Select Page

Giovedì 28 marzo 2019, presso Camp Zero Active Luxury Champoluc, è stata presentata ufficialmente la XXII edizione del Trofeo Mezzalama in programma il 27 aprile. Il Trofeo Mezzalama prova finale del circuito europeo di scialpinismo La Grande Course assegnerà il primo titolo di LGC World Championship. Anche per l’edizione 2019 le iscrizioni hanno gli standard di partecipazione degli anni precedenti, contando 300 squadre per un totale di 900 mezzalamisti.
Davanti al numeroso pubblico è stato il presidente della Fondazione Trofeo Mezzalama Luca Bieler a dare il saluto di benvenuto.

Subito dopo ha preso la parola il presidente della Regione Antonio Fosson: «Il Mezzalama non è una semplice gara, ma è un pezzo di storia della Valle d’Aosta che gli appassionati dello scialpinismo hanno saputo salvaguardare e proteggere negli anni fino a farlo diventare un’eccellenza valdostana che tutto il mondo ci invidia. Il Mezzalama è una cavalcata a fil di cielo sulle creste di alcune tra le più belle montagne valdostane, un viaggio dentro se stessi per tutti quanti, organizzatori e addetti ai lavori compresi: lo è per gli atleti professionisti per i quali, spesso, una vittoria può valere una carriera, e per tutti gli altri per i quali traguardare la linea di arrivo a Gressoney-La-Trinité, può valere, allo stesso modo, una carriera amatoriale».

Le fotografie del percorso dall’elicottero scattate giovedì 28.03.2019 e il commento di Adriano Favre

Andriano Favre, che nella mattina era stato in elicottero per un primo sopralluogo sul tracciato di gara ha rassicurato i presenti e la stampa specializzata che il percorso è in buone condizioni. «Questa mattina mi aspettavo una situazione più problematica, – ha raccontato il direttore tecnico del Trofeo Mezzalama – è stato un inverno avaro di precipitazioni nevose, ma il tracciato di gara è in buone condizioni». «Ma la vera novità dell’edizione 2019 – ha continuato Favre – sarà un terzo quattromila. Invece di cominciare la discesa verso Gressoney appena valicato il Naso, da quota 3900 gli atleti risaliranno con gli sci verso il colle del Lys fino alla Roccia della scoperta (4177 m). Come nel 1978, vogliamo ricordare l’impresa dei sette montanari di Gressoney che nel 1778 raggiunsero questo piccolo isolotto roccioso che emerge dai ghiacciai tra Valle d’Aosta e Vallese».

DCIM100GOPROGOPR3318.JPG

Emy Leitner di Dynafit ha parlato della collaborazione pluriennale dell’azienda del leopardo con il Trofeo Mezzalama «Per la terza edizione di fila al fianco della manifestazione ci sarà anche Dynafit grazie a una partnership che sta contribuendo ad accrescere il prestigio di due punti di riferimento assoluti nel campo degli sport endurance d’alta quota. Per l’edizione 2019, l’azienda del leopardo delle nevi supporterà anche il Mezzalama Jeunes dedicata alle giovani promesse. A fianco degli atleti élite, il brand schiera una squadra composta dallo staff Dynafit, oltre ai fortunati vincitori del concorso Mountopia Mezzalama». «Dall’inizio della nostra collaborazione, – ha continuato la Leitner – Dynafit e il Trofeo Mezzalama formano un connubio affiatato grazie alla condivisione di passioni comuni come il rispetto della montagna e le sfide ad altissime quote, elementi che devono essere trasmessi anche agli sportivi più giovani per sopravvivere. Per questo, oltre alla manifestazione principale, l’azienda del leopardo delle nevi sarà sponsor anche della Mezzalama Jeunes».

Durante la prestazione si è parlato, come anticipato da Emy Leitner, anche del Mezzalama Jeunes riservato ad atleti under 18 che si correrà sulle nevi di Gressoney venerdì 26 aprile. Il giorno successivo i giovani partecipanti, accompagnati da guide alpine, potranno risalire in quota verso il Rifugio Mantova e la Capanna Gnifetti per assistere alla discesa degli atleti del Trofeo.

Tutto sul Mezzalama 2019