Select Page

Abbiamo riservato alla delegazione CIO una straordinaria accoglienza sotto la neve e la commissione è particolarmenete soddisfatto per quello che stiamo mostrando”. Lo dichiarano l’assessore con delega alla Montagna Massimo Sertori e il Sottosegretario ai grandi Eventi, Antonio Rossi, in occasione del sopralluogo di oggi, tenutosi a Livigno, da parte della Commissione di Valutazione del Comitato Olimpico Internazionale, accompagnata dal Presidente Malagò, nell’ambito del Tour dei siti inseriti nel masterplan dalla candidatura di Milano-Cortina per i Giochi olimpici invernali del 2026.

Sertori CIO Livigno Olimpiadi 2026

ROSSI: – “Abbiamo prenotato la neve: la delegazione è arrivata sotto i fiocchi ed ha potuto vedere paesaggio e temperature invernali. Abbiamo lavorato tanto in questi mesi e le sensazioni sono buone le stesse che provavo quando gareggiavo. Un lavoro di squadra che ha ben in mente l’obiettivo e sta curando ogni minimo particolare per arrivare al meglio alla data”, ha commentato Antonio Rossi.

“A livigno, come Regione Lombardia, – ha continuato – puntiamo molto sell’Accordo di programma con il Comune per la realizzazione della piscina di 50 metri in acqua grande, che vorremmo che diventasse un centro di riferimento per gli atleti di alto livello. Qui a Livigno infatti l’atleta può allenarsi bene e distrarsi nei momenti di relax, pensare quindi non solo al fisico ma anche alla mente”.

“Le autorità svizzere grazie al lavoro dell’Assessore Sertori – ha concluso – hanno assicurato l’apertura durante il periodo olimpico del Passo della Forcola, così da far defluire gli spettatori anche da questo versante”.

SERTORI – “Livigno è un posto straordinario come tutta la Valtellina e registro con grande soddisfazione il clima che si sta creando dietro al sogno olimpico. Sindaci e Cittadini sanno cosa può offrire a tutto il mondo”, ha dichiarato l’assessore Sertori.

Il CIO a Livigno per Olimpiadi 2026

“Anche il coinvolgimento degli svizzeri – ha sottolineato Sertori – è una cosa inedita che determina il clima positivo intorno alla candidatura italiana”.

“Regione Lombardia – ha continuato – indipendentemente dalle Olimpiadi, ha investito molto e continuerà ad investire nei territori montani, che costituiscono il 40% del territori, e in Valtellina e Valchiavenna. Abbiamo migliorato i collegamenti tra Milano e la Valtellina: è di qualche mese fa l’inaugurazione della tangenziale di Morbegno, la tangenziale di Tirano è già completamente finanziata e sarà pronta molto prima del 2026”.

“Ora Regione e Governo – ha precisato – si stanno concentrando sul completamento della tangenziale di Sondrio. Quest’ultima inftarsastruuta renderà più veloce e sicuro il collegamento della Valtellina a Milano e l’Italia.

Le Olimpiadi sotto questo punto di vista sono uno straordinario acceleratore verso opere la quale utilità rimarrà anche dopo l’evento”.

“C’è ancora molto lavoro da fare – ha concluso – e vogliamo accogliere questa straordinaria opportunità. Abbiamo tutte le caratteristiche per poter fare bene e portare a casa le Olimpiadi Invernali del 2026. Una occasione straordinaria per Milano, Cortina e tutti i valtellinesi saranno in grado di dare lustro a tutta l’Italia”.