Select Page

Aperto lo scorso 27 luglio, il MUSE, il Museo delle Scienze di Trento registra oltre 100.000 visitatori. Numeri importanti che denotano l'apprezzamento della nuova struttura architettonica e dei contenuti sviluppati dallo Studio Renzo Piano Building Workshop e dal lavoro di ricerca e divulgazione scientifica dei mediatori culturali del museo e del direttore Michele Lanzinger.

A una prima indagine, i visitatori risultano provenire per l’80% da fuori provincia di Trento – principalmente da Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Lazio – anche se non mancano i trentini e una rappresentanza dall’estero. Tra le tipologie di biglietti emessi, spicca l’opzione famiglia che conferma il richiamo del museo su bambini e ragazzi che non mancano mai di appassionarsi alla sperimentazione, alla tecnologia e alla natura.

A fianco del museo “reale”, il MUSE offre un ampio ventaglio di proposte “virtuali», con una ricca attività social media dai numeri altrettanto  “incoraggianti”: oltre 17.000 gli amici che frequentano la pagina Facebook del MUSE, migliaia le visualizzazioni dei video sulla pagina YouTube, una media di più di 4.000 visite giornaliere al sito www.muse.it.

Grande soddisfazione viene espressa dal direttore Michele Lanzinger; “questi numeri sono assolutamente incoraggianti. Tuttavia non si tratta solo di considerare il dato quantitativo. Abbiamo avviato una ricognizione sistematica della soddisfazione della visita che ci fa intravvedere quanto i nostri visitatori – sia chi è già in Trentino per le vacanze estive che chi si è messo appositamente in viaggio per visitarci – abbiano apprezzato lo stile espositivo del MUSE. Stiamo osservando come il nostro pubblico percepisca la visita al museo come una sorta di esplorazione, un viaggio di scoperta. Un’esperienza di interazione con gli apparati espositivi e di conversazione sui temi del museo con gli amici o i famigliari con i quali sta visitando la struttura. Per questo motivo, gli aspetti maggiormente apprezzati sono l’interattività dei nuovi exhibit scientifici, gli animali tassidermizzati posti fuori dalle vetrine e quasi a portata di mano e infine l’edificio e il design delle esposizioni disegnati da Renzo Piano”​.

Foto: Copyright Tutti i diritti riservati a MUSE – Museo delle Scienze