Select Page

Dai primi di agosto, grazie all’apertura alla navigazione del lago, Livigno non sarà più solamente la meta top per gli amanti della montagna; ora è pronta ad accogliere anche chi preferisce darsi agli sport acquatici.

Si potrà sfrecciare col kytesurf circondati dalle vette alpine, oppure rilassarsi con una tranquilla gita in canoa o in barca a remi, godendosi il sole e l’aria pulita.

Le stesse cime che si specchiano nell’acqua possono essere scenario di fantastici trekking: da Livigno si può partire alla scoperta delle sorgenti del fiume Adda, camminando lungo un bellissimo sentiero attraverso la val Alpisella. Si tratta di un itinerario poco impegnativo e alla portata di tutti, mentre chi vuole faticare un po’ di più non deve perdersi l’ascesa alla Cima Fopel. Circa 1.200 metri di dislivello per una camminata più tosta, ma una volta arrivati in cima, la fatica è ampiamente ripagata dalla vista panoramica che spazia dal lago di Livigno a tutto l’Arco Alpino circostante.
     
Hotel Lac Salin SPA & Mountain Resor

Unico a Livigno e primo in Lombardia, l’Hotel Lac Salin SPA & Mountain Resort, è entrato a far parte della prestigiosa catena dei Wanderhotel Best Alpine. Proponendo escursioni quotidiane in compagnia di una guida, fornisce supporto tecnico per chi desidera organizzare il proprio trekking in autonomia e offre un servizio di noleggio dell’attrezzatura. A disposizione dei clienti tutte le mappe dei percorsi e, per chi lo desidera, un trattamento personalizzato nella Mandira Spa dell’hotel. Tornati da un’escursione niente di meglio di un massaggio defatigante, accompagnato da un po’ di relax tra saune, piscina e le vasche idromassaggio.

Negli hotel Lungolivigno continua fino a ottobre l’offerta Lungolivigno Summer Special con 7 notti al prezzo di 6 e 4 notti al prezzo di 3 se si soggiorna durante la settimana (l’offerta non è valida  durante le due settimane centrali di agosto).

Dal 18 luglio al 18 agosto all’hotel Lac Salin Spa & Mountain Resort è in programma il mese dell’Ayurveda, per vivere la montagna in una dimensione un po’ diversa dal solito. Si inizia da una diagnosi dei differenti dosha (elementi naturali) per poi riequilibrarli attraverso una dieta specifica, sedute di yoga, meditazione e massaggi.