Select Page

Nell’estate del 2004 saranno passati 50 anni dalla prima ascensione al K2, 8611 metri, la seconda montagna della Terra per altezza. L’impresa fu una storica conquista tutta italiana, che vide protagonisti l’alpinista scoiattolo di Cortina, Lino Lacedelli e Achille Compagnoni che riuscirono a conquistare quell’ardita e inviolata vetta, e che portarono alla ribalta delle cronache mondiali lo spessore dell’alpinismo italiano, contribuendo in maniera significativa ad accrescere la consapevolezza della realtà dolomitica e delle sue enormi potenzialità turistiche.

La prima presentazione ufficiale della prossima spedizione commemorativa degli Scoiattoli sul K2 dell’estate 2004 è si è svolta pochi giorni fa nell’aula consigliare del municipio di Cortina. Per l’occasione sono stati invitati numerosi giornalisti, soprattutto di testate specializzate in montagna e alpinismo, oltre alle autorità locali, provinciali e regionali. Il presidente del sodalizio di alpinisti, sorto il 1 luglio 1939, ha presentato i sette componenti della spedizione che avrà l’obiettivo di raggiungere nuovamente la vetta della seconda montagna più alta della Terra; si tratta di Davide Alberti, Marco Da Pozzo, Mario e Stefano Dibona, Mario Lacedelli, Renato Sottsass e Luciano Zardini. C’è inoltre l’intenzione di affidarsi a Lino Lacedelli quale ideale capospedizione. L’alpinista ampezzano, nato nel 1925, che conquistò la vetta del K2 il 31 luglio 1954 assieme ad Achille Compagnoni, vorrebbe infatti ritornare almeno sino al campo base, sul ghiacciaio del Baltoro, a 5.000 metri di quota. “Mi piacerebbe vedere quella montagna dal campo base ancora una volta – ha detto il decano degli alpinisti – e da lì seguire questi ragazzi nella loro impresa, nella scalata verso la vetta”. La prima anticipazione dell’impresa è avvenuta a Roma il 9 maggio scorso, per la presentazione del nuovo aereo dell’Alitalia che porta il nome di Cortina d’Ampezzo sulla fusoliera. La compagnia aerea di bandiera italiana è infatti uno degli sponsor principali della spedizione. Quel giorno Stefano Dibona, presidente degli Scoiattoli, ha tratteggiato brevemente lo schema della impegnativa impresa: “Noi pensiamo di partire da qui il 10 giugno 2004, avvicinarci al K2 per tutto il mese di giugno e iniziare la salita a luglio. Il nostro sogno è quello di raggiungere la cima, magari proprio il 31 luglio, nel giorno del cinquantesimo anniversario dell’impresa del nostro Lino. Ma ci sarà anche un trekking, per consentire a molte persone di seguirci almeno sino al campo base”.