Select Page

La regione vacanziera di Sölden, situata al confine tra l’Alto Adige e l’Austria, è formata oltre che da Sölden, anche da Hochsölden, Zwieselstein, Gurgl, Heiligkreuz, Vent e diversi altri casali nei dintorni. Il nome deriva dalla parola “selda” che così definisce la proprietà contadinesca più piccola. Questo paradiso alpino era stato già esplorato 5.300 anni fa da Oetzi, l’ormai famosa mummia del Similau, il quale già allora aveva superato e ammirato questi valichi.

Uno dei percorsi più interessanti per raggiungere questi luoghi è senz’altro la risalita al Passo del Rombo a 2.509 metri, la strada di confine più alta d’Austria. Una spettacolare strada alpina a pedaggio che conduce attraverso il ghiacciaio della Ötztal alle montagne con vigneti della Val Passiria in Alto Adige, per raggiungere poi Merano. Un appartato collegamento tra nord e sud, lontano dalle principali vie di scorrimento, nel cuore delle Alpi, che rivela a chi decide di percorrerlo il mondo dell’alta montagna tra il Tirolo e l’Alto Adige.

Soelden, hiking sulle Alpi del Tirolo

Sölden propone 300 chilometri di sentieri escursionistici che partono dai 1.377 metri dell’abitato per salire fin oltre i tremila metri di altitudine

A sud della località parte la funivia che porta al Gaislachkogel a 3.058 m s.l.m., un paradiso escursionistico fatto da una fitta rete di circa 300 chilometri di sentieri escursionistici che partono dai 1.377 metri dell’abitato per salire fin oltre i tremila. Sentieri per tutti i gusti, dove si può scegliere tra facili passeggiate e ripide scalate, con ben 99 punti di ristoro, suddivisi tra malghe e rifugi, che invitano i frequentatori a concedersi una pausa sfiziosa.

Ma Sölden è anche un autentico paradiso per la bici e la mountain bike, c’è solo l’imbarazzo della scelta tra single trails, itinerari per mountain bike, tracciati per velocisti e percorsi ciclabili per famiglie, inoltre gli impianti di risalita offrono il trasporto gratuito delle bici, permettendo così di risparmiare fatica nella salita. In agosto, inoltre, Sölden ospita la Ötztaler Radmarathon, una delle gare di bici più spettacolari del mondo.

I più coraggiosi, che non hanno voglia di fare una semplice escursione o una biciclettata si potranno avventurare con il rafting, canyoning o anche paragliding nella natura, dove l’adrenalina sicuramente si farà sentire…

D’estate come anche d’inverno la regione attira, con il suo superbo paesaggio un ampio pubblico al quale offre, oltre agli sport, anche un interessante tempo libero e lo fa con la Freizeit Arena, un luogo ideale per il relax, dove in uno spazio concentrato coesistono una piscina, campi da tennis e un fitness center. Anche la ricettività è ampia e variegata formata da circa 920 strutture che spaziano dall’affittacamere all’hotel di lusso. Così come la scelta di locali e serate après-ski che vanno dal bar all’aperto, alle caffetterie, pub, discoteche e cocktail bar che garantiscono allegria e divertimento fino alle ore piccole. Per gli amanti dello shopping il centro di Sölden offre tutto ciò si possa desiderare, i negozi di esclusivi articoli sportivi in particolare raggiungono qui una densità ineguagliabile.

L’area sciistica di Sölden è dotata di 144 km di piste, raggiungibili e collegati con 33 funivie, tra 1.350 e 3.340 m s.l.m.

L’area sciistica di Sölden è dotata di 144 km di piste, raggiungibili e collegati con 33 funivie, tra 1.350 e 3.340 m s.l.m.

Nei mesi invernali Sölden si trasforma in un vero e proprio paradiso sciistico! D’altra parte non c’é da meravigliarsi, dato che la località si trova ai piedi dei ghiacciai Rettenbach e Tiefenbach, dove fino ai primi giorni di primavera si può godere le giornate sugli sci. L’area sciistica di Sölden è dotata di 144 km di piste, raggiungibili e collegati con 33 funivie, tra 1.350 e 3.340 m s.l.m. Inoltre, caso unico in Austria, gli impianti permettono di raggiungere le cime di ben tre giganti di tremila metri, dove sono allestite altrettante piattaforme panoramiche, le Big3.

Sulle queste piste hanno luogo ogni anno tanti eventi imperdibili, tra cui l’apertura della Coppa del Mondo di sci a ottobre, oppure, lo spettacolo Hannibal o l’Electronic Mountain Festival a fine stagione.

Per chi invece preferisce fare un giro con gli sci da fondo, ci sono ben tre piste perfettamente preparate, mentre per gli altri sport invernali sono a disposizione un pala ghiaccio, una pista naturale per slittini Stallwiesalm e la pista per slittini Gaislachalm/Silbertal, aperta solo di notte.

Ma Sölden ha anche un’altra interessante prerogativa, nell’arco di pochi chilometri è possibile godere di posti altrettanto interessanti dal punto di vista turistico. Una visita la merita certamente Längenfeld, distante ca. 13 km, dove si trova il famoso bagno termale “Aqua Dome”! Oppure a soli otto chilometri c’è Obergurgl-Hochgurgl, la località con la chiesa più alta dell’Austria, a 1.800 m e dove c’è un interessante area sciistica con neve garantita da metà novembre fino a inizio maggio e piste fin sulla porta di casa: top quality skiing. Uno splendido panorama è anche possibile goderlo dal ”Top Mountain Star”, sulla punta del Wurmkogel a 3.000 m dove troneggia un edificio rotondo di metallo, legno e vetro e si possono ammirare le vette imponenti delle Alpi della Ötztal da un balcone che gira a 360° intorno al rifugio.

Anche il comprensorio sciistico per famiglie Oetz-Hochoetz / Ötztal è facilmente raggiungibile con la funivia sul Acherkogel da Oetz in soli otto minuti. Si tratta di un altopiano sciistico a 2.200 m con neve garantita oltre che dall’alta quota anche da più di 35 cannoni spara neve e un percorso di gara permanente vicino alla discesa sud del Brunnenkopf .

Widiversum invece è un parco avventure a oltre 2.000 metri d’altitudine che non incanta solo i bambini. Situato direttamente presso la stazione a monte degli impianti Achterkogelbahn, da Oetz il Widiversum è raggiungibile comodamente in soli dieci minuti. Dotato di 17 stazioni interattive, dalle caratteristiche particolarmente affascinanti, come per esempio un parco giochi acquatico, una gola magica o un divertente bosco di lana, invitano sia i bambini che gli adulti ad apprezzare i tesori naturali di questa valle.

Particolarmente affascinante è il Knappenweg Hochoetz, il Sentiero dei Minatori che si inoltra in un meraviglioso paesaggio alpino di alta montagna, tra i boschi di pino cembro della primitiva valle Wörgetal dove camosci, marmotte e nocciolaie sono di casa. Sono quattro i sentieri a disposizione per raggiungere il sentiero dei minatori: a Oetz-Hochoetz, la stazione a valle della Acherkogelbahn. Ochsengarten, la stazione a valle della Ochsengartenbahn. Mareil, il parcheggio Isserbrücke vicino al Gasthof Mareil e Kühtai, la stazione a valle della Drei-Seen-Bahn. Lungo questi percorsi ci sono testimonianze dell’antica civiltà locale, come muretti a secco o sentieri consolidati con sassi. Quindi ancora prima di raggiungere la meta e di ammirare la casa dei minatori con frantoio e impianto di vagliatura, sono molte le curiosità che si incontrano. La casa dei minatori è stata ricostruita nel luogo originale nello stile a blocchi delle case di legno del XVII sec. e ospita un piccolo museo minerario e un rifugio per escursionisti.

Informazioni turistiche: www.soelden.com/en

___________________________________________________________________________________________________________________________________

Herno - il nuovo parka è realizzato in nylon opaco. Le maniche a 3/4 e le delicate applicazioni floreali lo rendono un capo trasversale, ideale per il giorno, ma elegante per la sera.

Herno – il nuovo parka è realizzato in nylon opaco. Le maniche a 3/4 e le delicate applicazioni floreali lo rendono un capo trasversale, ideale per il giorno, ma elegante per la sera.

Herno - il nuovo parka è realizzato in nylon opaco. Le maniche a 3/4 e le delicate applicazioni floreali lo rendono un capo trasversale, ideale per il giorno, ma elegante per la sera.

Herno – il nuovo parka è realizzato in nylon opaco. Le maniche a 3/4 e le delicate applicazioni floreali lo rendono un capo trasversale, ideale per il giorno, ma elegante per la sera.


Le tappe precedenti del viaggio di Herno sulle Alpi: