Select Page

ECCO LE DATE DI APERTURA E CHIUSURA DELLA MOSTRA:

Apre la mostra dedicata ai ghiacciai al Museo Montagna di Torino

Il Museo Nazionale della Montagna di Torino comunica che le inaugurazioni previste per mercoledì 11 marzo sono annullate, per effetto del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2020, art. 1, comma B. La mostra Sulle tracce dei ghiacciai. On the Trail of the Glaciers sarà comunque visitabile a partire da giovedì 12 marzo. Si precisa infatti che, fatte salve eventuali future diverse disposizioni da parte delle Autorità competenti, il Museomontagna è regolarmente aperto al pubblico, al quale raccomandiamo il rispetto delle misure di prevenzione nel corso della visita.

Sulle tracce dei ghiacciai. On the Trail of the Glaciers è un progetto internazionale in bilico tra documentazione fotografica e ricerca scientifica realizzato da Fabiano Ventura, all’interno del quale i due campi di indagine analizzano e rilevano gli effetti dei cambiamenti climatici sulle masse glaciali negli ultimi cento anni.

Fotografo di montagna e ideatore del progetto, Ventura ha ripercorso le tracce dei primi fotografi ed esploratori di fine Ottocento e primi del Novecento insieme a un team di ricercatori, registi e fotografi. L’esperienza si è posta come obiettivo la realizzazione di una serie di fotografie che ritraggono le storiche vedute dall’esatto punto geografico e nello stesso periodo dell’anno di quelle del passato. La comparazione visiva e le misurazioni scientifiche sul campo documentano il cambiamento e l’inarrestabile fusione dei ghiacci.

Al Museomontagna viene presentata una selezione delle immagini più rappresentative frutto delle prime cinque spedizioni che compongono il progetto Sulle tracce dei ghiacciai. I confronti fotografici e le immagini di backstage raccontano le prime cinque spedizioni del progetto, tenutesi nelle catene montuose del Karakorum 2009, del Caucaso 2011, dell’Alaska 2013, delle Ande 2016 e dell’Himalaya 2018.

In mostra, in anteprima, anche una panoramica del ghiacciaio del Lys al Monte Rosa realizzata in occasione della pre-spedizione Alpi 2020. 
 Completa l’esposizione la video installazione interattiva dal titolo In cammino nel tempo, che permette ai visitatori di interagire con le immagini antiche e quelle moderne attraverso un’esperienza sensoriale sul tema del tempo.

La mostra è organizzata nell’ambito dei festeggiamenti del 150esimo anniversario di Ferrino, azienda che come dichiara l’amministratore delegato Anna Ferrino è “profondamente radicata nel suo territorio. Per questa ragione abbiamo ritenuto importante rafforzare la storica collaborazione con il Museo Nazionale della Montagna, offrendo ai visitatori del museo l’opportunità di vedere a Torino un progetto che sosteniamo dal suo inizio e che quest’estate culminerà nella spedizione Alpi 2020”.

Dal 12 marzo sarà visitabile anche la mostra Qui c’è un mondo fantastico. Sguardi contemporanei sugli archivi del Museomontagna, realizzata nell’ambito del progetto Interreg-Alcotra iAlp. Alle ore 17 si terrà la presentazione del portale dedicato alla consultazione interattiva delle collezioni del Museomontagna e del Musée Alpin di Chamonix: mountainmuseums.org

Daniela Berta dichiara
: “Il Museo Nazionale della Montagna accoglie con grande interesse il progetto Sulle tracce dei ghiacciai. L’iniziativa condivide l’attenzione di Ferrino per i cambiamenti che interessano la montagna contemporanea e per la cultura delle terre alte, sensibilità che avvicinano l’azienda alla nostra istituzione, anch’essa in procinto di compiere 150 anni 2024. L’esposizione si inserisce all’interno di un percorso iniziato nel 2018 con le mostre Post Water e Under Water e proseguito nel 2019 con Tree Time, volto a indagare le urgenze ambientali che vedono protagonista la montagna in questo inizio di XXI secolo.
Sulle tracce dei ghiacciai va in questa direzione. Ci auguriamo dunque che la mostra possa contribuire a veicolare una nuova ecologia del pensiero su temi globali che travalicano inevitabilmente il nostro contesto di riferimento.”

Anna Ferrino dichiara:
 “La scelta di affiancare Fabiano Ventura nel suo ambizioso progetto nasce per molteplici ragioni. La prima è storica, poichè si tratta di un lavoro trasversale al percorso della nostra azienda e che ci invita a riflettere sull’importanza di preservare le montagne che hanno accompagnato questa lunga storia, permettendo ai nostri testimonial equipaggiati Ferrino di compiere sfide straordinarie e di scrivere pagine fondamentali della storia dell’alpinismo e dell’esplorazione. La seconda ragione è divulgativa: per la nostra azienda, i cui prodotti si rivolgono a chi ama trascorrere il tempo libero nella natura, è essenziale impegnarsi per sensibilizzare la comunità sull’importanza di preservare l’ambiente che ci circonda. Quest’anno la spedizione attraverserà le Alpi, portando in giro per l’Italia valori nei quali noi per primi crediamo fermamente: mi piace pensare che la spedizione Alpi 2020 idealmente parta proprio qui da Torino, dove la nostra storia è nata nel 1870, e da un luogo simbolo per la storia dell’alpinismo italiano quale il Museo Nazionale della Montagna”.

Fabiano Ventura

Share This