Select Page

Appuntamento con i cani San Bernardo. Come negli anni passati, sabato 21 e domenica 22 giugno Etroubles, il ridente comune valdostano situato nella Valle del Gran San Bernardo e famoso per il suo museo d’arte all’aperto, ospita la  48a edizione  del  Raduno Internazionale del San Bernardo, la razza canina nota per la sua taglia stupefacente e per le eccezionali doti di intelligenza e mitezza (un maschio adulto, alto 90 cm al garrese, può arrivare a pesare tra gli 80 e i 90 Kg). La kermesse e' organizzata dal Club Ialiano San Bernardo e dal Comitato valdostano 'Amici del cane San Bernardo'

Allevato fin dal X secolo nell’ospizio che la tradizione vuole fondato da St Bernard de Menthon sul passo alpino tra la Svizzera e l’Italia, il cane San Bernardo è un diretto discendente del molosso romano e inizialmente fu scelto dai monaci perché con il suo peso e le sue zampe larghe, quasi palmate, era adatto a tracciare sentieri sulla neve.  I cani vennero poi addestrati per il trasporto e il soccorso e divennero famosi per il recupero di poveri viandanti, assideratisi nel tentativo  di attraversare il valico. Da ricordare tra tutte la triste storia di Barry, il mitico cane dell’ospizio, ferito a morte da chi aveva salvato che lo aveva scambiato per un orso. Nel museo dell’Ospizio si trova uno dei discendenti di Barry imbalsamato

Sabato 21 giugno i cani, con i loro proprietari, saliranno dalla localita' Cantine (Saint Rhemy en Bosses) fino al Colle del Gran San Bernardo per la benedizione delle 12.30 sotto la statua di San Bernardo.
Domenica 22
dalle 10, nell’area comunale 'L'Ila' del comune di Etroubles avranno inizio i giudizi di bellezza dei cani iscritti, validi per il Campionato italiano e mostra internazionale del San Bernardo. Nello scenario della Coumba Freida i San Bernardo più belli potranno aspirare al Cac – certificato di abilitazione al campionato italiano Fci.  In palio pure il trofeo "Memorial Antonio Morsiani", che verrà attribuito al miglior soggetto assoluto. Il verdetto finale alle 15,30 dal giudice tedesco Peter Brieskorn.