Select Page

E’ un’avventura con gli sci con la A maiuscola quella raccontata nel film “La promenade – l’intero giro della Valle d’Aosta con gli sci”, scritto e diretto da Michel Dalle e prodotto da Grobeshaus di Aosta, in rete da lunedì scorso 29 gennaio.
Due giovani freerider, Shanty Cipolli di Antey Saint-André e Simon Croux di Courmayeur, di 25 e 20 anni rispettivamente, percorrono l’intero giro della Valle d’Aosta con gli sci, trecento chilometri e ventimila metri di dislivello positivo, in ventidue giorni.

Il regista Michel Dalle, maestro di snowboard ma ormai film-maker a tempo pieno, si era già fatto notare due anni fa per il film “cAPEnorth“, realizzato con Francesca Casagrande, comproprietaria, con lo stesso Dalle, di Grobeshaus. Shanty Cipolli, ex atleta della nazionale di skicross, è passato al freeride da tre anni, è diventato maestro di sci nel 2012 a soli vent’anni ed è stato più volte tra i primi dieci atleti del Freeride world tour qualifier. Simon Croux, oltre ad essere un giovane talento del freeride come la cugina Heidi Petigax, è l’ultimo rampollo di una famiglia di guide alpine, visto che il trisnonno Laurent era una delle guide abituali del Duca degli Abruzzi e il bisnonno Elisée una delle guide di fiducia di miss Una Cameron.

Film La Promenade, l’intero girto della Valle d’Aosta con gli sci

La scorsa primavera i due freerider hanno pensato a un’avventura a due passi da casa, nei luoghi più solitari e inviolati della Valle d’Aosta. Per studiare il percorso hanno sorvolato a lungo la regione sull’aereo pilotato dal comandante Cesare Balbis, ascoltando i racconti di operazioni di soccorso e di atterraggi al limite del possibile. «Come produzione abbiamo scoperto, informandoci sul percorso, il vecchio libro di Pietro Giglio ed Emile Noussan “Sci-alpinismo in Val d’Aosta” (ed.Zanichelli). – racconta il regista Michel Dalle – Abbiamo così trovato informazioni su quello che era stato il vecchio viaggio degli anni Settanta, e siamo andati a cercare le testimonianze dei protagonisti di allora».

Con molto rispetto per il passato, il film si dipana tra il giro effettuato nell’aprile 2017 da Shanty Cipolli e Simon Croux e le interviste a Carlo Vettorato, Guido Fournier e Ruggero Busa, protagonisti della prima “grande haute route valdôtaine”, compiuta nell’aprile del 1970. Le immagini rendono a meraviglia i grandi spazi innevati, dove i due giovani freerider si sentono a volte «piccoli, lontano da tutto e da tutti». Dormono in tenda o nei locali invernali dei rifugi, soffrono il freddo e faticano per i sacchi pesanti, anche se in più di quarant’anni i materiali sono cambiati. Il loro è un vero viaggio con gli sci, di quelli che lo scialpinismo agonistico dei nostri giorni ha in parte dimenticato. Rispetto all’originale con partenza da Champorcher, Shanty Cipolli e Simon Croux hanno compiuto il percorso in senso opposto, partendo da Courmayeur. Attraverso le valli del Gran Paradiso hanno raggiunto Champorcher e nel ritorno da Gressoney hanno raggiunto il Colle Malatrà, dove si è conclusa la lunga traversata.

GUARDA IL FILM LA PROMENADE STREAMING