Select Page

Rimasto escluso dalle convocazioni di Coppa del Mondo in Russia, il bergamasco Fabio Santus si è preso la bella soddisfazione di vincere la granfondo Dobbiaco-Cortina di domenica 1 febbraio, sulla distanza “marathon” di 42 chilometri.

Il fondista che difende i colori del Corpo Sportivo dei Carabinieri, ha imposto il proprio ritmo di gara sin dalle prime battute, dopo la partenza dalla piana di Dobbiaco, e con lui ha trascinato un gruppetto di avversari tra cui il compagno di squadra Florian Kostner, i finanzieri Thomas Moriggl e Freddy Schwiembacher e i due sciatori dell’Esercito, Simone Paredi e Sergio Bonaldi, quest’ultimo con il pettorale numero 1 riservato al vincitore della passata edizione.

Sulla salita verso Cimabanche, però, il gruppo si sfilacciava complice anche l’alta frequenza imposta dai due carabinieri, a cui resisteva solo Sergio Bonaldi. Nella discesa verso Cortina d’Ampezzo i tre si davano cambi regolari fino all’entrata del paese quando un allungo di Fabio Santus lo poneva in vantaggio nello sprint sotto il campanile.

Per Fabio Santus la vittoria di oggi rappresenta un importante traguardo dopo due tentativi che lo hanno visto al secondo posto nel 2002 e terzo nel 2001. "Un successo che cercavo da tempo" sottoline Santus "dopo i secondi posti alla Sgambeda di Livigno e alla Millegrobbe. Oggi ci tenevo particolarmente a far bene perché le granfondo mi piacciono: sono più portato per le lunghe distanze, magari la prossima stagione potrei entrare nella squadra delle lunghe distanze di Coppa del Mondo. Oggi è stata una bella gara un po’ rallentata dalla neve fresca. Anche la deviazione che c’è stata per evitare il rischio di valanghe mi è piaciuta molto rispetto al tradizionale percorso che avevo già fatto nel 2001 e nel 2002".

Tra le donne un altro successo targato Fiamme Oro, dopo la vittoria di ieri nella 30 km classica di Luca Orlandi, con la piemontese Elisa Gril, classe 1986, che al suo esordio in una granfondo scrive il proprio nome nell’albo d’oro della prestigiosa competizione. La fondista Gril è nata e cresciuta sportivamente sulle nevi di Prali, la stessa valle di Lara Peyrot, vincitrice della FIS Marathon Cup. Alle sue spalle, staccata di quasi 3 minuti, la trentina Veronica De Martin Pinter che grazie a questo piazzamento d’onore, conquista il primato nella classifica combinata per somma di tempi con la gara in classico di ieri.

"La gara è stata bella" commenta la Gril "perché non sono mai stata da sola. È stata una fuga solitaria come donna, ma con un gruppo di uomini sempre intorno a me. Vengo da Prali come Lara Peirot che correva anche lei nelle Fiamme Oro. Questa è stata la mia prima gara così lunga, d’altronde non sono una sprinter".

Al terzo posto un piacevole rientro alle competizioni quello di Nathalie Santer che dopo aver abbandonato l’attività agonistica nel biathlon un anno fa, ora assapora il piacere di competere nelle granfondo anche solo come “turista”. Nathalie ha anticipato la sorella Saskia, anch’essa con un passato in azzurro, che da tre anni vive e studia in Olanda per completare il percorso universitario in fisioterapia.

La speciale combinata
Nella prova combinata per somma di tempi delle gare di ieri (30 km a tecnica classica con 500 iscritti) e di oggi (42 km a tecnica libera con 1000 iscritti) vincitore Andreas Mose su Roberto Gabrielli e Michele Benamati. Tra le donne, vittoria di Veronica DeMartin Pinter su Barbara Giacomuzzi.

E ora si pensa al Tour de Ski
La 32esima edizione della granfondo Dobbiaco-Cortina si conclude così, come da tradizione, con lo sprint sotto il campanile di Cortina d’Ampezzo, e mentre si pensa a chiudere questa edizione di successo, si guarda già avanti con la candidatura del tracciato odierno come tappa del Tour de Ski 2010, con partenza da Cortina e arriva nel nuovo e avveniristico stadio del fondo di Dobbiaco, i cui lavori inizieranno ad aprile. La conferma della data (si ipotizza il 6 gennaio) e la formula (possibile partenza a inseguimento) si avranno in primavera, in occasione del consueto congresso FIS.

Dobbiaco Cortina 42 km TL – 01.02.2009
Classifica maschile
1. Fabio Santus                    CS Carabinieri   1976  1:48’41”
2. Florian Kostner                CS Carabinieri   1979  1:48’42”
3. Sergio Bonaldi                  GS Esercito       1978  1:48’44”
4. Freddy Schwiembacher Fiamme Gialle    1975  1:49’18”
5. Mirco Rigoni                     FF OO                1982  1:50’29”
6. Julian Eberhard                Austria                1986  1:51’32”
7. Simone Paredi                 GS Esercito       1982  1:52’00”
8. Roberto De Zolt                GS Hartmann     1970  1:52’01”
9. Giovanni Pezzo                                           1987 1:52’05”
10 Eugenio Bianchi                                         1985  1:53’07”

Classifica femminile
1. Elisa Gril                           FFOO                 1986  2:03’50”
2. Veronica De Martin P.      GS Hartmann     1985  2:06’46”
3. Nathalie Santer                Toblach              1972  2:07’06”
4. Saskia Santer                  Toblach              1977  2:09’32”
5. Sara Rigoni                                                 1980  2’10’03”
6. Marina Piller                     GS Forestale      1984  2:12’22”