Select Page

Wengen è una frazione del comune di Lauterbrunnen, nell’Oberland Bernese, adagiata su una soleggiata terrazza protetta dal vento, ai piedi della Jungfrau, a 1274 m di altitudine, completamente chiusa al traffico automobilistico.

I primi documenti ufficiali in cui compare sono datati 1268, poi via, via da semplice alpeggio, si è trasformato in villaggio. Buona parte della sua fama gli è giunto in seguito alla pubblicazione nel 1817 di Mary e Percy Bysshe Shelley, una storia musicata da Felix Mendelssohn, in cui sono descritti il paesaggio e i dintorni di Wengen. Da allora, il turismo ha continuato a prosperare, il primo albergo è stato aperto nel 1859. E’invece del 1890 la costruzione della Wengernalpbahn (o WAB), una cremagliera lunga circa 19 km, che va da Lauterbrunnen a Grindelwald e alla Kleine Scheidegg. Un viaggio che dura 14 minuti all’andata (in salita) e 17 minuti al ritorno (in discesa).

Sempre verso la fine del XIX secolo, il pastore metodista britannico, Sir Henry Lunn, mentre era in visita nella vicina Grindelwald, per organizzare un incontro delle chiese protestanti, si è anche avvicinato agli sport invernali e ne è rimasto affascinato, tanto che nel1896 è tornato nella zona con il figlio Arnold, che rapidamente ha imparato a sciare. Nel frattempo, è il 1911, fondano il Curling Club di Wengen. Passano alcuni anni e i due Lunn, padre e figlio, fanno nascere il Public Schools Alpine Sports Club e programmano le prime gare di sci alpino, in contrasto con le prove nordiche, che si svolgevano nelle altre località svizzere. Nel 1921organizzano il British Downhill e l’anno seguente una gara di sci tra Oxford e Cambridge. E’ di Arnold Lunn anche l’invenzione della prima gara di slalom, con gli sciatori che mentre scendono il pendio devono girare attorno agli alberi, alberi che poi, negli anni successivi sono stati sostituiti dalle porte da slalom!

Siccome risalire i pendii a piedi era faticoso, gli sciatori hanno richiesto l’uso del treno per accedere alle piste, e per alcuni anni i treni sono stati i primi impianti di risalita di Wengen.

Da allora, Wengen è diventata un area di sci d’alta quota con discese di notevole difficoltà tecnica: Kleine Scheidegg, Schilthorn e Lauberhorn. Sul Lauberhorn, fin dal 1930 si svolge una delle gare di discesa tecnicamente più impegnative e lunghe del circuito di Coppa del Mondo FIS maschile. Una grande classica con una pendenza fino al 90% e oltre 2.30 minuti di gara. La velocità massima raggiunta nell’ Haneggschuss si avvicina 160 kmh. La gara di slalom invece, si svolge sulla pista di Mannlichen. Wengen fa anche parte del comprensorio Jungfrau Top Ski, 214 km su 79 piste di cui 27 blu, 38 rosse, 14 nere, collegate con le altre località vicine come Grindelwald, Wilderswil, Lauterbrunnen – Mürren, Interlaken, tutte facilmente raggiungibili.

Wengen, la ferrovia della Jungfrau

Wengen, la ferrovia della Jungfrau

Oltre allo sci, questo villaggio incantato dell’Oberland Bernese, è attrezzato per il pattinaggio su ghiaccio, al centro del paese sono situate due piste sia per pattinare che per giocare a curling. Per gli amanti degli sport estremi, invece, un’esperienza unica è l’ Ice Climbing tra i crepacci dei ghiacciai e lo Snow Kite, dove si può fare a meno della terra sotto i piedi senza rischi. Per chi ama lo sci nordico ci sono 17 km di tracciati a disposizione mentre sono 25 i km di sentieri per le escursioni invernali. Inoltre, tantissime sono le possibilità per chi vuole lanciarsi con lo slittino: su tutte la pista Fox Run che scende sino a Wengen o la pista che dalla vetta del Faulhorn per 15 km arriva a Grindelwald.

L’estate di Wengen non è da meno dell’inverno, con più di 500 km di itinerari per escursioni segnalati e 15 impianti di risalita che conducono ai più bei punti panoramici della regione della Jungfrau.

Tra le passeggiate più classiche c’è la strada panoramica va da Wengen al Piccolo Scheidegg, da dove si può ammirare lo stupefacente spettacolo della triade Eiger, Mönch e Jungfrau. Chi ama l’avventura, può cimentarsi nel volo sul ghiacciaio con il parapendio. Per chi preferisce oltre all’avventura anche l’acqua, le trova nel river rafting e nel canyoning. Un’esperienza affascinante, è l’Eiger Trail, un’escursione di media difficoltà, ai piedi della parete nord dell’Eiger.

Ci sono poi, alcuni punti nei dintorni di Wengen dei quali è opportuna una più puntigliosa descrizione.

Il Piccolo Scheidegg/ Kleine Scheidegg è una stazione alpina direttamente ai piedi della parete nord dell’Eiger, situata a 2061 m di altitudine, ed è anche la stazione di partenza per la ferrovia della Jungfrau.

La ferrovia della Jungfrau, dove, già il viaggio in treno per raggiungere lo Jungfraujoch è spettacolare, ha due stazioni intermedie Eigerwand e Eismeer oltre ad un tunnel ricavato nella roccia lungo 7 km, dove si aprono delle finestre su un panorama incomparabile e sull’universo dei ghiacciai.

Lo Jungfraujoch, invece è una straordinaria meta tra neve e ghiaccio sul «Top of Europe» a 3454 m di altitudine.

Le cascate del torrente Trümmel presso Lauterbrunnen, sono nascoste nella roccia e si trovano in una delle gole di fusione di ghiacciaio più selvagge d’Europa.

L’escursione panoramica da Männlichen alla Kleine Scheidegg invece, è un’escursione semplice e breve ma affascinante per la vista sui tre giganti di roccia e ghiaccio: Eiger, Mönch e Jungfrau.

Naturalmente, Wengen, con circa 1.300 residenti tutto l’anno, che si gonfia fino a 5.000 durante l’estate e a 10.000 in inverno, offre ai suoi clienti, un’ospitalità degna della sua fama. E’ quindi sede di alberghi, di ristoranti, di ristoranti di montagna, di rifugi, di bar e caffè, dove vengono serviti i gustosi piatti della cucina svizzera, con specialità e formaggi locali oltre a piatti internazionali. Gli ospiti possono scegliere tra oltre 80 ristoranti che offrono di tutto, dall’alta cucina alle prelibatezze locali. Tra i piatti più rinomati, i rösti e la fonduta di formaggio che, se gustati in una fredda sera invernale, con magari qualche fiocco di neve che imbianca il paesaggio, possono diventare parte integrante della vacanza.

Se in inverno, tra le manifestazioni più prestigiose di Wengen, il primo posto e riservato al Trofeo del Lauberhorn, in estate ci sono almeno altri due appuntamenti degni della stessa fama: la Settimana della musica di Mendelssohn in agosto, con concerti eseguiti da musicisti di prim’ordine in onore del famoso compositore e pittore Felix Mendelssohn Bartholdy. E la Jungfrau Marathon, la maratona più spettacolare d’Europa che si svolge a settembre. Parte da Interlaken e raggiunge la parete nord dell’Eiger passando per Wengen con quasi 2000 metri di dislivello.

___________________________________________________________________________________________________________________________________

Herno Laminar - Il giubbino realizzato nel tessuto 3Layers - GORE-TEX® - impermeabile, antivento, traspirante ed ultraleggero, con esterno in misto poliestere, membrana interna in GORE-TEX® con termonastratature. Ha cappuccio ergonomico regolato da coulisse, doppia chiusura zip e press buttons, elastico interno sul fondo e coulisse regolabili, polsi con elastici e pratiche aperture con zip, doppio cursore anti-acqua sotto le braccia.

Herno Laminar UOMO – Il giubbino realizzato nel tessuto 3Layers – GORE-TEX® – impermeabile, antivento, traspirante ed ultraleggero, con esterno in misto poliestere, membrana interna in GORE-TEX® con termonastratature. Ha cappuccio ergonomico regolato da coulisse, doppia chiusura zip e press buttons, elastico interno sul fondo e coulisse regolabili, polsi con elastici e pratiche aperture con zip, doppio cursore anti-acqua sotto le braccia.

Herno Laminar - Nel tessuto 3Layers - GORE-TEX® - impermeabile, antivento, traspirante ed ultraleggero, con esterno in misto poliestere, membrana interna in GORE-TEX® con termonastratature – la novità di stagione è la giacca dalla linea ad A con cappuccio staccabile, maniche a kimono e chiusura laterale con zip e press button.

Herno Laminar DONNA – Nel tessuto 3Layers – GORE-TEX® – impermeabile, antivento, traspirante ed ultraleggero, con esterno in misto poliestere, membrana interna in GORE-TEX® con termonastratature – la novità di stagione è la giacca dalla linea ad A con cappuccio staccabile, maniche a kimono e chiusura laterale con zip e press button.

 

 


Le tappe precedenti del viaggio di Herno sulle Alpi: