Select Page

Un trenino nelle viscere del Monte Rosa per collegare le stazioni sciistiche del massiccio sui versanti piemontese, valdostano e vallesano. Questo l’ambizioso progetto, denominato “Monte Rosa high ring”, promosso dal comune di Macugnaga, che ha già interessato comunità montana, provincia, regione Piemonte e Governo centrale, nella persona del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Enrico Letta. Proprio su incarico di Letta, ai primi di aprile, il presidente dell’Uncem (Unione nazionale comuni comunità enti montani), Enrico Borghi, ha compiuto un primo sopralluogo nell’area interessata dal progetto.

Il trenino, ideato dallo studio Lombardi di Locarno, avrebbe un impatto ambientale molto basso, scorrendo completamente all’interno di una galleria scavata nella montagna, ma un ritorno economico molto alto. Permetterebbe infatti un collegamento veloce tra Macugnaga, Alagna, Gressoney, Ayas, Valtournenche, Zermatt e Saas – Fee. Il costo dell’opera (i primi calcoli lo stimano sui 250 milioni di Euro) non spaventa i promotori: ci sarebbero infatti già contatti positivi con privati e istituti di credito disposti a entrare in una società.

Sulla base delle informazioni ricevute da Borghi, Letta ha espresso l'interesse e la volontà del governo centrale di valutare la fattibilità di un progetto dì sviluppo sostenibile che rappresenta un’opportunità straordinaria per l'economia del territorio e dell'intero Paese e ha fissato per il 18 aprile un incontro con gli esponenti delle amministrazioni locali e delle regioni interessate.

Il giorno prima, martedì 17 aprile, è stato invece fissato un incontro tra gli amministratori di Macugnaga, relatori del progetto, il presidente della Giunta, Luciano Caveri e i sindaci dei comuni interessati dal collegamento. Questi, pur in attesa di conoscere la proposta in modo più dettagliato e approfondito, sembrano tutti favorevoli all’iniziativa. Max Comune, sindaco di Gressoney-La-Trinité ha affermato: Giorgio Munari, sindaco di Ayas, ha trovato altri punti a favore del trenino: 

Anche Giorgio Pession, sindaco di Valtournenche, ha dichiarato di aver sempre sostenuto l’importanza e i benefici di un collegamento tra le valli del Monte Rosa e del Cervino.  A raffreddare gli entusiasmi è invece il presidente Luciano Caveri: "Martedì riceverò gli amministratori di Macugnaga per cortesia e per i legami con la comunità Walser, ma ho l’impressione che si facciano i conti senza l’oste. Già in passato Macugnaga aveva avanzato un progetto simile e all’epoca incontrai le autorità vallesane che rinviarono l’iniziativa al mittente, consigliando Macugnaga di rifare prima i loro impianti del tutto obsoleti. Bisogna prima pensare a finire il collegamento con Alagna. Proprio in questi giorni si sta concludendo l’iter della Monterosa spa per la costruzione del troncone di funivia da Punta Indren al Dente di Bors".