Select Page

Domenica 3 giugno tutti sulle Dolomiti per la 19ª edizione della Cortina-Dobbiaco Run. Tra le grandi classiche di corsa in montagna, la gara si svolge lungo un percorso di 30 chilometri.

Gli oltre 5000 partecipanti attesi, correranno all’ombra delle Dolomiti, Patrimonio Unesco dell’Umanità. Per gli appassionati runners, si tratta un’avventura lungo il tracciato della vecchia ferrovia che collegava Cortina, perla delle Dolomiti a Dobbiaco, un filo invisibile che non solo lega due paesi di montagna, ma che unisce due province, Belluno e Bolzano e due regioni, Veneto e Trentino Alto-Adige.

La Cortina-Dobbiaco Run è un fine settimana interamente dedicato al mondo della corsa che si lega perfettamente al territorio. Domenica mattina i runners si sposteranno allo Stadio Olimpico di Cortina per la partenza della 17^ edizione della Cortina-Dobbiaco Run. Ma già a partire da venerdì 31 maggio ci si metterà in movimento con la Cammin Gustando 2018. Vedi programma dettagliato intero fine settimana.

La competizione è cresciuta di anno in anno: nel 2010 gli iscritti hanno toccato quota 3522, dal 2011 al 2013 è stata superata la soglia di 4400 concorrenti, mentre nel 2014 anno gli iscritti hanno registrato il numero record di 5012. Il record è stato poi abbattuto abbattuto nel 2016, quando le iscrizioni si sono chiuse a 5400 partecipanti.

Il video dell’edizione 2015

Il percorso. La Cortina-Dobbiaco Run partirà come di consueto da Corso Italia a Cortina con una cornice straordinaria di un pubblico caloroso e in festa. Per gestire così tanti iscritti, le partenze saranno scaglionate in quattro blocchi. Le grigie saranno decise in base ai tempi cronometrici stabiliti nelle passate edizioni oppure al curriculum atletico del runners. Con questa modalità non ci sarà nessun rallentamento nella salita verso Cimabanche.
Lasciate le case di Cortina si inizierà a correre verso Cima Banche con i suggestivi passaggi all’interno delle vecchie gallerie ferroviarie. Le Tofane e la Croda Rossa si faranno ammirare alla sinistra degli atleti. Raggiunta la quota massima, 1530 metri del Passo, i concorrenti inizieranno a scendere verso Dobbiaco. Poco dopo il Lago di Landro, verrà spontaneo girarsi a destra per ammirare le imponenti e stupende, Tre Cime di Lavaredo, simbolo dolomitico indiscusso, famose in tutto il Mondo.
Continuando la discesa si troverà un’altra bellezza alpina, il lago di Dobbiaco a pochi chilometri dal traguardo. L’arrivo sarà all’interno del bellissimo Parco del Grand Hotel dove gli atleti saranno accolti da un pubblico festante.

Info e iscrizioni: www.cortina-dobbiacorun.it