Select Page

E’ un traguardo importante quello raggiunto dalla comunità Walser di Macugnaga: la Fiera di San Bernardo, mostra mercato di artigianato alpino e Walser, raggiunge quest’anno la sua Trentesima Edizione. Un momento questo, per tutta la comunità macugnaghese, che diventa segno di una forte coesione e di desiderio puro di tramandare nel tempo e di divulgare le caratteristiche e le particolarità del vivere in montagna e la meraviglia del genio walser.

E così nei giorni 1, 2 e 3 luglio Macugnaga apre le sue porte a tutti coloro che desiderano conoscere l’antico mondo dei walser e delle genti di montagna, scoprirne tradizioni, usi e costumi, il tutto attraverso spunti e momenti diversi di un ricco programma di eventi che alterneranno approfondimenti culturali, mostre, dimostrazioni di lavorazioni, musica e la tradizionale esposizione dei prodotti artigianali alpini.

Si inizia venerdì 1 luglio alle 14:30 con la consegna dei tronchi di tiglio agli scultori che parteciperanno al XVI Concorso estemporaneo di Scultura su legno con tema “Il Genio dei Walser: tra meraviglia e sogno, tra natura e casa”.

Fitto il calendario di appuntamenti nella giornata di sabato 2 luglio con l’apertura al pubblico, alle ore 9:30, della “XXX Fiera di San Bernardo” con oltre 55 bancarelle che esporranno sculture in legno, ceramiche, ricami, tessuti, libri antichi, cesti intrecciati, oggetti in ferro battuto, attrezzi da lavoro e poi ancora prodotti enogastronomici e antichità. Molte le dimostrazioni in diretta: dalla tornitura e intaglio del legno alla tessitura o al ricamo.

Il pomeriggio di sabato vede alle ore 15:00 l’inaugurazione ufficiale della fiera presso la Tanzlaube di Staffa alla presenza del Sindaco e delle Autorità, segue l’inaugurazione dei bassorilievi dello scultore Vittorio Tavernari messe in opera sempre presso la Tanzlaube. Dopo l’inaugurazione verrà presentata la giuria tecnica della XVI Estemporanea di Scultura su Legno.

Il vecchio dorf walser di Macugnaga Monte Rosa

Il vecchio dorf walser di Macugnaga Monte Rosa

Di particolare rilevanza è la Giornata Internazionale di Studi intitolata a Luigi Zanzi, storico e studioso che aveva riportato in auge proprio 30 anni fa a Macugnaga l’antica fiera. Ed è nel suo nome che questa giornata di studi approfondisce ed esamina, con il contributo di illustri nomi del mondo accademico, del giornalismo e della letteratura, dell’architettura “Le Alpi, Architettura e Civilizzazione. Il Genio dei Walser nelle Alpi, gli insediamenti rurali”.

Il Convegno di studi, presieduto dal giornalista e scrittore Robi Ronza, ha inizio alle ore 10:00 presso la Kongresshaus di Staffa, segue l’intervento “La Maison Walser, une architecture spéci que? “ dell’etnologo, geografo e storico dell’architettura jean-Pierre Anderegg. L’architetto Claudine Remacle parlerà invece di “Habitat e architettura rurale nella valle di Gressoney”. Conclude la mattinata l’intervento di Giovanni Kezich e Antonella Mott del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina “La Quarta dimensione dell’insediamento alpino: il maggengo”.

La seconda parte della giornata di studi riprende nel pomeriggio alle 15:30, sempre presso la Kongresshaus di Staffa con l’intervento di Roberto Fantoni del Gruppo Walser di Carcoforo con” L’evoluzione della tipologia edilizia rurale in legno tra Quattrocento e Novecento in alta Valsesia”. Dario Benetti, architetto e urbanista, direttore dei “Quaderni Valtellinesi” affronterà il tema “Dimore rurali in Valtellina e Valchiavenna: tra pietra e legno, alle radici dell’insediamento umano”. Viviana Ferrario, dell’Università IUAV di Venezia ci porterà invece a scoprire il “Paesaggio e architettura rurale nella montagna dolomitica”.

Il convegno si conclude con l’intervento dello storico Enrico Rizzi che dedicherà il suo intervento all’Architettura e alla civilizzazione montana nel pensiero e nell’opera di Luigi Zanzi.

Sotto la Tanzlaube, in piazza a Staffa, si terrà l’aperitivo augurale con presentazione di tre libri vicini e connessi al mondo e alla cultura walser: Cervino sconosciuto di Laura e Giorgio Aliprandi, Enrico Rizzi, Luigi Zanzi e Le Alpi, Architettura e Civilizzazione di Luigi Zanzi e Enrico Rizzi e Götwiarchjini, folletti di Macugnaga di Beba Schranz.

Alle ore 20:30, sempre presso la Kongresshaus, è in programma un intratternimento musicale con Achille Succi & Danilo Blaiotta Duet che accopagneranno i momenti ufficiali della serata con la cerimonia di conferimento della prestigiosa Insegna di San Bernardo (riconoscimento dedicato a personggi o Enti che si sono distinti per la loro attività in favore della montagna) all’alpinista Hervè Barmasse e il conferimento della Segale d’Oro, (conferita a quei giovani che hanno scelto di fare della montagna una loro ragione di vita) a Stefano Balossi e Christian Romen.

La giornata di domenica 3 luglio è interamente dedicata alla tradizione walser con la S.Messa alle ore 10:00 celebrata da Monsignor Renato Corti Vescovo Emerito di Novara e alle ore 11:00 la solenne Processione di San Bernardo nella quale parteciperanno i gruppi walser in costume tradizionale. Seguirà poi, presso Chiesa Vecchia, la benedizione degli attrezzi da montagna, l’incanto delle offerte sotto il Vecchio Tiglio e la distribuzione del pane nero al Forno del Dorf.

Il pomeriggio prosegue con la chiusura del XVI Concorso Estemporaneo di scultura “Genio dei Walser, tra meraviglia e sogno, tra natura e casa” e con la premiazione degli scultori da parte della giuria tecnica e degli espositori della XXX “Fiera San Bernardo” e con la consegna del tradizionale Pane dell’Amicizia ai gruppi walser intervenuti.

Per ulteriori informazioni
Comitato della Comunità Walser di Macugnaga
fieradisanbernardo@gmail.com
www.macugnaga-online.it