Select Page

Avoriaz è un villaggio alpino a 1800 metri di altitudine, nel dipartimento dell’Alta Savoia, e appartiene al comune di Morzine, dove, già nel 1934 era stata inaugurata la teleferica del Pléney e poco tempo dopo altri impianti sui monti Nyon e Chamossière. Avoriaz invece ha una storia più recente, nata dal progetto di Jean Vuarnet, campione olimpico di sci nel 1960 e fondatore della nota casa produttrice di occhiali, è stata inaugurata nel 1966 quando, il 22 dicembre è stato aperto l’Hotel des Dromonts, il cuore del villaggio, la cui architettura innovativa ha dato l’impostazione per le costruzioni future. Volumi creati a seconda della natura circostante, con materiali, la pietra e il legno, perfettamente inseriti nel paesaggio. Questa moderna stazione di sport invernali dell’Alto Chiablese, adagiata su un altopiano a sud con vista sulla valle di Morzine, ha costruito la sua reputazione proprio sulla sua architettura audace e contemporanea grazie alla quale ha ottenuto il marchio “Patrimonio del XX secolo” conferitole dal Ministero della Cultura francese.

Chiusa al traffico, durante l’inverno le auto vengono sostituite dalle slitte, gli sciatori arrivano fino alla porta di casa con gli sci e i bambini possono andare su e giù con le slitte, senza correre nessun pericolo. Un luogo, Avoriaz, che affascina con la sua magia a prima vista ed è una bolla di neve nel cuore della Portes du Soleil, uno dei più grandi comprensori sciistici d’Europa che dà accesso a 650 km di piste attraverso la frontiera francese/svizzera, piste che diventano sentieri segnalati per mountain bike e trekking in estate. Il solo domaine skiable di Avoriaz è comunque un comprensorio di tutto rispetto, fatto di 75.5 Km di piste: 4 verdi , 25 blu , 14 rosse, 6 nere, servite da 14 ski lift, 17 seggiovie , 2 telecabine. Particolarmente adatto a iniziare i bambini allo sci è il villaggio di Annie Famose, indimenticata campionessa olimpica degli anni ’60, mentre i più grandi possono essere introdotti al freestyle nel Stash, il primo snowpark ecologico d’Europa .

Le scelte progettuali originali: auto resort gratuito, sito integrato, riscaldamento elettrico, sci total, hanno posto Avoriaz tra le stazioni meglio inserite e più giovani delle Alpi. Fortemente determinata e concentrata nel sostegno della sua identità e dei suoi beni più preziosi: l’ambiente, Avoriaz è riuscita a rimanere fedele alle idee iniziali ad evolvere nello stesso thread. Tra il 2011e il 2012 ha preso una dimensione mai conosciuta prima, con molti servizi, nuove case, una nuova arena, un nuovo centro benessere e lanciando l’ “Aqualudique montagna Aquariaz”, un nuovo concetto di montagna, fatto di un spazio tropicale con vegetazione naturale, unico in Francia, che le conferisce una nuova e unica dimensione di montagna in estate. Avoriaz è quindi un luogo in qui in inverno si possono godere: sci, snowboard, sci di fondo, racchette da neve, slitte trainate da cani, parapendio, immersioni sotto il ghiaccio, mountain bike sulla neve, slittino notturno, centro fitness, pista di pattinaggio e in estate, diventa il più grande club di montagna e per il tempo libero, con un offerta per piccoli e adulti, fatta di: trekking, mountain bike, golf su un campo di 9 buche, mini-golf, tennis, beach volley, arrampicata, sport acquatici (rafting, canyoning, nuoto in acque bianche), parapendio, tiro con l’arco, quad, equitazione, piscina esterna riscaldata con vasca per bambini, centro benessere (sauna, idromassaggio, bagno turco), lezioni di fitness o escursioni tra gli alberi. Numerosi sono anche gli eventi e le feste che Avoriaz organizza per i suoi ospiti, tra i quali per molti anni ha spiccato l’Avoriaz Fantastic Film Festival che, per fama e reputazione, viene subito dopo quello di Cannes. Dal 1973 al 1993, i più grandi nomi del film fantasy, ma anche tutti i personaggi della letteratura, dello sport, della TV ambivano ad essere parte del festival, sia come ospiti che come giuria. L’ Avoriaz Fantastic Film Festival sarà anche ricordato per aver scoperto e diffuso i film di autori come: Steven Spielberg, che ha vinto il primo Gran Premio nel 1973 con “Duel” di David Cronenberg in attraverso David Lynch ( “The Elephant Man”, Grand Prix 1980), Brian de Palma ( “Carrie”), George Miller ( “Mad Max”) o Luc Besson, che nel 1983 ha presentato il suo primo lungometraggio in bianco e nero “The ultima battaglia. ” La stagione invernale 2017 invece, riserva ogni mese qualche cosa di curioso e diverso a cui partecipare: a dicembre aveva organizzato il “Giorno della neve e di Natale”. A gennaio la “Settimana di Cabaret e spettacoli cena”. A febbraio “Neve Carnevale” e “Parti AvoNight . A marzo il “Rock The Tracks Festival”, 5 giorni di rock e sci nel centro della Portes du Soleil! Ogni giorno un concerto gratuito nel cuore delle piste! Accessibile con skipass, i concerti sono gratuiti per tutti gli sciatori e snowboarder delle 12 stazioni convenzionate con il comprensorio franco-svizzero della Portes du Soleil, appuntamento che si protrae fino all’inizio di aprile.

In estate, quando Avoriaz diventa un grande parco giochi e avventura, uno spazio di assoluta libertà per i bambini che si muovono in modo sicuro in un ambiente protetto, senza automobili, tutti i giorni si possono apprezzare dalle terrazze soleggiate dei ristoranti gli spettacoli da strada, inoltre, la sua vicinanza con Morzine, fa si che gli ospiti possano godere durante il loro soggiorno anche delle opportunità che il villaggio ai suoi piedi offre. Famoso è “Il mondo di Morzna”, un festival dove la fantasia incontra la realtà…, tutto succede quando una famiglia di elfi, Zines, si trasferisce a Morzine per le vacanze estive e modella il villaggio con le immagini del suo mondo magico tra fantasia e realtà, questi esseri leggendari invitano pertanto i genitori e i bambini a vivere una grande avventura e a condividere momenti davvero speciali. Inoltre, Morzine, si trova alla fine della Aulps Valley che porta verso Thonon-les-Bains, dove ci sono diversi siti che vale la pena di visitare: Montriond lago, il villaggio Lindarets , le gole del Ponte del Diavolo, o il Museo della Musica di Les Gets. Sempre a pochi chilometri c’è il lago di Ginevra con il borgo fortificato di Yvoire, o la città termale di Evian e la citta svizzera di Ginevra. Chamonix e il Monte Bianco, la vetta più alta d’Europa, sono a solo un ora da Morzine.

Impossibile in questo contesto non prendere in considerazione anche l’aspetto culinario di questa parte di Savoia, soprattutto i suoi formaggi che sono anche alla base di alcune gustose e tipiche ricette che dopo averle provate sul territorio sono di facile esecuzione al rientro a casa!

Grazie alla qualità dell’erba dei pascoli della Savoia e dell’Alta Savoia, che permette alle due razze di mucche locali, Tarine e all’Abondance, di produrre un eccellente latte, in Savoia si possono gustare il Beaufort, soprannominato il principe dei gruviera e la Tome des Bauges, confezionata nel massiccio dei Bauges, in Alta Savoia invece, sono il Reblochon di Savoia e l’Abondance i formaggi che, come quelli della Savoia hanno una Denominazione d’Origine Controllata (AOC), ai quali si aggiungono l’Emmental di Savoia, lo Chevrotin e la Tomme di Savoia che sono confezionati nei due dipartimenti. Tra le ricette, la scelta di DiscoveryAlps è caduta su:

La Tartiflette
È una ricetta tipica della Savoia, consiste nel fare gratinare patate cotte tagliate a rondelle con cipolle e pancetta abbrustolite. Il piatto, prima di essere messo in forno, deve essere coperto con un Reblochon – il famoso formaggio dell’Alta Savoia – senza crosta. La Tartiflette si sposa bene con l’insalata verde e i salumi.

La Raclette
E’ una famosa specialità di questi luoghi, consiste nel far fondere del formaggio di Savoia, servendosi di un set per raclette, per versarlo sulle patate calde. Una delizia! Il piatto si sposa bene con i salumi savoiardi e i cetriolini sott’aceto.

La Fonduta Savoiarda
Per preparare la fonduta savoiarda è necessario un caquelon (una casseruola in ghisa, terracotta o porcellana) strofinato con dell’aglio. In questa pentola, scaldata e riempita con un bicchiere di vino bianco di Savoia per persona, si fonderanno i formaggi Beaufort e Emmental, tagliati a pezzetti. Infine, servendosi di una forchetta, ogni commensale potrà immergere i propri dadini di pane nella fonduta. L’atmosfera calorosa a tavola è garantita!

Le Rissoles
Originarie della Savoia, le Rissoles sono una specie di piccolo panzerotto alle pere deliziosamente farcito, il cui nome proviene dal latino russeolus, che significa rossastro. Solitamente si preparano alla fine dell’autunno con pere dette “à rissoles”. La loro polpa, che diventa rossa alla cottura, ha dato il nome a questo dolce. A questa purea di pera si aggiungono zucchero e spezie. Poi si dora la pasta con tuorlo d’uovo, e dopo la cottura si aggiunge dello zucchero a velo. Le Rissoles si abbinano perfettamente ad una tazza di caffè o ad un gelato.

___________________________________________________________________________________________________________________________________

HERNO DONNA – Iconica forma A-Shape per il piumino realizzato in nylon mat dall’effetto manopesca e chiuso dalla maxi zip dorata. Il cappuccio e il bordo in pelliccia sono entrambi staccabili. Si avvale della tecnologia Polar-Tech, maggior imbottitura  e altamente isolante.

HERNO DONNA - Iconica forma A-Shape per il piumino realizzato in nylon mat dall'effetto manopesca e chiuso dalla maxi zip dorata. Il cappuccio e il bordo in pelliccia sono entrambi staccabili. Si avvale della tecnologia Polar-Tech, maggior imbottitura e altamente isolante.

HERNO DONNA – Iconica forma A-Shape per il piumino realizzato in nylon mat dall’effetto manopesca e chiuso dalla maxi zip dorata. Il cappuccio e il bordo in pelliccia sono entrambi staccabili. Si avvale della tecnologia Polar-Tech, maggior imbottitura e altamente isolante.

HERNO UOMO – Il grintoso bomber sfrutta la tecnologia Polar-Tech che caratterizza i capi più caldi della collezione: maggior imbottitura, più isolante. E’ realizzato in robusto nylon opaco accostato alla lana check print.

HERNO UOMO - Il grintoso bomber sfrutta la tecnologia Polar-Tech che caratterizza i capi più caldi della collezione: maggior imbottitura, più isolante. E' realizzato in robusto nylon opaco accostato alla lana check print.

HERNO UOMO – Il grintoso bomber sfrutta la tecnologia Polar-Tech che caratterizza i capi più caldi della collezione: maggior imbottitura, più isolante. E’ realizzato in robusto nylon opaco accostato alla lana check print.


Le tappe precedenti del viaggio di Herno sulle Alpi: