconda è incappato in un errore fatale, che lo ha privato di una memorabile doppietta, lui che aveva già esultato nel gigante disputato venerdì. A prendersi le luci dei riflettori, a quel punto, è stato il finlandese Emil Pyrro, secondo a metà gara e poi favorito dall’uscita dell’azzurrino. Il tricolore ha comunque sventolato sul podio: l’alfiere del Revolution Ski Race Andrea Villaraggia, terzo dopo la prima manche, ha guadagnato una posizione e si è garantito la medaglia d’argento, distanziato di 0”65 dal vincitore. È italiano anche il bronzo, finito al collo del triestino dello Sci Club 70 Tommaso Dagri, quinto a metà gara, con il trentino dello Sci Club Anaune Riccardo Vender ottimo quarto, lui che era partito con un alto numero di pettorale. Tanto azzurro nella top 10, con Pietro Augusto Rosso (Golden Team Ceccarelli) quinto, Federico Scrimaglia sesto, Giovanni Anselmi ottavo, Felix Baldi nono e Simon Kaser decimo.

Nello slalom under 14 femminile, ha esultato la Polonia. Seconda dopo la prima discesa, Iga Kacmarek ha sbaragliato la concorrenza nella seconda manche, rifilando distacchi pesanti a tutte.
Sul secondo gradino del podio c’è una bandiera inusuale per lo sci alpino, quella del Brasile, portata in alto da Carlotta Pignaton Fagnani, giovane sciatrice che vive in Svizzera, con padre italiano e madre brasiliana, tesserata in Italia con il lombardo Gb Ski Club. Pignaton Fagnani era addirittura al comando dopo la discesa inaugurale e ha poi conquistato un pregiato argento, staccata di 1”67 dalla vincitrice, mentre il bronzo è andato alla croata Kim Vrdoljak, terza a 1”75.
Quarto e quinto posto per l’Italia, grazie alle prove di Maria Laura Pene Vidari (Courmayeur Monte Bianco) e di Benedetta Ranieri (Sci Club Limone). La piemontese Ludovica Vottero, a segno nel gigante di venerdì, era quarta a metà gara, ma è uscita nella seconda manche. Nona Mia Tubini (Val Palot), decima Amy Happacher (Tre Cime Dolomiti).

banner_600x600_passo_resia_winter_2023

Gioele Cioccarelli Alpe Cimbra Fis Children Cup 2024Gioele Cioccarelli Alpe Cimbra Fis Children Cup 2024

La classifica per nazioni, stilata al termine della due giorni di gare, ha premiato la Germania, che ha totalizzato 174 punti e ha vinto l’appassionante braccio di ferro con la squadra A italiana, seconda con 164 punti davanti alla formazione B azzurra, terza con 97. Quarta l’Austria con 86 punti, quinta la Slovenia con 57. Il medagliere ha visto primeggiare l’Italia A, con 3 ori e due bronzi.

Hanno detto

Carlotta Pignaton Fagnani (seconda classificata slalom ragazze): «È una gioia essere saliti sul podio all’Alpe Cimbra Fis Children Cup, dalla quale sono passati tanti campioni che poi si sono affermati. Visto che a metà gara ero in testa poteva anche giungere l’oro. Sono orgogliosa anche di aver difeso i colori del Brasile. Io sono nata e abito in Svizzera, da papà milanese e mamma Brasiliana. Ho imparato a sciare in Trentino e poi mi è piaciuto molto l’agonismo e gareggio nel circuito lombardo della Valtellina assieme al mio fratello gemello, anche lui in gara qui a Folgaria».

banner_600x600_passo_resia_winter_2023

Andrea Villaraggia (secondo clasificato slalom ragazzi): «Podio straordinario a questo evento internazionale. Gli avversari erano davvero forti, ma lo slalom è la mia specialità. Ho sciato davvero bene in entrambe le manche. Una vittoria dedicata ai mio papà e a tutti quelli che mi seguono».

Christian Kostner (terzo classificato gigante allievi): «Sono soddisfatto per il podio in una gara di questo prestigio. Certo se penso che a metà gara ero in testa un po’ di dispiace perché sarebbe stato bello vincere l’oro. Comunque lo sport è anche questo e porto a casa un’esperienza positiva sotto tutti i punti di vista. Davvero bello gareggiare qui all’Alpe Cimbra, straordinaria atmosfera con tanti atleti di tante nazioni in gara e avversari di alto livello, e piste molto belle e preparate bene. Andiamo avanti così e cercherò di migliorare in slalom dove faccio ancora fatica».

CLASSIFICA PER NAZIONI: 1. Germania punti 174; 2. Italia 164; 3. Italia 2 97; 4. Austria 86; 5. Slovenia 57; 6. Norvegia 53; 6. Polonia 53; 8. Finlandia 51; 9. Liechtestein 48; 10. Brasile 45.

banner_600x600_passo_resia_winter_2023

MEDAGLIERE: 1. Italia A medaglie 5 (3 ori, 2 bronzi); 2. Germania 6 (1 oro, 2 argenti, 3 bronzi); 3. Norvegia 2 (1 oro, 1 argento); 3. Polonia 2 (1 oro, 1 argento); 5. Finlandia 1 (1 oro); 5. Slovenia 1 (1 oro); 7. Austria 2 (2 argenti); 8. Italia B 2 (1 argento, 1 bronzo); 9. Brasile 1 (1 argento); 10. Croazia 1 (1 bronzo).

CRONACA GARE DEL 2 FEBBRAIO 2024

Ludovica Vottero e Giovanni Ceccarelli sono ragazzi d’oro. L’Italia ha conquistato un doppio successo a Folgaria nella prima giornata della fase internazionale della 53ª ALPECIMBRA Fis Children Cup, che ha visto presentarsi al cancelletto di partenza 341 atleti di 43 nazioni, chiamati a scrivere una nuova pagina della storia di un evento che ha fatto da trampolino di lancio a tutti i grandi campioni dello sci, da Primin Zurbirggen, Marc Girardelli ed Alberto Tomba fino a Marcel Hirscher, Mikaela Shiffrin ed Henrik Kristoffersen.

banner_600x600_passo_resia_winter_2023

Alpecimbra Fis Children cup 2024foto credits Biagio Foto

La squadra azzurra ha dominato la scena nello slalom gigante under 14, mentre lo slalom speciale under 16 ha premiato le pennellate vincenti del norvegese Adrian Thoen Picton e della slovena Taja Presern, con l’altoatesina Arianna Putzer medaglia di bronzo, unica gioia azzurra nella categoria Allievi.
Il tricolore ha sventolato alto nel gigante under 14 in manche unica, andato in scena sulla pista Agonistica. Ludovica Vottero, scesa con il pettorale numero 17, ha confermato il proprio feeling con le piste di Fondo Grande, dove a inizio settimana aveva dominato le selezioni nazionali, imponendosi sia nella prova tra le porte larghe che in slalom speciale. La classe 2010 dello Sci Club Borgata Sestriere ha fermato il cronometro sul tempo di 54”30, scalzando dal “leader corner” Iga Kaczmarek, che stava cominciando ad assaporare il dolce gusto della vittoria. La polacca si è dovuta accontentare di un comunque prestigioso secondo posto, staccata di appena 10 centesimi, con la tedesca Paula Kiese a completare il podio, distanziata di 29 centesimi dalla vincitrice.

Alpecimbra Fis Children cup 2024foto credits Biagio Foto

banner_600x600_passo_resia_winter_2023

Ottima anche la prova della valdostana Maria Laura Pene Vidari, quarta in 54”96 con il pettorale 29. La squadra azzurra ha piazzato altre tre atlete nella top 15, ovvero la friulana Sara Grassi (undicesima), l’altoatesina Amy Happacher (tredicesima) e la trentina Maria Sole Armani (quattordicesima).
Assieme a Vottero, è salito sul gradino più alto del podio Giovanni Ceccarelli, altro giovane sciatore del Comitato Alpi Occidentali. Il nipote dell’olimpionica della discesa libera Daniela Ceccarelli, già a segno nel gigante delle selezioni nazionali martedì, ha interpretato al meglio il tracciato della pista Agonistica e ha sbaragliato la concorrenza nella gara tra le porte larghe under 14 maschile, primo in 54”56 con 74 centesimi di margine sul secondo classificato, il tedesco Tobias Albl.

Alpecimbra Fis Children cup 2024foto credits Biagio Foto

Ottima la prova dell’altoatesino Simon Kaser, atleta della squadra B italiana: partito con un pettorale alto, il portacolori del Seiser Alm Ski Team è riuscito a inserirsi in zona medaglie, splendido terzo a 0”96 da Ceccarelli e a 0”22 dall’argento. Ottavo posto ex aequo per l’alfiere del Revolution Ski Race Andrea Villaraggia (anche lui inserito nella squadra B italiana) e per Felix Baldi, compagno di squadra del vincitore al Golden Team Ceccarelli.

banner_600x600_passo_resia_winter_2023

Alpecimbra Fis Children cup 2024foto credits Biagio Foto

Doppio successo straniero, invece, nello slalom under 16. Al femminile, la slovena Taja Presern ha saputo approfittare dell’uscita di pista della leader di metà gara, l’olandese Anouk Van Maren, per scalare una posizione in classifica e andare a prendersi la vittoria più prestigiosa della sua giovane carriera. Terza dopo la prima manche, Presern è balzata in vetta alla classifica nella seconda, scavalcando anche la tedesca Luisa Illig, argento a 0”35 dalla vincitrice. Sul terzo gradino del podio è salita l’Italia, con la gardenese Arianna Putzer bronzo (a 0”73) grazie a una rimonta di cinque posizioni nella discesa decisiva. Buoni piazzamenti anche per le altre due altoatesine Sophie Schweigl e Alena Taschler, decima e quattordicesima. Ventesima la trentina dello Sporting Campiglio Azzurra Leonardi, partita con il pettorale 63.

Alpecimbra Fis Children cup 2024foto credits Biagio Foto

Lo slalom maschile, infine, ha celebrato il promettente talento del norvegese Adrian Thoen Picton, che nella prima manche ha saputo sfruttare al meglio la tracciatura dell’allenatore della sua rappresentativa nazionale. Picton ha fatto letteralmente il vuoto e ha poi fatto segnare il terzo riscontro cronometrico anche nella seconda manche, chiudendo con ben 2”49 di vantaggio sull’austriaco Julian Sapl, terzo a metà gara, con il tedesco Max Holzinger terzo a 2”90, lui che dopo la run inaugurale era settimo. Settimo il migliore degli italiani, l’alfiere dell’Equipe Limone Francesco Sadowski, partito per 104° sui 112 partecipanti allo slalom Allievi maschile: un dato che la dice lunga sulla bontà della sua prestazione e pure sulla tenuta della pista, discorso che vale anche per Gabriele Cuzzupè (Equipe Pragelato), alla fine 12°, con Leonardo D’Incà (Sci Club Trichiana) 14°.
Domani, sabato 3 febbraio, si replica con lo slalom speciale under 14 sulla pista Martinella Nord e il gigante under 16 sulla pista Agonistica. Partenza di entramnbe le gare alle ore 9, con la possibilità di seguire le gare in diretta streaming su www.sportcultura.tv.

Alpecimbra Fis Children cup 2024foto credits Biagio Foto

Hanno detto dopo la gara:

Giovanni Ceccarelli (primo gigante ragazzi): «Se sono arrivato a questo risultato, prima alla fase nazionale ed ora all’internazionale il merito va anche alla mia famiglia che mi sostiene e mi aiuta in tutto, oltre a preziosi partner che mi consentono di esprimermi al meglio. Sono davvero contento per questa vittoria internazionale, in una gara dove sono passati tanti campioni che poi si sono affermati ai massimi livelli. Ho sciato bene, su una pista praticamente perfetta. Una giornata da incorniciare».

Ludovica Vottero (prima gigante ragazze): «Due vittorie alla fase nazionale ed ora nel gigante internazionale. Ci speravo tanto di fare un grande risultato, ma essendo il primo confronto con le mie coetanee di altre nazioni non avevo riferimenti. Sono davvero felice ed emozionata, ma allo stesso tempo soddisfatta di come ho sciato nell’unica manche, anche se potevo anche fare meglio, ma il fatto di essere al cancelletto di una gara così importante un po’ di apprensione è inevitabile. Davvero una bella esperienza prendere parte a questo evento, per la gara ma anche per la sfilata con le altre nazioni, i motivi di socializzazione».

Arianna Putzer (terza slalom allieve): «Essere salita sul podio anche oggi nella sfida internazionale è un risultato molto positivo. Sono felice per la medaglia e per come ho sciato nella seconda manche, mentre nella prima ho commesso troppi errori chiudendo ottava. Lo slalom è la specialità dove riesco ad esprimermi meglio, ma anche in gigante quest’anno talvolta ho centrato belle prestazioni. Spero che accada anche domani, su questa pista che mi piace molto».

RISULTATI UFFICIALI

Share This