Select Page

Se ne occupa da alcuni anni un laboratorio specifico, istituito dall’Università di Torino, facoltà di Agraria, con sede provvisoria a Gressoney la Trinità. La locazione definitiva sarà all’ultimo piano dell’Istituto Angelo Mosso al Col d’Olen, in via di ricostruzione dopo che un incendio nel 2000 lo distrusse in gran parte.

L’attività di studio della neve o “nivologia” ha un ruolo fondamentale nella corretta gestione del territorio, sia riguardo alle attività sportive invernali e al turismo, sia nel controllo del rischio valanghivo, senza dimenticare l’importanza della neve come serbatoio d’acqua utilizzabile per l’irrigazione e la produzione di energia elettrica e come efficace isolante in grado di proteggere la vita animale e vegetale dalle rigide temperature invernali.

Il 3 e 4 aprile, un convegno, organizzato proprio dal Laboratorio Neve e Suoli Alpini, insieme al Parco Naturale Alta Valsesia e in collaborazione con Monterosaski, ha  riunito ad Alagna vari esperti, alcuni di fama internazionale, per fare il punto delle conoscenza in materia. .

Si è parlato del destino dell’acqua di fusione nivale, seguita passo passo con isotopi dell’ossigeno e dei modelli svizzeri di evoluzione del manto nevoso, utilizzati adesso in via sperimentale in Valle d’Aosta, per capire la stabilità del manto nevoso e la sua trasformazione. Infine Sara Ratto, del Centro Funzionale della Valle d’Aosta ha illustrato dei modelli di fusione nivale per calcolare quanta acqua viene resa disponibile dalla fusione del manto nevoso, informazione basilare per sapere la quantità di acqua a disposizione per la produzione di energia elettrica e gli usi agricoli e umani.

Il convegno, oltre alla parte teorica, ha svolto esercitazioni pratiche per gli studenti dei corsi di laurea in Scienze forestali e ambientali, in Difesa del suolo e in  Scienze e turismo alpino della Facoltà di Agraria di Torino e per quelli di Ingegneria ambientale dell’Università di Pavia. 
Giovedì 12 aprile, dalle ore 9 alle 13,  si replica al Palazzo Regionale di Aosta, con la conferenza “Mondo neve” organizzata dalla Regione Valle d’Aosta, in collaborazione con il “Laboratorio neve e suoli alpini”, incentrata sulle attività svolte dall’amministrazione regionale sulle tematiche nivologiche e valanghive.