Select Page

Il russo Maxim Tomilov e l’italiana Angelika Rainer, entrambi del Team Grivel, hanno vinto a Saas Fee, in Svizzera, la terza gara di Coppa del mondo di arrampicata su ghiaccio, dimostrando esperienza, forza e abilità.

Ma la cosa sorprendente della tappa di Saas Fee sono stati i giovani, come gli svizzeri Yannick Glatthard, appena 17 anni, Petra Klingler, e la coreana HanNaRai Song, di 22 anni entrambe, che hanno dimostrato come sia stata la giovinezza ad emergere in questo tour.

Angelira Rainer in azione a Saas Fee

Angelika Rainer, di ritorno dai successi americani, ha sbaragliato le altre concorrenti, forse penalizzate dalla mancanza di esperienza. Ma la coreana HanNaRai Song e la svizzera Petra Klinger, entrambe come detto giovanissime, sono state ripagate da ottimi secondo e terzo posto, guadagnato con grazia e dimestichezza, tanto che i commentatori hanno parlato di presagi di “cambio di guardia”. Ma Angelika Rainer non è certo vecchia e ha ancora molto da dimostrare e da dare.

Nella classifica maschile Maxim Tomilov ha continuato a dominare questa tornata di gare, con il suo stile di grande eleganza e tranquillità, battendo altri due russi, Alexey Dengin e Nicolay Primerov, mentre lo svizzero Glatthard alla fine ha raggiunto un più che onorevole quinto posto.

Tutti russi i primi dieci nella gara speed maschile, dominata da Nikolay Kuzovlev, e le prime sette nella speed femminile vinta da Ekaterina Koshcheeva.

Angelira Rainer sul podio a Saas Fee

Alcuni commentatori hanno fatto notare il grande sforzo di alcune federazioni nazionali di arrampicata su ghiaccio, soprattutto quelle francese, svizzera e inglese, che stanno creando un vivaio di possibili nuovi campioni promuovendo le competizioni di arrampicata su ghiaccio tra i più giovanii. Angelika Rainer rimane al momento, una mosca bianca nel panorama italiano.

Il prossimo appuntamento è a Rabenstein, tappa italiana di Coppa del Mondo, in programma nel prossimo fine settimana dal 30 gennaio al 1 febbraio.