Select Page

La prima fase dei lavori di ristrutturazione del rifugio Gonella, punto di partenza per la via normale al Monte Bianco dal versante italiano, volge al termine. Sono infatti stati eseguiti i lavori di disgaggio per la messa in sicurezza del sito e di posa delle fondazioni per il nuovo rifugio.

Il costo di queste operazioni ammonta a circa 500mila euro ed è stato coperto dalla Regione autonoma Valle d’Aosta per il 95% e da Cai Uget e Cai Torino per il restante 5%.
I lavori hanno creato non pochi problemi alla ditta incaricata: sembra infatti che siano stati numerosi gli alpinisti che si sono avventurati in zona, incuranti dell’ordinanza di divieto di accesso emessa dal sindaco di Courmayeur e comunicata a mezzo stampa e con cartelli lungo la strada di accesso, esponendosi ai pericoli di caduta di pietre e di materiale edile. 

A breve dovrebbero iniziare i lavori di ristrutturazione vera e propria del rifugio: è infatti in corso la gara d’appalto. Il progetto dello studio Antonio Ingegneri e dell’architetto Bruno Cimberle prevede la conservazione della parte storica e la costruzione di una parte nuova. Verranno infatti conservati 2/3 del rifugio attuale, con funzione di guardaroba e locale invernale, e sarà demolita e rifatta la parte che dà le spalle al versante roccioso.

Il nuovo volume, più ampio del precedente, prevede un livello basso con zona soggiorno-pranzo, cucina e dispensa, un piano superiore con la camera del gestore, venti posti letto per gli ospiti e i servizi e un soppalco magazzino. Costo dell’operazione circa un milione di euro, finanziati con un progetto Interreg e da Cai Torino e Cai Uget.
Per l’esecuzione  dei lavori si prevede almeno ancora tutto il 2008 e per l’intero periodo  dei lavori, per motivi di sicurezza, rimarrà il divieto di accesso alla zona.