Select Page

<p style=”text-align: center;”><a href=”http://www.herno.it” target=”_blank” rel=”noopener noreferrer”><img class=”size-full wp-image-30229 aligncenter” src=”https://www.discoveryalps.it/wp-content/uploads/2018/06/Herno-banner.png” alt=”” width=”843″ height=”127″ /></a></p>

Chiamato anche l’Alpe di Trento, il Monte Bondone è un paradiso per le famiglie, ma non solo. Dotato di piste molto ampie e attrezzate con un moderno impianto di innevamento programmato, che copre il 100% dell’area sciabile, è una località storica per lo sci. Sulle sue pendici già nel 1934 era stato installato il primo impianto di risalita del Trentino. La stazione è associata allo skipass Skirama Dolomiti Adamello Brenta, un carosello che conta 8 località, 150 impianti di risalita e 380 km di piste. Il comprensorio Monte Bondone è dotato di 4 seggiovie – tra cui la nuova seggiovia esaposto “Montesel” – e un tapis roulant che permettono di raggiungere i versanti che accolgono le discese con diversi gradi di difficoltà, per un totale di 21 km. Assolutamente degna di nota è la “Gran pista”, che si snoda attraverso prati e boschi di conifere e betulle ed è servita dalla seggiovia Rocce Rosse, che con i suoi 809 metri di dislivello percorsi in poco più di 7 minuti è una delle seggiovie con il maggior dislivello di tutta Europa. Questa pista è entrata di diritto nel ranking 2014 delle 100 migliori piste del mondo, stilata dal network CNN. Ma, al Bondone si scia anche di notte, ogni giovedì e sabato sera, dalle 20.00 alle 22.30, grazie all’illuminazione artificiale, ci sono aperte le piste Cordela, Diagonale Montesel, Lavaman e lo Snowpark.

Per il fondo c’è il Centro Fondo Viote, che offre 35 km di piste in una tra le più preziose riserve delle Alpi, il Centro aderisce al SuperNordicSkipass, lo skipass unico che permette di accedere ai principali centri del fondo trentini e italiani. In questo paradiso dello sci a pochi chilometri dalla città di Trento, da dove basta prendere un mezzo pubblico e lo skibus e si arriva sulle piste, si trovano anelli di varia difficoltà, preparati per tecnica libera e classica, in un territorio circondato da boschi e montagne, accanto ad uno dei più preziosi giardini botanici delle Alpi. Numerosi sono anche i servizi a disposizione degli sciatori, tra cui docce e spogliatoi, parcheggio, ristorante, bar, area giochi, battitura pista quotidiana, assistenza di primo soccorso, segnaletica, servizio sciolinatura e locale deposito per zaini con armadietti. Nell’area sono presenti anche un parco giochi per bambini e la pista per lo slittino e lo snow-tubing.

Per gli snowboarder c’è lo Snowpark Monte Bondone. Si trova ad un’altitudine tra 1470 e 1600 metri, con esposizione a nord, servito dalla seggiovia Montesel. Uno fra i migliori dell’arco alpino, tant’è che nella stagione 2013/14 ha ospitato la prestigiosa XXVI edizione della Winter Universiade. Il Parco,completamente rinnovato con il prolungamento della linea easy dello slope style con tre nuovi terrazzamenti e la realizzazione della nuova linea boardercross,  dispone di illuminazione a LED per l’apertura in notturna e, nella nuovissima Chill Area, dispone di una zona relax con casetta , impianto audio, zona solarium e grill per merende a base di panini con salsiccia in compagnia. Affermata meta di snowboarder, il Monte Bondone durante tutta la stagione offre un ricco programma di eventi e gare.

Quella del Monte Bondone è una skiarea molto versatile dove, oltre a praticare lo sci da discesa e fondo, gli appassionati dello scialpinismo posso trovare il tracciato delle Tre Cime , lungo il quale è possibile fare anche escursioni con le racchette da neve. La Riserva integrale delle Tre Cime è uno dei più preziosi giardini botanici delle Alpi, un luogo dove l´intervento dell´uomo è limitato alla ricerca e allo studio. La riserva, che si estende per 185 ettari, vanta, da un punto di vista naturalistico, una flora ricca e interessante, qui in estate crescono la douglasia vitaliana, la veronica bonarota, il raponzolo di roccia e specie di rilievo come l´anemone alpina e montana e il geranio argenteo. Nella conca delle Viote, si trova anche una torbiera cosiddetta piana, nella quale sono stati riscontrati cumuli di muschi e sfagni assai simili a quelli classici delle torbiere alte, che si sviluppano nelle zone circumboreali come la Russia, la Finlandia e la Svezia. Nel giardino botanico, fondato nel 1938, ci sono oltre 2.000 diverse specie di fiori e piante, provenienti dalle principali catene montuose del mondo.

Per gli amanti delle ciaspole, oltre alla riserva delle Tre Cime c’è anche la zona delle Viote, altro posto perfetto! Basta salire lungo la Costa dei Cavai, fino al valico tra la Rosta e il Cornetto, in un giorno limpido,per godersi con un solo sguardo, il panorama sulla Valle dei Laghi. Dolomiti di Brenta, lago di Cavedine, lago di Toblino con il famoso castello!, lago di Santa Massenza… e per i più fortunati persino il lago di Garda

Altri sport della neve che si possono fare al Monte Bondone sono: il pattinaggio e il gioco del curling,  slittino e bob sulla discesa e sui salti delle Viote, 2.5 km di adrenalina pura.

Per l’ospitalità c’è solo l’imbarazzo della scelta, con noleggi, negozi, bar e rifugi in quota, nei quali gustare uno Spritz o un Bombardino con panna. Un’esperienza davvero particolare è la salita al Palon con l’ultima seggiovia della giornata per godersi la discesa prima della partenza dei gatti delle nevi! Poca gente, ultimi raggi di sole e un panorama mozzafiato sulla città di Trento, che inizia ad illuminarsi. Quello è anche il momento ideale per provare un indimenticabile viaggio sui Gatti delle Nevi, una vera emozione da concludere con una cena in rifugio!

Volare in parapendio dalle Viote a Vezzano è un’altra delle peculiarità che offre il Monte Bondone, considerato una palestra naturale per chi, su questi declivi, trova grandi disponibilità di decolli, atterraggi e campi scuola. La zona che da Vezzano va verso il Monte Gazza, proprio grazie alla sua particolare esposizione a sud – est, con differenti dislivelli che vanno da 900 m. a 1300 m., è adatta per i voli, che in inverno, anche se più brevi di quelli estivi, offrono un paesaggio impagabile per limpidezza e colori!

Infine, un’esperienza da provare asolutamente è quella di andare per cantine nella Valle dei Laghi, una vera e propria gemma del Trentino, culla della grappa trentina e di vini eccellenti, che culminano nell’inarrivabile Vino Santo DOC. Le cantine Pravis, Maxentia, Poli, Francesco e Pisoni sono protagonisti di una tradizione secolare tutta da scoprire. Al rientro è d’obbligo una tappa alla piccola “caneva” dei fratelli Bressan per respirare l’autentica ospitalità trentina. E per i buongustai, salumerie, caseifici e molto altro, per un viaggio alla scoperta dei sapori locali!


sponsored by Herno

N°139 – HERNO KIDS – Bomber con cappuccio realizzato in nylon mat imbottito in finissima piuma d’oca con dettagli in lana diagonale.

N°139 – HERNO KIDS – Bomber con cappuccio realizzato in nylon mat imbottito in finissima piuma d’oca con dettagli in lana diagonale.

_____________________________

HERNO KIDS – Piumino con pettorina in morbidissima lana diagonale con dettaglio in gros grain e paillettes che illumina l’inconfondibile zip dorata.

HERNO KIDS – Piumino con pettorina in morbidissima lana diagonale con dettaglio in gros grain e paillettes che illumina l’inconfondibile zip dorata.