Select Page

Correva l'anno 2009 quando l’altoatesino Ulrich Gross vinse Tor des Géants®. Stamani, a 5 anni di distanza, un altro italiano è riuscito nell'impresa. Il valdostano Franco Collé ha completato il percorso ad anello di 330 km con un’impresa che resterà nella storia del Tor. Il 36enne maestro di sci ha messo a segno il colpo della carriera, tagliando il traguardo con l’eccellente tempo di 71 ore 49 minuti e 16 secondi. Il record di Iker Karrera, che nel 2013 scese sotto la barriera delle 70 ore, resta al momento imbattuto.

Il valdostano Franco Collé vince il Tor des Géants 2014

Franco Collé si è presentato per primo in Piazza Brocherel, a Courmayeur, dopo tre giorni di lotta agonistica con il francese Lionel Trivel. Per lui anche una serie di problemi fisici, come un attacco di febbre verso metà del percorso, difficoltà che l’hanno rallentato ma non scoraggiato. La sua strategia è sempre stata quella di non cedere terreno, e soprattutto di ridurre al minimo indispensabile le pause e il sonno: il valdostano ha lentamente recuperato terreno, superando infine Lionel Trivel all’altezza del rifugio Barmasse, dopo Valtournenche. La forbice tra i due si è allargata progressivamente, complice l’irresistibile falcata di Collé, ma anche i problemi fisici incontrati da Trivel verso la fine della gara. Finalmente leader incontrastato della gara, Collé ha continuato la sua inarrestabile progressione verso il traguardo.

Franco Collé taglia il traguardo

L'atleta di Gressoney ha corso il tratto finale lungo il tappeto rosso, abbracciato dalla folla e dalla famiglia che lo attendeva al traguardo. Le sue prime parole: “Senza il sostegno che mi è stato dato non sarei qui adesso – ha ricordato, con emozione – Questo è stato il Tor più duro di sempre, sono stato molto male, e ho avuto la tentazione di lasciare perdere. Non è facile ritrovarsi con la febbre dopo un anno di sacrifici e preparazione. Sono stato assalito dai dubbi, al Col Crosatie, a Donnas, a Champorcher. Ma tutti mi dicevano “Non mollare, fallo per noi”. E così, per merito loro, ho tenuto duro”. Tra le mani del vincitore, la bandiera di Gressoney: Franco rappresenta anche la comunità Walser, una minoranza linguistica e culturale dalla forte identità.

Verso il rifugio Deffeyes

Nel frattempo il Tor des Geants prosegue e a Courmayeur si attende l'arrivo degli altri concorrrenti: entro la fine della giornata si prevede che giungeranno a Courmayeur una quindicina di atleti. A ben cinque ore di distanza da Collé si stanno contendendo il podio il californiano Nick Hollon, autore di una sorprendente rimonta, e il duo francese costituito da Christophe Le-Saux e Antoine Guillon. Quanto a Lionel Trivel, a lungo leader della gara, sta attraversando una fase di crisi.

In campo femminile, prosegue il dominio di Emilie Lecomte, saldamente in testa con 6 ore di vantaggio: salvo sorprese dell’ultima ora, il suo arrivo in piazza Brocherel è previsto per le ore 23.00 o 24.00. Con ogni probabilità completeranno il podio la padovana Lisa Borzani e la svizzera Denise Zimmermann.