Select Page

Scienza ricerca in Montagna

In questa sezione di DiscoveryAlps news e approfondimenti sui temi della medicina di montagna, dell’allevamento e su meteorologia e ghiacciai delle Alpi. I cambiamenti climatici sull’arco alpino, la sicurezza in montagna, le fiere dell’allevamento, …e molto altro ancora.


Quanto è basso il Monte Bianco

Quanto è basso il Monte Bianco

La notizia è che il re delle Alpi è un po’ più basso del previsto. Gli atlanti e le guide turistiche sono da riscrivere, visto che il Monte Bianco non è – in sostanza – più alto di 4800 metri. La notizia arriva da Parigi: la più imponente montagna d’Europa esce ridimensionata da una nuova e rigorosa misurazione franco-svizzera, appena effettuata con l’ausilio dei radar da un istituto scientifico di Grenoble assieme al Politecnico federale di Zurigo

Alpi Occidentali

Alpi Occidentali

Alcuni giorni fa, i quotidiani riservavano titoli a tutta pagina ai nubifragi sul Nord Italia: una raffica di temporali da Nord-Est aveva appena stroncato l’ondata di calore che da una settimana attanagliava buona parte d’Italia, con punte ben oltre i 35 °C sulle città padane e isoterma zero verso i 4500 m sulle Alpi. Ed ecco che, dopo i lamenti per il troppo caldo, arrivano puntuali le lagne per la breve interruzione temporalesca sul week-end dei vacanzieri

Convegno

Convegno

Il 25 settembre si terrà a Bormio, in Valtellina, un congresso dedicato alla medicina di montagna. “Attualità in Medicina di Montagna”, questo il titolo dell’undicesimo corso di aggiornamento per medici di trekking e spedizioni. L’organizzazione è a cura della Società italiana di Medicina di Montagna e della Commissione Centrale Medica del Cai

Un iperteso in trattamento ha tentato l’Everest

Un iperteso in trattamento ha tentato l’Everest

Tra le notizie di Everestnews, è apparsa recentemente quella concernente il tentativo al tetto del mondo, via colle nord, da parte di un giovane iperteso americano, Ryan Bendixen, in trattamento antiipertensivo. Purtroppo non è arrivato alla meta, per gravi problemi gastrointestinali. Nonostante avesse usato tutte le precauzioni possibili riguardo al cibo e all’acqua (aveva portato anche un filtro e pastiglie per renderla potabile) racconta di non essere mai stato così disturbato a livello intestinale

La medicina per il rischio idrogeologico

La medicina per il rischio idrogeologico

Rischio idrogeologico e attività di prevenzione: in una parola, il progetto europeo “Rinamed” (Rischi naturali nel mediterraneo occidentale- Interreg IIIB, Spazio MedOcc). Si tratta di un’attività che prevede la realizzazione di una ricerca – “Elaborazione di strumenti conoscitivi e operativi per la comunicazione (informazione/formazione) sui rischi naturali”

Una medicina per la montagna

Una medicina per la montagna

Un nuovo nato, certamente gradito: si tratta dell’Iistituto di Medicina del Tempo Libero, di Viaggio e di Montagna, che ha trovato sede in Austria presso la Privata Università di scienze della salute, informatica e tecnica medica. Perché un istituto di questo tipo?

Autosoccorso e soccorso nelle valanghe

Autosoccorso e soccorso nelle valanghe

Recentemente pubblicato su “Neve e valanghe”, un articolo di Hermann Brugger, medico di Brunico da anni dedito allo studio del soccorso dei travolti da valanga, fa il punto sulle tecniche di autosoccorso, presentando il risultato di 60 interviste a sopravvissuti a una valanga. È interessante osservare che durante la discesa della valanga solo il 18% degli sciatori è riuscito a liberarsi degli sci

Sesso e montagna contro il cancro

Sesso e montagna contro il cancro

“Montagna, sesso e niente fumo, la ricetta migliore per prevenire il cancro”, era il titolo di una nota ANSA diffusa il 29 gennaio scorso. La frase era attribuita a Paolo Comoglio, direttore scientifico dell’ IRCC di Candiolo. Conoscendo la serietà di ricercatore e la stima di cui Paolo Comoglio gode a livello internazionale, e poiché la frase estrapolata dal contesto in cui era stata pronunciata, si prestava a interpretazioni diverse, più o meno audaci, sono andata a fargli alcune domande

Bentornato inverno…

Bentornato inverno…

Dopo il gran caldo della scorsa estate ecco che l’inverno è tornato a posarsi sulle nostre montagne, seppellendo gli effetti di una stagione eccezionale. Ci eravamo lasciati con un approfondimento sulle temperature estive del 2003 sul Nord Italia, ecco ora qualche dettaglio sul bilancio di alcuni ghiacciai alpini

2003: la calda sofferenza delle Alpi

2003: la calda sofferenza delle Alpi

Quella del 2003 è stata davvero un’estate straordinaria sull’Europa centro-meridionale e le Alpi, sia per la lunga durata del caldo anomalo – da inizio maggio a fine agosto – sia per i valori medi stagionali. Per queste zone si può affermare che sia stata la più calda da almeno 250 anni

Obesità e mal di montagna

Obesità e mal di montagna

Un recente studio pubblicato su “Annals of Internal Medicine” (Ann Intern Med 2003; 139: 253-257), indaga la possibile associazione tra obesità e mal di montagna acuto. A tal fine 9 uomini obesi (indice di massa corporea superiore a 30) e 10 non obesi (indice di massa corporea inferiore a 25) sono stati studiati per 24 ore in una camera di decompressione

Il Viagra in alta quota: nuove prospettive di impiego

Il Viagra in alta quota: nuove prospettive di impiego

Del Viagra si è parlato molto in questi ultimi anni ed è noto a tutti il suo uso nei disturbi dell’erezione maschile. Il meccanismo d’azione è quello di provocare dilatazione delle arterie e maggior afflusso di sangue.

Ma cosa c’entra questo con la montagna e l’alta quota?

Gran caldo sulle Alpi

Gran caldo sulle Alpi

Viste da Torino, le Alpi si perdono nella foschia in queste giornate di gran calura estiva. Lontani, biancheggiano i ghiacciai del Gran Paradiso e del Monte Rosa. Oltre a questi, poco più resta da vedere del mediocre innevamento invernale, solo chiazze annidate nei canaloni ad alta quota, una veduta da fine luglio

E’ uscito l’«Atlante Climatico della Valle d’Aosta»

E’ uscito l’«Atlante Climatico della Valle d’Aosta»

Lo sapevate che la Valle d’Aosta è la regione alpina che vanta la più intensa nevicata nota in un giorno di tutto il mondo? E che il maggior spessore nevoso in Italia è stato misurato al colle del Piccolo San Bernardo? Queste e altre mille curiosità sono ora svelate nel nuovo volume «Atlante climatico della Valle d’Aosta»: un volume di oltre 400 pagine dense di dati, informazioni, immagini, grafici e citazioni letterarie che raccontano l’evoluzione dei parametri climatici tra passato e presente

Anno internazionale delle acque dolci

Anno internazionale delle acque dolci

Ancora nuove dall’anno dell’acqua dolce dell’Onu: sembrerebbe infatti che, con uno specifico protocollo dedicato all’acqua, la convenzione delle Alpi potrebbe contribuire ad una salvaguardia sostenibile delle risorse idriche in tutta la regione alpina, ossia per gran parte d’Europa. È quanto sostenuto dal ministro austriaco per l’agricoltura e le foreste, l’ambiente e l’idroeconomia Josef Proll nel corso della cerimonia di apertura di “Aquavisionen”, la scorsa settimana

Mare e montagna: un incontro esplosivo!

Mare e montagna: un incontro esplosivo!

Esplosiva” potrebbe essere la corretta definizione per la collaborazione che da alcuni anni si è instaurata tra la Monterosaski S.p.A. e Roberto Vassale, ammiraglio incursore della Marina Militare, per la messa a punto di un rivoluzionario sistema per la bonifica delle valanghe. Una delle attività di prevenzione contro le valanghe, nei comprensori sciistici, per la messa in sicurezza delle piste, consiste nel far precipitare a valle con cariche esplosive masse nevose o cornici, quando le piste sono chiuse … testo integrale

La sicurezza sulle piste: prevenzione delle valanghe

La sicurezza sulle piste: prevenzione delle valanghe

Le piste di sci sono sicure, anche in giorni con marcato pericolo di valanghe. Non tutti sanno, però, quanto difficile e complesso sia il lavoro necessario per mettere in sicurezza le piste e aprirle agli sciatori. Soprattutto dopo abbondanti nevicate e giornate di vento intenso …