Select Page

In una bella giornata del mese di febbraio 2018, immersi in un clima invernale, circondati da meravigliose montagne innevate, come non le si vedeva da alcune stagioni, siamo saliti a bordo del Treno del Bernina per percorrere il tratto della Ferrovia Retica che porta da Tirano a Sankt Moritz, conosciuto in tutto il mondo e riconosciuto dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Una giornata ricca di emozioni, per grandi e bambini, che vi raccontiamo attraverso una carrellata di fotografie.

Fotografia 1, Alberto Giacometti – Saliamo a bordo della carrozza intitolata ad Alberto Giacometti, tra i più illustri e importanti artisti, scultori e incisori svizzeri.

Fotografia 2, Lago di Poschiavo – Siamo sulle rive del Lago di Poschiavo, in località Miralago. Scendendo dal treno in questa stazione, si può cominciare a camminare per effettuare il tour dell’omonimo bacino.
Fotografia 3, Lago di Poschiavo – Le acque del lago, parzialmente ghiacciate, giocano con i raggi del sole, regalando contrasti e suggestioni.

Fotografia 4, Lago di Poschiavo – Il treno sale in quota e il Lago di Poschiavo visto dall’alto cambia nuovamente forma e prospettiva, facendoci capire che ci stiamo addentrando, sempre di più, nel cuore delle Alpi …. comodamente seduti in carrozza, al caldo, circondati da un ambiente invernale.


Fotografia 5, Val Poschiavo – Veduta dall’alto della Val Poschiavo con il lago sullo sfondo.


Fotografia 6, Magici centenari binari – I binari della Ferrovia Retica della tratta Albula – Bernina attraversano le Alpi Retiche, collegando Italia e Svizzera, da oltre 100 anni (il primo secolo di vita è sato celebrato nell’anno 2010). Un’opera di alta ingegneria che si rinnova di anno in anno, dando vita a una macchina/esperienza semplicemente perfetta.

Fotografia 7, Attraverso i boschi – Il treno si fa strada tra boschi e distese innevate, e i passeggeri a bordo vivono un’esperienza indimenticabile, che dona emozioni nuove a ogni curva.

Fotografia 8, Il treno dell’outdoor – Il Treno del Bernina e le sue stazioni sono collegati a una rete di sentieri da percorrere a piedi, con gli sci, in mountain bike d’estate e in alcuni casi anche con la slitta. Per gli amanti dell’outdoor si presentano molte opportunità per vivere esperienze alpine, lasciando a casa l’automobile: ecologia, emozioni, divertimento!

Fotografia 9, Ghiacciai secolari – Dalle ampie finestre dei vagoni, i nostri occhi possono ammirare la grandezza dei ghiacciai alpini.

Fotografia 10, Alp Grum – Si tratta di una delle stazioni di fermata più amate della Ferrovia Retica, perchè da qui si possono ammirare i ghiacciai delle Alpi, l’intera Val Poschiavo e perchè da qui partono molti itinerari a piedi…. e perchè qui si mangia benissimo!

Fotografia 11, Oltre quota 2000 – Siamo ormai vicini al Passo del Bernina e abbiamo superato quota 2000 metri slm. Incredibile, siamo saliti fin quassù con questo magico treno!

Fotografia 12, Ospizio Bernina – Siamo a quota 2233 metri slm, presso la stazione Ospizio Bernina, la più elevata lungo la tratta Tirano -Sank Moritz.

Fotografia 13, Ciaspole e aria pura – Ecco che a un tratto, dalle nostre comode poltrone sul treno, avvistiamo un gruppo di escursionisti che camminano con le racchette da neve – le amate ciaspole – sfidando i freddi venti del Bernina.

Fotografia 14, Bernina Lagalp – Insieme alla stazione del Diavolezza, questa fermata è il punto di riferimento per gli amanti dello sci alpino: si scende dal treno e si sale sulla funivia!

Fotografia 15, Linea di divisione delle acque – Un punto affascinante, che fa riflettere sul nostro ecositema alpino e sulla sua importanza a livello continentale: il cartello Wasser Scheide, che indica il punto in cui le acque delle Alpi si dividono, scorrendo, rsipettivamente, o verso il mare Adriatico o verso il Mare del Nord. Incredibile, ma vero!

Fotografia 16, Morteratsch – Splendido hotel/ristorante di Pontresina, per una pausa dopo una sciata con gli sci di fondo o una camminata, e per rilassarsi ammirando la suprema bellezza dell’omonimo ghiacciaio.

Fotografia 17, Neve e giochi – I bambini corrono e saltano nella neve e vivono l’emozione di camminare sopra un lago ghiacciato, quello di Sankt Moritz.

Fotografia 18, Architettura alpina – Siamo a Sankt Moritz, dove il lusso e il jet set internazionale si miscelano a linee architettoniche che rispettano la secolare tradizione alpina, grazie all’utilizzo di materiali quali legno e pietra.
Fotografia 19, Sank Moritz – Ecco la stazione della Ferrovia Retica di Sank Moritz, luogo frequentato, ogni giorno, da passeggeri provenienti da ogni Paese del Mondo.

Fotografia 20, É tempo di tornar – Siamo nuovamente nella stazione di Sankt Moritz, il treno per Tirano parte puntualmente alle ore 15:48. Saliamo a bordo per goderci nuovamente un viaggio spettacolare.

Fotografia 21, Uomini e tecnologia – Uno sguardo alla cabina di comando del Treno del Bernina fa comprendere quanto questa ferrovia rappresenti una perfetta combinazione tra ingegneria umana e tecnologia: emozioni e sicurezza

Fotografia 22, Cura dei particolari – Sul Treno del Bernina ogni nota – inclusi i poggiatesta – è suonata con rigore e precisione, per dar vita a una sinfonia unica al mondo.

Fotografia 23, Salutiamo le Alpi – Sulla via del ritorno, nei pressi di Alp Grum, gli ultimi raggi del sole salutano la nostra giornata lungo la Ferrovia Retica. Per adulti e bambini, una volta tornati a casa, questi indelebili ricordi riempiranno sogni rilassanti e piacevoli riflessioni.