Select Page

I pendii della conca, esposti a nord, mantengono la neve a lungo polverosa. Per di più lo scenario è assolutamente eccezionale: infatti da Pila si gode una vista grandiosa che spazia su tutte le montagne valdostane: il Monte Rosa (m 4633), il Cervino (m 4478), il Grand Combin (m 4310), il Gran Paradiso (m 4061) e il Monte Bianco (m 4810), il Tetto d’Europa.



Ma non dovete mai dimenticare la sicurezza vostra e degli altri. Prima di partire consultate il meteo, portate con voi l’ARVA, lo speciale dispositivo elettronico che consente la ricerca in caso di valanga, e, ancora meglio, fatevi accompagnare da una guida alpina.



Gli itinerari sono numerosi, ma tre sono le proposte più classiche accessibili con gli impianti. Agli sciatori decisamente esperti è riservato il percorso da Chamolé, che si sviluppa interamente su fondo naturale, sulla sinistra della seggiovia omonima. La Gorraz è invece accessibile dalla pista Du Bois, a 200 m dalla seggiovia di Chamolé, in terreno boscoso di media difficoltà. Mentre il Grimondet parte dalla seggiovia omonima e offre pendenze di tutto rispetto.



Spostandosi nella zona del Couis 1, dall’arrivo della seggiovia, dopo un lungo traverso, si apre una conca con neve intatta per tutti quanti. Infinite poi le possibilità offerte dall’arrivo della nuova seggiovia del Couis 2, sempre dopo brevi percorsi di cresta. Chi invece ha un po’ di dimestichezza con la montagna, in un’ora e mezza di cammino, in primavera e con neve assestata, può raggiungere la Punta della Pierre dove il panorama sul solco principale della Valle d’Aosta è impagabile. Da qui partono ben 1300 metri di discesa perfetta fra pascoli e boschi verso il pittoresco villaggio di Ozein (occorre però organizzare un’auto per rientrare ad Aosta).





Info

Società Impianti a fune di Pila

tel. 0165 521148, fax 0165 521437

email

www.pila.it



Scuola di sci di Pila

tel. 0165 521114

email

www.scuoladiscipila.com