Select Page

Skipass 2008, Modena, accende i riflettori sull'edizione numero 15 della fiera del turismo, della neve e degli sport invernali. Una rassegna che quest'anno apre i battenti in un contesto e in un clima ben diversi da quelli del suo battesimo. Nel 1993, anno di nascita di Skipass, Alberto Tomba era all'apice della sua carriera e lo sci al culmine di una stagione di allori e splendori, anche commerciali. Oggi, nonostante i successi delle squadre azzurre, che seppur prive della stella di Castel De Britti possono contare su molti campioni e su di una straordinaria forza di gruppo, sulla nuova stagione della neve serpeggia l'alone della recessione. Staremo a vedere.

Del resto le Alpi e gli sport della neve, il comparto turistico e le attività del settore, dall'abbigliamento all'equipaggiamento tecnico, non sono un'oasi felice e di certo dovranno attraversare un periodo carico di incertezze che tuttora non siamo in grado di dimensionare. La speranza è che la passione vinca su tutto e che gli amanti dell'alta quota riescano a gustarsi le abituali discese sui pendii immacolati, o le giornate di cammino immersi nel candore della natura invernale.

E così, in questo clima di "crisi globale", la grande macchina del circo bianco dirige la sua marcia verso le alte cime e proprio a Skipass, come ogni anno, il motore comincia a salire di giri. Si va verso l'inverno – sulle Alpi proprio in questi giorni si registrano le prime copiose nevicate – e i diversi operatori del settore si radunano in occasione della rassegna modenese per presentare novità e offerte, eventi e nuove chicche di stagione.

Camminando tra gli stand della fiera siamo rimasti colpiti dalla novità Skimagic, grande rullo sintetico di colore bianco che simula un pendio innevato, permettendo di sciare e tirare curve ma senza la neve, il freddo, la giacca e i classici agghindamenti di stagione.
Un altro bell'incontro, quello con lo storico marchio Maxell. Uno sci che ha fatto la storia dello sport azzurro e che dopo la sua scomparsa dai mercati, datata 1986, torna oggi per raccogliere l'attenzione di migliaia di appassionati, soprattutto dei meno giovani, che con Maxell hanno sciato in passato, vivendo indimenticabili stagioni di bianche emozioni.

A Skipass 2008 non poteva mancare, infine, la grande famiglia Fisi. Sotto la guida del presidente Giovanni Morzenti, la Federazione Italiana Sport Invernali ha applaudito i campioni di ieri e di oggi e presentato una stagione ricca di eventi ma povera di sponsor e denari. Sul palco, durante la Festa degli Azzurri, sono stati premiati sciatori del calibro di Denise Karbon e Manfred Moellg, di Alex Zorzi e Pietro Piller Cottrer. Senza dimenticare gli specialisti dello slittino, dello sci d'erba, del carving, dello snowboard e delle altre innumerevoli specialità federali.

Ora la parola passa alla pista, al ghiaccio e alla neve vera, sulla quale i desideri e le aspettative degli atleti cominceranno a scivolare, sempre più veloci: per trasfomare i sogni in realtà e i mesi duri della preparazione in spensierati podi di vittoria.
Senza dimenticare la neve comune, quella della settimana bianca, del weed lungo o della gita domenicale, da cui dipenderanno le sorti di uno dei settori sport-turismo più amati dai cittadini italiani ed europei.